Carta tachigrafica

Cos'è una carta tachigrafica? Come funziona? Ti spieghiamo a chi rivolgerti e cosa devi fare per ottenerla, rinnovarla o sostituirla.

AVVISO

NUOVA PROCEDURA RICHIESTA CARTE TACHIGRAFICHE
PER EMERGENZA SANITARIA COVID-19

 

Si informa che in attuazione delle recenti disposizioni governative per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 e per le indicazioni previste dal Protocollo di regolamentazione per la sicurezza negli ambienti di lavoro, il servizio di rilascio/rinnovo delle Carte tachigrafiche svolto dalla Camera di commercio di Torino è assicurato con le seguenti modifiche e limitazioni:
 

  • tutte le domande di rilascio/rinnovo di carte tachigrafiche sono presentate esclusivamente per posta elettronica o per posta cartacea e in tutti i moduli di domanda deve essere scelta, come unica possibilità di consegna carta, la spedizione direttamente al recapito indicato dal richiedente.

Procedura invio per posta elettronica (non valida per le carte officina)

La seguente procedura non si applica per le richieste delle carte officina. 

  • scaricare il modulo di domanda corrispondente al tipo di carta richiesto (carta conducente, aziendacontrollo).  Utilizzare solo moduli presenti nel sito della Camera di commercio di Torino, scaricandoli il giorno stesso in cui vengono compilati e spediti. Eventuali copie di moduli scaricati in precedenza ovvero scaricati da altri siti potrebbero non essere aggiornati.  Le richieste presentate su moduli non aggiornati sono sospese.

  • compilare il modulo di domanda con attenzione e in tutte le sue parti, in particolare per la consegna selezionare esclusivamente la spedizione per posta all’indirizzo prescelto (vedi esempio).

  • effettuare il relativo pagamento dei diritti di segreteria comprensivo delle spese postali. Gli importi sono riportati nella pagina di dettaglio del sito relativa al tipo di carta richiesto - carta conducente, azienda controllo.

  • sottoscrivere il modulo in tutte le sue parti (sono richieste quattro firme in tre pagine).

  • scansionare il modulo firmato insieme a tutta la documentazione richiesta. Nella pagina di dettaglio del sito relativa al tipo di carta richiesto  - carta conducente, azienda, controllo - sono elencati i documenti richiesti.  In particolare, nel caso di rilascio carta conducente, è richiesta la foto: assicurarsi di fare una scansione con una risoluzione di buona qualità (almeno 300 DPI) di una foto di buona qualità (fototessera) Se la foto scansionata risultasse di scarsa qualità, la domanda potrebbe essere rifiutata dal sistema di produzione carte.

  • inviare il file ottenuto dalla scansione all’indirizzo PEC protocollo.generale@to.legalmail.camcom.it

Procedura invio per posta cartacea

 

  • scaricare il modulo di domanda corrispondente al tipo di carta richiesto (carta conducente, azienda, officina, controllo).  Utilizzare solo moduli presenti nel sito della Camera di commercio di Torino, scaricandoli il giorno stesso in cui vengono compilati e spediti. Eventuali copie di moduli scaricati in precedenza ovvero scaricati da altri siti potrebbero non essere aggiornati. Le richieste presentate su moduli non aggiornati sono sospese.

  • Compilare il modulo di domanda con attenzione e in tutte le sue parti, in particolare per la consegna selezionare esclusivamente la spedizione per posta all’indirizzo prescelto (vedi esempio).

  • Effettuare il relativo pagamento dei diritti di segreteria comprensivo delle spese postali. (Gli importi sono riportati nella pagina di dettaglio del sito relativa al tipo di carta richiesto - carta conducente, azienda, officina, controllo ).

  • Sottoscrivere il modulo in tutte le sue parti (sono richieste quattro firme in tre pagine).

  • Allegare in fotocopia tutta la documentazione richiesta.  (Nella pagina di dettaglio del sito relativa al tipo di carta richiesto - carta conducente, azienda, officina, controllo - sono elencati i documenti richiesti. In particolare, nel caso di domanda per carta conducente, allegare foto formato fototessera in originale).

  • Spedire il modulo e tutta la documentazione a: Camera di commercio di Torino, Via Carlo Alberto 16 –  10123 Torino.

Procedura richiesta carte per modifica dati o malfunzionamento

  • In via eccezionale e temporanea, al fine di limitare al massimo gli spostamenti coerentemente con le prescrizioni di sicurezza per il contenimento dell’emergenza epidemiologica, anche per le richieste di carte tachigrafiche per modifica dati o per malfunzionamento è possibile richiedere la consegna al recapito indicato dal richiedente nel modulo di domanda, effettuando il pagamento di € 40,17 (€ 37 per diritti di segreteria  e € 3,17 per le spese di postalizzazione).
    In questi casi, tuttavia, insieme al modulo di domanda e alla relativa documentazione richiesta, è necessario allegare anche una dichiarazione con la quale il richiedente si impegna a spedire alla Camera di commercio di Torino la carta da rinnovare entro 5 giorni dal ricevimento della nuova carta.


Infine, nel caso di richiesta per rinnovo, tenuto conto che l'emergenza epidemiologica inevitabilmente impatta sui processi di produzione con possibili rallentamenti nel  rilascio delle carte tachigrafiche, si raccomanda di presentare la domanda almeno 30 giorni prima della scadenza.

