5.2 - Gli strumenti di assistenza esterna dell'Unione Europea

L’Unione Europea è uno dei principali fornitori mondiali di aiuti pubblici allo sviluppo nell’ambito della sua politica di assistenza esterna (“Europa Globale”), con uno stanziamento complessivo di bilancio di oltre 66 miliardi di euro per il periodo 2014-2020.
A questa cifra vanno aggiunti i circa 30 miliardi di euro previsti (fuori bilancio) per lo stesso periodo di riferimento nel quadro dell’XI FES (Fondo europeo di Sviluppo – v. sotto).

La politica estera dell’Unione Europea si prefigge il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • garantire la stabilità
  • diritti umani e la democrazia
  • favorire la prosperità economica
  • favorire la buona  governance

L’attuazione della politica estera comunitaria si realizza attraverso due strumenti:

  • geografici, che si possono basare su accordi tra l’UE e i singoli paesi (cooperazione bilaterale) oppure tra l’UE e gruppi di paesi della stessa area (cooperazione regionale)​
  • tematici,  senza distinzione di paesi

Qui di seguito elenchiamo i principali strumenti  comunitari di intervento nell’ambito dell’assistenza ai paesi terzi

Focus - STRUMENTO DI PRE-ADESIONE - IPA (PRE-ACCESSION INSTRUMENT II)

Paesi beneficiari à paesi candidati a entrare in futuro nell’Unione Europea:  AlbaniaBosnia Erzegovina, ex Repubblica di Iugoslavia di Macedonia,  Kosovo, MontenegroSerbia, Islanda, e Turchia

Priorità di intervento individuate: riforme istituzionali, amministrative, sociali ed economiche in vista della futura adesione

Budget : 11.699 milioni EUR

Sito di riferimento:
http://ec.europa.eu/enlargement/instruments/overview/index_en.htm

Focus - STRUMENTO DI VICINATO E PARTENARIATO EUROPEO – ENI (EUROPEAN NEIGHBOURHOOD INSTRUMENT)

Paesi beneficiari: paesi terzi considerati come strategici per la politica di vicinato comunitaria, Algeria Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Egitto, Georgia, Israele, Giordania, Libano, Libia, Repubblica Moldova, Marocco, Territori Palestinesi occupati, Siria, Tunisia, Ucraina, Russia*

Priorità di intervento individuate: promozione piccole imprese,  sostegno società civile, cooperazione in campo energetico, azioni per il cambiamento climatico, trasporti, pari opportunità.

Budget: 15,433 milioni EUR
Sito di riferimento: www.enpi-info.eu/ENI

* La Russia rientra in ENI solamente per quanto riguarda gli interventi che coinvolgono più paesi dello stesso strumento e per la parte di cooperazione transfrontaliera (v. anche capitolo 2).

Per i rimanenti interventi solo su base bilaterale (che riguardano quindi solo il territorio russo), rientra nel nuovo strumento Partenariato con i paesi Terzi - PI citato nei successivi punti.

Focus - STRUMENTO DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO - DCI (DEVELOPMENT COOPERATION INSTRUMENT)

Paesi beneficiari: paesi dell’America latina, Asia meridionale, Asia settentrionale e sudorientale, Asia Centrale, Medio Oriente (Iran, Iraq e Yemen), Africa del Sud.
DCI copre tutti i Paesi in via di sviluppo ad eccezione dei Paesi rientranti rispettivamente nello  strumento di pre-adesione IPA, nello strumento di Vicinato e Partenariato ENI e nel Fondo Europeo di Sviluppo -  FED di cui al successivo punto.

Priorità di intervento individuate: lotta alla povertà,  sviluppo della società civile, dell’economia, tutela ambientale, governance.

In particolare si suddivide a sua volta in:

  • programmi geografici con 47 paesi  rispetto ai quali sono stati identificate priorità per singolo paese o per gruppi di paesi con caratteristiche comuni per azioni nell’ambito dei diritti civili, della democrazia, good governance, crescita sostenibile ecc
  • 2 programmi tematici (che possono quindi applicarsi a tutti i paesi del programma):
    1) Global Public goods and challenges: cambiamento climatico, ambiente, energia, sviluppo umano, sicurezza alimentare e migrazione;
    2) Civil society organisations and local authorities: rafforzamento di questi soggetti locali
  • 1 Programma Panafricano: Questo programma è destinato ai  paesi dell’Africa del Sud ed integra, come anticipato sopra, gli interventi  previsti per gli altri paesi africani che sono invece coperti dal sopracitato ENI, IPA e dal Fondo Europeo di Sviluppo -  FED (vedi punto successivo). Tra le priorità per questa parte: governance democratica, energia ed ambiente, commercio, trasporti, società dell’informazione.

