Sei in Aggiornato il: 5 Aprile 2016

Modifiche al contratto di rete - impresa individuale

Condividi questa pagina

Ufficio competente

Registro delle imprese presso cui è iscritta l’impresa di riferimento.
Per impresa di riferimento si intende quella indicata nell’atto modificativo che non necessariamente deve coincidere con l’impresa di riferimento per la quale è stata compilata la domanda in fase di deposito del contratto di costituzione della rete (vedi Avvertenze).

Regime pubblicitario - Tipo adempimento

  • Regime pubblicitario: pubblicità DICHIARATIVA 
  • Tipo adempimento: domanda di iscrizione nel Registro delle imprese

 

Termini di presentazione della domanda/denuncia - Sanzioni

  • Termine di presentazione della domanda: nessuno
     
  • Sanzioni: non previste

 

Soggetti obbligati alla presentazione della domanda/denuncia

Titolare dell’impresa di riferimento.

Per impresa di riferimento si intende quella indicata nell’atto modificativo che non necessariamente deve coincidere con l’impresa di riferimento per la quale è stata compilata la domanda in fase di deposito del contratto di costituzione della rete (vedi Avvertenze).

Soggetti legittimati a presentare la domanda/denuncia in luogo dei soggetti obbligati

  • Notaio: se l’atto è stato redatto nella forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata, ex art. 31, legge 340/2000 comma 2-ter.
  • Procuratore
  • Professionista incaricato: commercialista, ragioniere, perito commerciale regolarmente iscritto nella sezione A o B dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (ex art. 31, legge n. 340/2000, commi 2-quater e quinquies ed ex art. 1, D.Lgs. n. 139/2005, comma 3, lettera q), e comma 4, lettera f)).

Firme: chi deve firmare la domanda/denuncia

Firma digitale del soggetto che presenta la domanda (Notaio, titolare, procuratore o professionista incaricato).
 

Nel caso in cui il titolare sia privo del dispositivo di firma digitale, lo stesso può:

  • conferire procura ad altro soggetto ai sensi dell’art. 38 del D.P.R. n. 445/2000. In tal caso deve essere allegata la procura portante il numero identificativo della pratica, firmata autografamente dal titolare; a perfezionamento di questa modalità di firma occorre allegare, in un file separato, codificato con il codice E20, copia semplice del documento di identità del titolare;

oppure

  • conferire l’incarico alla presentazione della domanda ad un professionista incaricato, commercialista, ragioniere, perito commerciale regolarmente iscritto nella sezione A o B dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (ex art. 31, legge n. 340/2000, commi 2-quater e quinquies ed ex art. 1, D.Lgs. n. 139/2005, comma 3, lettera q), e comma 4, lettera f)), mentre il professionista deve indicare nel Modello Note della domanda di essere stato incaricato alla presentazione dal titolare dell'impresa di riferimento.
    La dichiarazione d’incarico da rendere nel Modello Note, nel caso di professionista che firma con dispositivo contenente il “certificato di ruolo”, è la seguente: “Il sottoscritto … dottore commercialista/ragioniere, consapevole delle responsabilità penali previste in caso di falsa dichiarazione, ai sensi degli artt. 46 e 47 D.P.R. n. 445/2000, dichiara di presentare la domanda su incarico di … (nome e cognome del titolare dell'impresa di riferimento)”.
    La dichiarazione d’incarico da rendere nel Modello Note, nel caso di dispositivo di firma privo del “certificato di ruolo”, è la seguente: “Il sottoscritto … dottore commercialista/ragioniere, consapevole delle responsabilità penali previste in caso di falsa dichiarazione, ai sensi degli artt. 46 e 47 D.P.R. n. 445/2000, dichiara di essere iscritto nella sezione… (A o B) dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di…, al n. ... Dichiara, inoltre, di non avere a proprio carico provvedimenti disciplinari ostativi all’esercizio della professione e di presentare la domanda su incarico di … (nome e cognome del titolare dell'impresa di riferimento)”.

