Start-up innovative: sospesa la costituzione e la modificazione dell’atto costitutivo di s.r.l. con modello standard informatico

Start-up innovative: sospesa la costituzione e la modificazione dell’atto costitutivo di s.r.l. con modello standard informatico

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 02643/2021 pubblicata il 29.3.2021, in parziale riforma della sentenza del T.A.R. Lazio n. 10004/2017, ha dichiarato l’illegittimità del D.M. 17.2.2016 recante “modalità di redazione degli atti costitutivi di società a responsabilità limitata start-up innovative”,  del decreto direttoriale 1.7.2016 recante le “specifiche tecniche per la redazione dell'atto costitutivo e del relativo statuto [...]”, nonché del D.M. 28.10.2016 concernente l' “approvazione del modello per le modifiche delle start-up innovative [...]”.

Dal 29 marzo 2021, per effetto della suddetta sentenza, e fino ad un nuovo intervento da parte del legislatore, non è più possibile:

  • costituire s.r.l. start-up innovative con il modello standard approvato con il D.M. 17.2.2016
  • modificare l’atto costitutivo delle s.r.l. start-up innovative con il modello standard approvato con il D.M. 28.10.2016
  • chiedere l’iscrizione nel Registro delle imprese di atti costitutivi o modificativi già redatti con i suddetti modelli
  • inviare alla casella dedicata start-up@to.camcom.it richieste di assistenza specialistica per la costituzione e modificazione dell’atto costitutivo delle start-up innovative, predisposte con le modalità di cui ai richiamati decreti.

Resta possibile:

  • costituire le start-up innovative con atto pubblico redatto da notaio
  • inviare alla casella start-up@to.camcom.it  richieste di assistenza finalizzate alla verifica del possesso dei requisiti di start-up innovativa previsti dall’articolo 25 del D.L. n. 179/2012
  • iscrivere nella sezione speciale delle start-up innovative le società costituite con atto pubblico.
Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina: