Normativa comunitaria ambientale

La politica ambientale della Comunità concerne la salvaguardia, la tutela e il miglioramento della qualità dell'ambiente, nonché la protezione della salute umana; l'utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali; la promozione, sul piano internazionale, di misure destinate a risolvere i problemi dell'ambiente a livello regionale e mondiale.

Le normative europee a carattere ambientale che possono avere un impatto sulle attività delle imprese sono numerosissime, in questa sezione del sito ne abbiamo selezionate alcune.

Che cosa sono i SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE?

Sono degli strumenti che consentono alle imprese di realizzare una gestione più razionale e sistematica delle problematiche ambientali.

I più noti sono la Certificazione ISO 14001 e la registrazione in base al regolamento UE EMAS (Environmental Management and Audit Scheme).

Per saperne di più visita la pagina dedicata.

Il Regolamento EMAS

La Commissione Europea ha lanciato la banca dati on-line "Taxes in Europe", che raccoglie le informazioni relative ad alcune imposte previste negli Stati membri dell'Unione Europea.
Si tratta di uno strumento d'informazione gratuito a beneficio di cittadini ed imprese che, oltre a favorire la diffusione di informazioni di natura fiscale e garantire la trasparenza, permette di paragonare le diverse legislazioni fiscali mettendo in risalto l'evoluzione delle politiche in materia dei Paesi membri.
In particolare, attraverso questa banca dati è possibile reperire informazioni relative all'imposta sul reddito delle persone fisiche, l'imposta sulle società, l'imposta sul valore aggiunto, le accise e i contributi sociali.
Per ciascuna di esse è possibile conoscere: la base giuridica, la base di imposizione, le principali eccezioni, i tassi applicabili, la funzione economica, la classifica statistica, il reddito generato, l'autorità incaricata all'applicazione e alla raccolta dei redditi
Per maggiori informazioniaccedi al database (per un aiuto alla consultazione è disponibile on-line un manuale in lingua inglese).

 

Ulteriori informazioni sono disponibili - in lingua italiana - sul portale "La tua Europa Imprese"

- See more at: http://www.to.camcom.it/Page/t01/view_html?idp=11183#sthash.kl2KhTpx.dpuf

La base giuridica del sistema EMAS è il Regolamento (CE) 1221/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25/11/2009, sull'adesione volontaria delle organizzazioni a un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS), noto anche come EMAS III.

L'obiettivo di EMAS consiste in sintesi nel promuovere costanti miglioramenti dell'efficienza ambientale delle attività imprenditoriali, attraverso un sistema volontario di gestione ambientale ambientale, che prevede i seguenti passi:

  1. un'analisi ambientale iniziale
  2. una politica e un programma ambientale, seguiti dall'adozione di un sistema di gestione ambientale per la loro attuazione
  3. l'impostazione di un'attività di auditing per verificare l'operatività del sistema di gestione
  4. l'elaborazione di una dichiarazione ambientale, da diffondere presso il pubblico
  5. la validazione della dichiarazione da parte di un verificatore indipendente

Per saperne di più, scarica la guida Emas III - il sistema di gestione ambientale a misura di PMI dal sito www.to.camcom.it/guideUE.

Che cos'è l'ECOLABEL?

L'Ecolabel è un sistema volontario di etichettatura ecologica dei prodotti, che ha lo scopo di promuovere la progettazione, la produzione, la commercializzazione e l'uso di prodotti con minore impatto ambientale durante l'intero ciclo di vita dei prodotti (secondo il principio "dalla culla alla tomba").

L'Ecolabel compie 25 anni.

Può presentare domanda chi produce o commercializza per la prima volta un prodotto rientrante in un gruppo per il quale siano stati stabiliti i criteri ecologici dalla Commissione Europea con apposita decisione.

Per saperne di più, scarica la scheda pratica numero 2/2010 della collana "Unione Europea - istruzioni per l'uso", dedicata al marchio ecologico ECOLABEL.

Per visionare l'elenco aggiornato dei prossimi eventi Ecolabel: www.isprambiente.gov.it/it/certificazioni/ecolabel-ue/attivita-di-promozione/eventi-per-i-25-anni-di-ecolabel-ue.

Altri riferimenti utili

La Commissione Europea ha lanciato la banca dati on-line "Taxes in Europe", che raccoglie le informazioni relative ad alcune imposte previste negli Stati membri dell'Unione Europea.
Si tratta di uno strumento d'informazione gratuito a beneficio di cittadini ed imprese che, oltre a favorire la diffusione di informazioni di natura fiscale e garantire la trasparenza, permette di paragonare le diverse legislazioni fiscali mettendo in risalto l'evoluzione delle politiche in materia dei Paesi membri.
In particolare, attraverso questa banca dati è possibile reperire informazioni relative all'imposta sul reddito delle persone fisiche, l'imposta sulle società, l'imposta sul valore aggiunto, le accise e i contributi sociali.
Per ciascuna di esse è possibile conoscere: la base giuridica, la base di imposizione, le principali eccezioni, i tassi applicabili, la funzione economica, la classifica statistica, il reddito generato, l'autorità incaricata all'applicazione e alla raccolta dei redditi
Per maggiori informazioniaccedi al database (per un aiuto alla consultazione è disponibile on-line un manuale in lingua inglese).

 

Ulteriori informazioni sono disponibili - in lingua italiana - sul portale "La tua Europa Imprese"

- See more at: http://www.to.camcom.it/Page/t01/view_html?idp=11183#sthash.kl2KhTpx.dpuf

Come opera l'Unione europea per abbattere la produzione di gas serra (CO2)?