Budget: 19.662 milioni EUR

Sito di riferimento:

https://ec.europa.eu/europeaid/funding/funding-instruments-programming/funding-instruments/development-cooperation-instrument-dci_en 
 

Focus - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO – FED (EUROPEAN DEVELOPMENT FUND)

Paesi beneficiari: Paesi dell’Africa, Caraibi, Pacifico e Territori d’Oltremare, ovvero i paesi coperti dagli Accordi di Cotonou, conosciuti anche come paesi ACP.
L’elenco di questi paesi è consultabile sul sito:
https://ec.europa.eu/europeaid/regions/african-caribbean-and-pacific-acp-region/cotonou-agreement_en

Priorità di intervento individuate: sviluppo economico, rafforzamento capitale umano e sociale, cooperazione ed integrazione regionale

Budget: 30.506 milioni EUR

Sito di riferimento:
https://ec.europa.eu/europeaid/funding/about-funding-and-procedures/where-does-money-come/european-development-fund_en
 

Focus - STRUMENTO DI PARTENARIATO CON I PAESI TERZI – PI (PARTNERSHIP INSTRUMENT)

Paesi beneficiari: paesi extra-Ue industrializzati (es. Singapore), ad economia emergente (es. India, Cina, Brasile) e paesi in cui l’UE ha interesse significativi.
Sostituisce il precedente strumento per la cooperazione con Paesi e territori industrializzati e con altri ad alto reddito – ICI.
In particolare i paesi coperti dallo strumento sono illustrati nel documento riferito al momento per la fase 2014-2017 « Multi-annual Indicative Programme for the period 2014-2017” , disponibile sul sito dello strumento

Priorità di  intervento individuate: competitività, ricerca ed innovazione, tutela proprietà intellettuale, sicurezza energetica e ambiente, sostegno all’accesso al mercato per le PMI europee

Budget: 955 milioni EUR

Sito di riferimento
http://ec.europa.eu/dgs/fpi/what-we-do/partnership_instrument_en.htm

Focus - STRUMENTO EUROPEO PER LA DEMOCRAZIA E I DIRITTI UMANI – EIDHR

Paesi beneficiari: tutti in quanto strumento tematico.

Priorità di  intervento individuate: sviluppo e consolidamento della democrazia e dello stato di diritto, sostegno alla società civile attiva, alla tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

Budget: 1.333  milioni EUR

Sito di riferimento: www.eidhr.eu

Focus - STRUMENTO PER LA STABILITA' E LA PACE - IFSP – INSTRUMENT CONTRIBUTING TO STABILITY AND PEACE

Paesi beneficiari: tutti in quanto strumento tematico

Priorità di intervento individuate: interventi per situazioni di crisi in corso,  per prevenzione conflitti e minacce globali alla pace, alla sicurezza internazionale e alla stabilità.

Budget: 2.339 milioni EUR

Sito di riferimento :
http://ec.europa.eu/dgs/fpi/what-we-do/instrument_contributing_to_stability_and_peace_en.htm

Focus - STRUMENTO PER LA COOPERAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NUCLEARE NEI PAESI TERZI - INSC2

Paesi beneficiari: tutti in quanto strumento tematico.

Priorità di intervento individuate: promozione della cultura della sicurezza nucleare, gestione responsabile del combustibile nucleare esaurito, elaborazione di metodologie per la salvaguardia efficicace del materiale nucleare nei paesi terzi

Budget: 225 milioni EUR

Sito di riferimento: http://eeas.europa.eu/nuclear_safety/index_en.htm

Focus - AIUTO UMANITARIO - ECHO

Paesi beneficiari: tutti in quanto strumento tematico

Priorità di intervento individuate: alleviare le sofferenze e salvaguardare l’integrità e la dignità delle popolazioni colpite da disastri naturali e/o da crisi provocate dall’uomo.

Budget : 6.621 milioni EUR

Sito di riferimento
http://ec.europa.eu/echo/en


Sulla base di questa ripartizione di fondi nell’ambito del budget comunitario, la politica di assistenza  della Commissione Europea nei paesi terzi interviene, nell’ambito della dotazione finanziaria prevista dagli strumenti elencati, attraverso i seguenti tipi di interventi citati all’inizio del capitolo:

  • la programmazione di gare d’appalto (tenders) di lavori, forniture e servizi, di cui al paragrafo 5.3
  • concedendo sovvenzioni (grants) per la realizzazione di progetti destinati ad uno o  più paesi (es. progetti di capacity building) di cui al paragrafo 5.4
  • con linee di credito gestite tramite la Banca Europea Investimenti - BEI  ed il Fondo Europeo Investimenti – FEI 
     

Focus - LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI NEI PAESI EXTRA-UE: IL RUOLO DI EUROPEAID (DG DEVCO) E DELL' EUROPEAN EXTERNAL ACTION SERVICE (EEAS)

La programmazione degli interventi previsti tramite gli strumenti elencati  è fatta su base pluriennale 2014-2020, con in genere una revisione a metà percorso.

La gestione è seguita dalla Direzione Sviluppo e Cooperazione EuropeAid della Commissione Europea – Dg Devco Europe Aid (che sostituisce l’ex  Direzione Relazioni Esterne e l’ex Direzione Sviluppo e l’ufficio di Cooperazione Europe Aid) con il supporto operativo del Servizio Europeo per l’Azione Esterna – European External Action Service (EEAS). 

Il Servizio EEAS, creato nel 2009 con il Trattato di Lisbona, ha sede a Bruxelles ed opera in 140 delegazioni della Commissione nel mondo. A partire dal 2000, nell’ambito della riforma della gestione dell’aiuto esterno comunitario, è stato infatti dato avvio ad un decentramento della gestione degli interventi verso le delegazioni locali della Commissione a cui è affidato il compito di individuare le strategie, redigere i bandi e selezionare le candidature, con la supervisione di Bruxelles.

Il Trattato di Lisbona ha inserito in EEAS anche il Servizio “Service for Foreign Policy Instruments (FPI)” che gestisce gli strumenti di assistenza esterna relativi alla Cooperazione con i paesi industrializzati (PI di cui sopra) e lo Strumento di stabilità mentre gli altri strumenti sono seguiti da EEAS.

Siti di riferimento:

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Stampa capitolo in un file PDF:

Aggiornato il: 03/11/2015 - 14:12