Comunicazione PEC

Che cos’è la pratica semplice (PEC semplice)?

E’ una procedura semplificata on-line che consente al legale rappresentante della società (amministratore o socio amministratore) e al titolare dell'impresa individuale, muniti di un dispositivo di firma digitale, di effettuare direttamente e personalmente la comunicazione della PEC dell'impresa, senza bisogno di registrarsi né di autenticarsi. Fornendo semplicemente il codice fiscale dell’impresa e del dichiarante (in caso di società), il codice fiscale del titolare (in caso di impresa individuale) e l’indirizzo PEC da iscrivere nel Registro Imprese, la procedura semplificata predisporrà automaticamente una pratica di Comunicazione Unica, recuperando dal Registro Imprese le altre informazioni necessarie.
Il legale rappresentante e il titolare dovranno soltanto firmare digitalmente la pratica che verrà, a conclusione della procedura di compilazione e sottoscrizione della stessa, inviata al Registro Imprese così come formata, cliccando semplicemente sul bottone “Invia pratica”.
Per eventuali problemi tecnici contattare il numero 199 502 010.

Chi è il soggetto legittimato alla presentazione della comunicazione della PEC?

  • per la società: uno degli amministratori o il legale rappresentante della società (amministratore o socio amministratore)
  • per l'impresa individuale: il titolare. In presenza di imprenditore incapace di agire (minore non emancipato e interdetto) la domanda al Registro delle imprese deve essere presentata dal soggetto che lo rappresenta legalmente (genitore o tutore).

Chi può utilizzare la procedura semplificata (PEC semplice)?

Soltanto i legali rappresentanti (amministratori o soci amministratori) della società e al titolare dell'impresa individuale.

Come può la società regolarizzare una domanda con la quale per errore è stata richiesta anche la variazione dell'indirizzo della sede legale della società?

Soltanto in seguito alla richiesta dell'Ufficio e secondo le modalità dallo stesso indicate, allegando alla domanda, per il tramite della gestione correzioni, una dichiarazione attestante che la variazione dell'indirizzo della sede legale è stata fatta per errore.
Conseguentemente l'Ufficio provvederà ad iscrivere soltanto la comunicazione della PEC. 

Come si accede alla procedura semplificata?

Per accedere direttamente alla procedura semplificata è necessario andare sul sito http://www.registroimprese.it,/ in corrispondenza del check box "Pratica semplice" (in basso a destra) selezionare "Iscrizione PEC" e successivamente cliccare su "PROCEDI". Da questo momento seguire la procedura guidata.

Con quali modalità è possibile comunicare la PEC delle società o delle imprese individuali?

La comunicazione della PEC può essere fatta attraverso una pratica di Comunicazione Unica, utilizzando alternativamente:

  • Comunica Starweb
  • FedraPlus (programma utilizzabile per comunicare solamente le PEC delle società)
  • Altri software compatibili
  • Pratica semplice (procedura semplificata)

Cosa succede se per errore con la comunicazione della PEC si è presentata anche una pratica di modifica della sede legale della società?

Questo tipo di errore non si verifica quando la comunicazione viene fatta per mezzo della procedura semplificata o tramite Comunica Starweb (se per eseguire la variazione si è selezionato "PEC").
Si verifica, invece, quando la comunicazione della PEC viene fatta tramite Comunica Fedra e per errore si è cliccato sul bottone "Sede anagrafica". Così facendo, il sistema compila automaticamente i dati della localizzazione dell'impresa (indirizzo della sede legale) generando anche una pratica di modifica della sede anziché una pratica di sola comunicazione della PEC.
E' fondamentale quindi compilare esclusivamente i campi relativi alla PEC.
In caso di errore quindi, nella distinta, oltre ad essere compilato il riquadro relativo alla PEC, risulta anche compilato il riquadro relativo alla sede legale con l'indicazione dello stesso indirizzo già presente nella visura relativa alla società.
Questa circostanza pone il Registro Imprese nelle condizioni di non sapere con certezza se si è trattato di un errore ovvero di una rettifica della data a decorrere dalla quale la sede legale della società risulta ubicata presso quell'indirizzo.
Per questo motivo, la domanda verrà sospesa affinché l'Ufficio possa accertare se si è trattato di un mero errore o di una rettifica. In caso di mancata regolarizzazione, la domanda sarà rifiutata limitatamente alla variazione dell'indirizzo della sede legale, e sconterà comunque l'imposta di bollo e i diritti di segreteria dovuti.

Devono comunicare la PEC anche le società cooperative?

Sì, devono comunicare la PEC anche le società cooperative. La legge nel fare generico riferimento a tutte le imprese costituite in forma societaria non le esclude.

Devono comunicare la PEC anche le società estere che hanno una o più sedi secondarie in Italia?

Sì, devono comunicare la PEC anche le società estere aventi in Italia una o più sedi secondarie. La legge nel fare generico riferimento a tutte le imprese costituite in forma societaria non le esclude.

Devono comunicare la PEC anche le società in fallimento?

No, le società in stato di fallimento non rientrano tra i soggetti obbligati all'adempimento

Pagine