 

Modulistica obbligatoria ed eventuale

  • Modello I2 con codice atto A27 (vedi Avvertenze)
  • Modello Note (eventuale) in cui deve risultare:
    • la dichiarazione d’incarico resa da un professionista, nel caso in cui il titolare, privo del dispositivo di firma digitale, conferisca allo stesso l’incarico alla presentazione della domanda
       

L’esempio Distinta R.I. non è disponibile in quanto, ad oggi, Starweb non consente di predisporre un esempio univoco che guidi l’utente nella compilazione corretta della domanda.

Allegati della domanda/denuncia

  • Copia informatica dell'originale cartaceo del contratto modificativo della rete, in formato pdf/A-1, sottoscritta digitalmente dal Notaio1 ai sensi dell'art. 22, comma 1 del D.Lgs. n. 82/20052

oppure


1Se l'atto è redatto nella forma dell'atto pubblico o della scrittura privata autenticata.

2Oppure copia per immagine (acquisita tramite scansione ottica) dell’originale cartaceo dell’atto, in formato .pdf/A-1, sottoscritta digitalmente dal Notaio e dallo stesso dichiarata conforme, ai sensi art. 22, comma 2 del D.Lgs. n. 82/2005, secondo la seguente formula apposta in calce all’atto: “Il sottoscritto…(nome e cognome), in qualità di Notaio, dichiara, ai sensi dell’articolo 22, comma 2 del D.Lgs. n. 82/05, che la copia dell’atto ... (indicare il tipo di atto)  è conforme all’originale. Lì,…(indicare luogo e data)”

Registrazione dell'atto

Obbligatoria: non è consentito il deposito dell’atto anteriormente alla registrazione ai sensi dell’art. 66 D.P.R. n. 131/86, se redatto nella forma dell’atto pubblico.
N.B.: i numeri di registrazione e di repertorio sono tra gli elementi identificativi del contratto di rete da indicare obbligatoriamente nella modulistica in fase di compilazione della domanda.

Importi

  • Diritti di segreteria: euro 90,00
     
  • Imposta di bollo: euro 17,50 se assolta tramite la Camera di Commercio di Torino – autorizzazione Ministero delle Finanze Direzione Generale delle Entrate in Piemonte – n. 9/2000 del 26/09/2000.

 

Avvertenze

  • Impresa di riferimento: nelle modifiche al contratto di rete, per espressa previsione normativa, l’impresa di riferimento deve essere sempre indicata nell’atto modificativo. Spetta, infatti, a tale impresa depositare, per l’iscrizione, l’atto modificativo del contratto sulla propria posizione Registro imprese.
     
  • Imprese partecipanti: nelle modifiche al contratto di rete, le imprese partecipanti, diverse dall’impresa di riferimento, non devono presentare alcuna domanda al Registro delle imprese1. La comunicazione dell’avvenuta iscrizione delle modifiche al contratto di rete, così come previsto dal comma 4-quater, sarà effettuata dal Registro delle imprese che ha ricevuto la domanda dell’impresa di riferimento, a tutti gli uffici del Registro delle imprese presso cui sono iscritte le altre partecipanti, i quali provvederanno d’ufficio alle relative annotazioni della modifica.
     
  • Partecipante non "impresa": non è possibile stipulare un contratto di rete con soggetti diversi da imprese2 (associazioni, persone fisiche, ecc.) non iscritti nel registro delle imprese.
     
  • Compilazione della modulistica: la normativa non prevede quali siano gli elementi da indicare nella domanda. E’ fondamentale, tuttavia, indicare il numero di repertorio e di registrazione dell’ultimo atto iscritto, per lo specifico contratto di rete, in quanto il sistema informatico, dopo l’evasione della domanda, andrà automaticamente ad aggiornare la corrispondente visura sulla base agli elementi identificativi su indicati.  
     
  • Compilazione della domanda tramite il software Starweb: in Starweb è disponibile un’apposita sezione “Comunicazione rete di imprese” da compilare in modo guidato. Selezionando l’apposita voce in Starweb, l’impresa di riferimento deve compilare la domanda indicando i dati corrispondenti alle modifiche apportate al precedente contratto iscritto, con particolare riferimento alle variazioni riguardanti le imprese partecipanti, delle quali, l’impresa di riferimento, dovrà ad ogni modifica del contratto, riportarne gli estremi identificativi3.
     