L'Unione europea ha messo in atto un piano normativo volto a trasformare l'Europa in un'economia altamente efficiente dal punto di vista energetico e a basse emissioni di CO2.

Attraverso il Protocollo di Kyoto i 15 Paesi membri al 2004 hanno fissato l'obiettivo della riduzione delle emissioni dell'8% rispetto alle emissioni del 1990 e, ad oggi, stanno rispettando questo impegno.

Ad essi si sono inoltre associati molti dei Paesi subentrati nell'Unione successivamente alla data del 2004.

L'obiettivo per il 2020 è di tagliare le emissioni del 20% rispetto ai valori del 1990.

Questo impegno è uno dei punti cardine della strategia di crescita dell'Europa 2020 e si sta perseguendo attraverso un pacchetto di misure legislative ad hoc.

Nel quadro della politica per il clima e l'energia per il 2030, l'UE ha proposto una riduzione delle emissioni pari al 40% rispetto alle soglie del 90.

Per il 2050 l'obiettivo è invece quello della riduzione di gas serra pari all'80-95% (maggiori informazioni sul sito della Commissione Europea).

Iniziative in atto

La Commissione Europea ha lanciato la banca dati on-line "Taxes in Europe", che raccoglie le informazioni relative ad alcune imposte previste negli Stati membri dell'Unione Europea.
Si tratta di uno strumento d'informazione gratuito a beneficio di cittadini ed imprese che, oltre a favorire la diffusione di informazioni di natura fiscale e garantire la trasparenza, permette di paragonare le diverse legislazioni fiscali mettendo in risalto l'evoluzione delle politiche in materia dei Paesi membri.
In particolare, attraverso questa banca dati è possibile reperire informazioni relative all'imposta sul reddito delle persone fisiche, l'imposta sulle società, l'imposta sul valore aggiunto, le accise e i contributi sociali.
Per ciascuna di esse è possibile conoscere: la base giuridica, la base di imposizione, le principali eccezioni, i tassi applicabili, la funzione economica, la classifica statistica, il reddito generato, l'autorità incaricata all'applicazione e alla raccolta dei redditi
Per maggiori informazioniaccedi al database (per un aiuto alla consultazione è disponibile on-line un manuale in lingua inglese).

 

Ulteriori informazioni sono disponibili - in lingua italiana - sul portale "La tua Europa Imprese"

- See more at: http://www.to.camcom.it/Page/t01/view_html?idp=11183#sthash.kl2KhTpx.dpuf

Le iniziative europee per la riduzione delle emissioni di gas serra includono:

  • sistema discambio delle emissioni dell'UE, che è diventato strumento chiave dell'UE per la riduzione delle emissioni di gas serra
  • legislazione per aumentare la quota diconsumo di energia prodotta da fonti di energia rinnovabili, come l'eolico, il solare e le biomasse, al 20% entro il 2020
  • aumento dell'efficienza energetica in Europa del 20% entro il 2020, migliorando l'efficienza energetica degli edifici e di una vasta gamma di apparecchiature ed elettrodomestici
  • obblighi per la riduzione delle emissioni di CO2 delle autovetture
  • sostegno allo sviluppo delle tecnologie per la cattura e lo stoccaggio del carbonio emesso dalle centrali elettriche e altri grandi impianti industriali
  • programma europeo per il cambiamento climatico (ECCP),che ha portato alla realizzazione di decine di nuovepolitiche e misure

Altri riferimenti utili

La Commissione Europea ha lanciato la banca dati on-line "Taxes in Europe", che raccoglie le informazioni relative ad alcune imposte previste negli Stati membri dell'Unione Europea.
Si tratta di uno strumento d'informazione gratuito a beneficio di cittadini ed imprese che, oltre a favorire la diffusione di informazioni di natura fiscale e garantire la trasparenza, permette di paragonare le diverse legislazioni fiscali mettendo in risalto l'evoluzione delle politiche in materia dei Paesi membri.
In particolare, attraverso questa banca dati è possibile reperire informazioni relative all'imposta sul reddito delle persone fisiche, l'imposta sulle società, l'imposta sul valore aggiunto, le accise e i contributi sociali.
Per ciascuna di esse è possibile conoscere: la base giuridica, la base di imposizione, le principali eccezioni, i tassi applicabili, la funzione economica, la classifica statistica, il reddito generato, l'autorità incaricata all'applicazione e alla raccolta dei redditi
Per maggiori informazioniaccedi al database (per un aiuto alla consultazione è disponibile on-line un manuale in lingua inglese).

 

Ulteriori informazioni sono disponibili - in lingua italiana - sul portale "La tua Europa Imprese"

- See more at: http://www.to.camcom.it/Page/t01/view_html?idp=11183#sthash.kl2KhTpx.dpuf

Che cosa prevede la normativa RAEE? E la normativa ROHS?

Le normative RAEE e ROHS si applicano alle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Le due direttive sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell´Unione Europea L 37 del 13/02/2003: la direttiva 2002/95/CE prevede la restrizione dell’uso di alcune sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (c.d. Direttiva RoHS); la direttiva 2002/96/CE, invece, si occupa dei rifiuti di tali apparecchiature (c.d. Direttiva RAEE).

Maggiori informazioni sono disponibili nella pagina dedicata.

Che cos'è il regolamento REACH?

REACH è il regolamento (CE) n. 1907/2006, entrato in vigore il 1° giugno 2007, concernente la registrazione, valutazione e autorizzazione delle sostanza chimiche.

REACH significa "Registration, Evaluation, Authorization of CHemicals" ed ha modificato profondamente le regole preesistenti in materia.

Altri riferimenti utili

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?
No votes yet

Aggiornato il: 07/05/2020 - 11:41

A chi rivolgersi