 

 

Ulteriori informazioni amministrative per l'utilizzo delle carte scadute o da rinnovare/sostituire new

Il Ministero dell'Interno ha diramato una  circolare per evitare sanzioni ai conducenti che, a causa di ritardi nel processo di produzione e consegna carte per l’emergenza epidemiologica COVID-19, dovessero trovarsi in difficoltà per non disporre nei tempi contrattuali della carta richiesta.

Cioè, non si applica alcuna sanzione al conducente che effettua le registrazioni manuali come previsto dall’art.35 del Regolamento UE 165/2014  ed esibisce ricevuta della domanda di rilascio/rinnovo/sostituzione della carta con data successiva al 23 febbraio 2020.

In particolare, in base al tipo di richiesta, il guidatore dovrà effettuare la registrazione manuale dei dati e portare con sé, oltre alla ricevuta della richiesta della nuova carta, anche uno dei seguenti documenti:

  • in caso di richiesta di rinnovo per scadenza: la carta scaduta, che non dovrà essere restituita alla Camera prima della ricezione della nuova carta;
  • in caso di richiesta di sostituzione per danneggiamento o malfunzionamento: la ricevuta dell'avvenuta restituzione alla Camera di commercio di Torino della carta danneggiata o malfunzionante;
  • in caso di richiesta di sostituzione per smarrimento o furto: la relativa denuncia.

Al fine di permettere alla Camera di commercio l’invio tempestivo della ricevuta, si richiede di indicare nel modulo di domanda un indirizzo mail attivo e di verificarne la posta in arrivo.

Il Regolamento (UE) 2020/698 del 25 maggio 2020 all'art. 4  disciplina in particolare le proroghe previste per gli adempimenti connessi al rinnovo e sostituzione delle carte conducenti.

Le patenti di guida in scadenza dal 31/01/2020 sono prorogate di validità fino al 31/8/2020 (ex art.104 del DL 18/2020).

 

Cosa sono le Carte Tachigrafiche?

Le carte tachigrafiche sono carte a microprocessore (tipo bancomat) che interagiscono con il tachigrafo digitale per la memorizzazione delle informazioni sui tempi di guida e di riposo dei conducenti. Ne esistono di quattro tipi diversi:

  • Carta CONDUCENTE. Registra i tempi di guida e di riposo, selezionando su un apposito commutatore, il tipo di attività che si sta eseguendo (guida, lavoro, riposo). Si inserisce nell’alloggiamento del dispositivo (tachigrafo digitale) nel momento in cui si prende in consegna un veicolo e si rimuove dal dispositivo al termine del periodo di lavoro giornaliero.
     
  • Carta AZIENDA: Con questa carta, l’Azienda proprietaria dei veicoli può bloccare e sbloccare il cronotachigrafo, trasferire i dati dello stesso e delle carte conducente su un proprio computer. Conserva in memoria i dati relativi ad almeno le ultime 230 attività eseguite.
     
  • Carta OFFICINA. Serve per installare, attivare, calibrare e gestire la manutenzione (ispezioni periodiche, sostituzioni e upgrade) dei cronotachigrafi. Conserva in memoria i dati relativi alle ultime 88 calibrature.
     
  • Carta CONTROLLO: Con la carta di controllo e un dispositivo di interfaccia si effettuano verifiche tecnico/amministrative, accedendo alla memoria dei tachigrafi digitali e ai dati delle carte dei conducenti, al fine di verificare il rispetto delle normative sull'autotrasporto.

Le Camere di Commercio italiane rilasciano, rinnovano e sostituiscono le carte, gestendone l’intero ciclo di vita.

Come richiedere, rinnovare o sostituire una carta tachigrafica?

Per ottenere una carta tachigrafica è necessario rivolgersi alla Camera di commercio del luogo in cui il richiedente risiede (in caso di persona fisica) o ha la sua sede (in caso di persona giuridica).

Avviso modifica standard numerazione carte new

Modalità di rimborso per errato pagamento diritti di segreteria

L'utente, nel caso effettui un pagamento dei diritti di segreteria non dovuto o di importo superiore al previsto, può richiedere il rimborso compilando il modulo di richiesta riportato nella seguente pagina. 

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?
Average: 2.8 (6 votes)

Aggiornato il: 19/06/2020 - 16:21

A chi rivolgersi

Ufficio CNS

Via San Francesco da Paola 24, 10123 Torino  Servizi CNS/firma digitale e Carte tachigrafiche - Gli sportelli ricevono solo su appuntamento, prenotando online il ticket di accesso. No prenotazioni telefoniche. *** Per informazioni di carattere generale: scrivere all'indirizzo di posta elettronica ordinaria. Non scrivere da una casella PEC, potreste non ricevere la risposta dell'Ufficio CNS. La vostra PEC, infatti, potrebbe non essere abilitata a ricevere messaggi da casella non PEC; oppure telefonare dal lunedì al venerdì, 9.00 - 11.00, risponditore automatico in altri orari. *** Per ogni altra esigenza amministrativa scrivere all'indirizzo PEC dell'ufficio, anche da email non PEC.
011 571 6250