  • Redazione della modifica di un contratto con modello tipizzato:  all'indirizzo web http://contrattidirete.registroimprese.it/reti/?cb=TO è disponibile un servizio on-line gratuito per la predisposizione guidata di un contratto di rete con firma digitale dei rappresentanti delle imprese contraenti. Al termine sarà prodotto un atto in formato XML tipizzato tramite il modello informatico standard definito nel decreto n. 122/2014.
     
  • Ammissione/recesso di nuove imprese dal contratto di rete: anche la semplice ammissione e il recesso delle imprese che hanno sottoscritto il contratto originale, comporta una modifica del contratto di rete da depositarsi nel Registro delle imprese, come disposto dal comma 4-quater .
     
  • Variazione della soggettività dei partecipanti (es. a seguito di cessioni azienda, fusioni/scissioni ecc): al momento, non essendovi specifiche previsioni normative e, stante la struttura del software Starweb, si ritiene che la domanda debba essere comunque presentata dall’impresa di riferimento. Tali variazioni possono essere comunicate al Registro delle  imprese senza necessità di allegare alcun atto alla domanda ma indicando nel modello Note che si tratta di una "Variazione della soggettività giuridica a seguito di … (fusione, cessione azienda ecc.) di cui all’atto depositato in data … prot. n…. presso il Registro delle imprese di …".
     
  • Atto soggetto a termine futuro4: evidenziare il termine futuro nel modello Note.
     
  • Atto soggetto a condizione sospensiva: le norme non hanno previsto un termine per il deposito delle modifiche del contratto di rete nel Registro delle imprese, pertanto, qualora fosse stabilita una condizione sospensiva, l’atto deve essere depositato al verificarsi della condizione, quindi, successivamente al momento in cui il contratto diviene efficace. 
     

1Il software Starweb, anche in caso di modifica del contratto, propone la voce, selezionabile, “Modifica contratto come impresa partecipante” in quanto non ancora aggiornato sulla base delle ultime modifiche apportate al D.L. 5/2009. Tale opzione non deve essere utilizzata.
2Così si è espresso il Ministero dello Sviluppo Economico con proprio parere, del 13/8/2014 prot. 0145656.
3Se gli elementi identificativi del precedente contratto di rete iscritto sono correttamente indicati, Starweb propone, in fase di compilazione, l’elenco delle imprese partecipanti risultanti da confermare, se non recedute, selezionando un’apposita casella facilitando, in tal modo, l’aggiornamento dell’elenco delle imprese partecipanti.
4Le norme non hanno previsto un termine per il deposito delle modifiche del contratto di rete nel Registro imprese, pertanto, qualora fosse stabilito un termine di efficacia futura, trattandosi di mera pubblicità dichiarativa, se ne consiglia il deposito dopo il verificarsi del termine.

 

Approfondimento

Il contratto di rete è stato disciplinato ed introdotto nel nostro ordinamento giuridico dal D.L. n. 5/09, convertito con modificazioni nella L. n. 33/09. Successivamente, tale decreto è stato interessato da importanti interventi correttivi apportati con i Decreti Legge n. 78/10, n. 83/12 e n. 179/12 i quali hanno modificato sostanzialmente, con riguardo ad alcuni temi, la disciplina originaria.                        

Il contratto di rete è un accordo tra più imprenditori, qualunque sia la loro natura giuridica, potendo essere indifferentemente imprese individuali, società o anche imprenditori di altra natura come, per esempio, imprenditori pubblici. 

Con il contratto di rete gli imprenditori contraenti si impegnano a collaborare tra loro al fine di accrescere, sia individualmente sia collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato.

A tale scopo, con il contratto le imprese “si obbligano”, sulla base di un programma, a:

  • collaborare in forme e ambiti predeterminati attinenti all’esercizio delle proprie attività
  • scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica
  • esercitare in comune una o più attività rientrante nell’oggetto della propria impresa. 

La caratteristica fondamentale del contratto di rete è dunque rappresentata dalla presenza di uno scopo comune a tutte le imprese aderenti, per raggiungere il quale le stesse assumono determinati “obblighi”.
 
Il contratto deve essere redatto necessariamente per:

  • atto pubblico
  • scrittura privata autenticata
  • atto firmato digitalmente da ciascun imprenditore o legale rappresentante delle imprese aderenti, ai sensi degli articoli 24 e 25 del Codice dell’Amministrazione Digitale (D.lgs. n. 82/05).

Quando il contratto di rete è redatto per atto firmato digitalmente dalle parti contraenti,  esso deve essere trasmesso al competente Ufficio del registro delle imprese attraverso il modello standard tipizzato con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro dello sviluppo economico. Attualmente, in mancanza di tale decreto, non è ancora possibile ricorrere a questa particolare forma semplificata per l’iscrizione dei contratti di rete nel registro delle imprese.

La forma dell’atto è richiesta unicamente ai fini della pubblicità legale del contratto, quindi soltanto affinché lo stesso possa essere iscritto nel registro delle imprese.

L’oggetto del contratto è determinato normativamente, la legge stabilisce puntualmente quale debba essere il suo contenuto.
 

Il contratto di rete deve quindi sempre indicare (dati obbligatori):

  • il nome, la ditta, la ragione o la denominazione sociale di ogni partecipante
  • l’indicazione degli obiettivi strategici
  • la definizione di un programma di rete
  • la durata del contratto
  • le modalità di adesione di altri imprenditori
  • le regole per l’assunzione delle decisioni dei partecipanti su ogni materia di interesse comune.
     

Ma il contratto di rete può anche prevedere (dati facoltativi):

  • l’istituzione di un fondo patrimoniale comune
  • la nomina di un organo comune incaricato di gestire l’esecuzione del contratto
  • la previsione di cause facoltative di recesso anticipato dal contratto. 
     

Ad integrazione del contenuto obbligatorio, le parti contraenti possono quindi decidere di inserire nel contratto, a loro discrezione e secondo scelte di opportunità, ulteriori contenuti facoltativi.
Se il contratto prevede l'istituzione di un fondo patrimoniale comune e di un organo comune destinato a svolgere un'attività, anche commerciale, con i terzi:

  • al fondo patrimoniale comune si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui agli articoli 2614 e 2615, secondo comma, del codice civile (relative ai consorzi tra imprese);
  • entro due mesi dalla chiusura dell'esercizio annuale, l'organo comune redige una situazione patrimoniale, osservando, in quanto compatibili, le disposizioni relative al bilancio di esercizio della società per azioni e la deposita presso l'ufficio del registro delle imprese del luogo ove ha sede.

 

Pubblicità legale nel Registro delle imprese

Anche le modifiche, che successivamente possono interessare il contratto di rete,  quelle relative agli elementi che costituiscono il contenuto originario del contratto, all’identità dell’organo comune, alle nuove adesioni al contratto di rete o ai recessi delle imprese contraenti, sono soggette ad iscrizione nel registro delle imprese. Le modifiche al contratto di rete, sono redatte e depositate per l'iscrizione, a cura dell'impresa indicata nell'atto modificativo, presso la sezione del registro delle imprese presso cui è iscritta la stessa impresa. L’iscrizione delle modifiche al contratto di rete deve essere richiesta, quindi, a differenza dell’iscrizione di un nuovo contratto di rete senza soggettività giuridica, soltanto dall’impresa indicata, quale impresa di riferimento, nell’atto modificativo del contratto medesimo.

L’iscrizione delle modificazioni intervenute, sulle posizioni delle altre imprese contraenti, per espressa disposizione di legge, è eseguita invece “d’ufficio” e soltanto dall’Ufficio del Registro delle imprese.

In particolare:

  • sulla posizione delle altre imprese contraenti che hanno sede nella provincia in cui ha sede l’impresa di riferimento, l’iscrizione delle modifiche intervenute è eseguita  dall’Ufficio del Registro delle imprese che ha ricevuto la domanda presentata dall’impresa di riferimento;
  • sulla posizione delle altre imprese contraenti aventi sede, invece, in una provincia diversa da quella in cui ha sede l’impresa di riferimento, l’iscrizione delle modifiche intervenute è eseguita dall’Ufficio del registro competente rispetto alla sede di ciascuna di queste, successivamente al ricevimento della comunicazione dell’avvenuta iscrizione delle modifiche intervenute da parte dell’Ufficio del Registro delle imprese che ha ricevuto la domanda di iscrizione presentata dall’impresa di riferimento.

 

 


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: