Modulistica servizio metrico

Modelli da utilizzare, tariffe e modalità di presentazione istanze e dichiarazioni al Servizio Metrico

Per un'ottimale visione  e scaricamento della modulistica è raccomandato l'utilizzo del browser Firefox, scaricabile gratuitamente.

Si prega di espandere la sezione sottostante e prendere visione dell'Informativa in materia di trattamento dei dati personali, prima di procedere allo scaricamento della modulistica di seguito disponibile.

Informativa ai sensi degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (GPDR), nonchè dell'art. 10 D.Lgs 51/2018

Revisione n. 5 del 24/09/2020

1. Titolare del trattamento

Titolare del trattamento dei dati personali è la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Torino (di seguito anche più semplicemente “Titolare” o “CCIAA”), avente sede principale in Torino via Carlo Alberto 16, tel. 011-57161, fax 011 5716516, PEC protocollo.generale@to.legalmail.camcom.it (raggiungibile anche da email), sito web https://www.to.camcom.it/

2. Finalità e Basi giuridiche del trattamento

I dati personali oggetto di trattamento sono destinati ad assolvere obblighi di legge e compiti d’interesse pubblico (art. 6, par. 1, lett. c ed e GDPR) fissati, in primo luogo, dalla l. 580/1993 e ss.mm.ii. (e relative norme attuative), la quale assegna alle Camere di commercio lo svolgimento di funzioni di vigilanza e di sorveglianza in materia di metrologia legale, metalli preziosi, centri tecnici che eseguono interventi sui tachigrafi, etichettatura e sicurezza dei prodotti, nonché dalla normativa che prevede l’accertamento di violazioni amministrative.

In tale contesto, dati personali possono essere trattati per le seguenti attività:

  • Audit finalizzati a rilascio/sorveglianza/variazioni relative all’autorizzazione per gli interventi tecnici su tachigrafi digitali e cronotachigrafi CEE.
  •  Esecuzione delle verifiche prime e collaudi di posa in opera per gli strumenti omologati ai sensi della normativa nazionale, RD 226 del 1902 e s.m.i. ed in via residuale. verificazione periodica per quegli strumenti per i quali non vi siano laboratori accreditati operativi, ai sensi del Decreto 6 dicembre 2019, n. 176 del MiSE.
  • Gestione delle iscrizione all’elenco dei soggetti iscritti al registro degli assegnatari dei marchi di identificazione dei metalli preziosi.
  • Gestione dell'elenco dei titolari di strumenti di misura.
  • Effettuazione di ispezioni e controlli e redazione dei relativi verbali di ispezione e di sorveglianza anche in contraddittorio.
  • Ricezione da altri organi accertatori ed esame di verbali di ispezione.
  • Effettuazione di sequestri amministrativi.
  • Redazione e notificazione di verbali di accertamento in caso di infrazioni.
  • Svolgimento dell’istruttoria in caso di contestazione del verbale.
  • Iscrizione a ruolo delle somme dovute e trasmissione del ruolo all’Agenzia delle Entrate – Riscossione.
  • Iscrizioni modifiche (R.I.) e sorveglianza magazzini generali.
  • Audit finalizzato al rilascio della presa d’atto prefettizia per soggetti che fabbricano strumenti rientranti nella normativa nazionale RD n. 226 del 1902.
  • Gestione delle prenotazioni per il servizio UNICA Desk.

Relativamente all’attività di autorizzazione per eseguire gli interventi tecnici su tachigrafi digitali e cronotachigrafi CEE, in sede di verifica delle dichiarazioni sostitutive relative all’assenza di procedure per l’applicazione di misure di prevenzione antimafia ed all’assenza di condanne ostative, rispetto all’attività oggetto di autorizzazione, potrebbero essere trattati anche dati personali che il Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) classifica come “relativi a condanne penali e reati”. In questi casi, la base giuridica del trattamento è da rinvenirsi in un obbligo legale assegnato alla CCIAA nello svolgimento delle attività di vigilanza citate (art. 10 GDPR e art. 2-octies lett. c) D.Lgs. 196/2003. “la verifica o l'accertamento dei requisiti di onorabilità, requisiti soggettivi e presupposti interdittivi nei casi previsti dalle leggi o dai regolamenti”). Allo stesso modo, si potrà procedere a detta tipologia di verifica, anche di iniziativa d’ufficio, al momento della visita di sorveglianza presso i soggetti autorizzati, a prescindere dalla presenza o meno di autodichiarazioni.

Analogo trattamento viene svolto per l’iscrizione e gestione dei soggetti iscritti al registro degli assegnatari dei marchi di identificazione dei metalli preziosi, limitatamente però alla sola verifica del certificato antimafia (art. 10 GDPR e art. 2-octies lett. h) D.Lgs. 196/2003).

Nell’ambito della vigilanza in materia di titoli e marchi di identificazione dei metalli preziosi, nonché nello svolgimento delle funzioni in materia di metrologia legale, il personale della Camera di Commercio svolge la propria attività in qualità di ufficiale e agente di Polizia Giudiziaria. In questi casi, i dati sono trattati, in forza di disposizioni di legge, per finalità di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati, nel rispetto della Direttiva (UE) 2016/680, attuata in Italia con il D.Lgs. 51/2018.

3. Origine dei dati trattati

I dati oggetto di trattamento sono prevalentemente quelli che la CCIAA ottiene dagli Interessati stessi in sede di ispezione (dati comuni) e/o di istruttoria (dati comuni), oppure trasmessi unitamente ai verbali di ispezione da altri soggetti accertatori.

Ulteriori dati (comuni) possono essere estrapolati dal Registro Imprese e, ai fini dell’attività di notificazione, reperiti presso le Anagrafi dei Comuni.

I dati per i controlli sulle dichiarazioni di assenza di cause ostative “relativi a condanne penali e reati” sono acquisiti direttamente dalla procura del tribunale di Torino, i certificati antimafia si ottengono da apposito applicativo del Ministero dell’interno.

4. Natura del conferimento dei dati

Il conferimento da parte dell’interessato di tutti i dati personali ad egli richiesti è necessario oltre che obbligatorio ai sensi di legge.

5. Autorizzati, Responsabili del trattamento e Destinatari dei dati personali

I dati personali sono trattati da personale dipendente della CCIAA previamente autorizzato al trattamento ed appositamente istruito e formato.

I dati possono altresì essere trattati da soggetti esterni formalmente nominati dai Contitolari quali Responsabili del trattamento, appartenenti alle seguenti categorie:

  • società che erogano servizi tecnico/informatici;
  • società che erogano servizi di comunicazioni telematiche e, in particolar modo, di posta elettronica.

Tali soggetti hanno facoltà di appoggiarsi ad ulteriori, propri Responsabili del trattamento, operanti nei medesimi ambiti.

I dati personali possono essere comunicati: al Ministero delle Sviluppo Economico per finalità di informazione e per istruttorie di competenza ministeriale, ad altre Camere di Commercio territorialmente competenti ai fini dell’accertamento di violazioni amministrative o altre attività di competenza, all’Autorità Giudiziaria qualora si riscontri incidentalmente la commissione di un reato o su richiesta dell’Autorità medesima; ai Comuni per la verifica dei dati ai fini delle notificazioni e/o nei casi di notifica a mezzo di messi comunali, alla Corte d’Appello (U.N.E.E.P) nei casi di notifiche di ingiunzioni a mezzo ufficiali giudiziari ed all’Agenzia delle Entrate-Riscossione in caso di iscrizione a ruolo delle somme non riscosse, ai laboratori incaricati di effettuare prove sui prodotti oggetto di verifica, a Unioncamere per le attività di vigilanza metrologica, sorveglianza prodotti e per le pratiche relative alle autorizzazioni tachigrafi digitali; ad Accredia per quanto concerne i dati relativi alla sorveglianza sull’attività dei laboratori accreditati allo svolgimento delle verifiche periodiche degli strumenti di misura, alla Questura di Torino relativamente alle cancellazioni dal registro metalli preziosi, alla Prefettura di Torino, al fine del rilascio della presa d’atto per i fabbricanti metrici, ai soggetti interessati per le attività di controllo in contraddittorio sugli strumenti di misura.

Relativamente alla gestione delle iscrizione all’elenco dei soggetti iscritti al registro degli assegnatari dei marchi di identificazione dei metalli preziosi, i dati relativi, possono essere inviati all’azienda prescelta dal titolare del marchio per la realizzazione dei punzoni e, per competenza, alla Camera di commercio nel cui territorio avviene la realizzazione dei punzoni stessi.

I dati relativi a “condanne penali e reati” possono essere comunicati al  Ministero dello Sviluppo Economico ed al legale rappresentante dell'impresa, in caso dovessero essere rilevate condanne ostative rispetto all’attività.

Detti soggetti operano in qualità di Titolari autonomi del trattamento.

Relativamente alla formazione e tenuta elenco titolari di strumenti di misura, questi risulta consultabile dal pubblico anche per via informatica e telematica ai sensi dell’art. 9.2 del DM 93/2017 del MiSE, ai soli fini dell'applicazione delle disposizioni del DM stesso e della vigente normativa in materia di metrologia legale. Detti dati, inoltre, potranno essere soggetti a diffusione, tramite pubblicazione su sito internet, mediante applicativi informatici definiti dal sistema camerale.

6. Periodo di conservazione dei dati

Per quanto attiene i dati comuni relativi ai provvedimenti di rinnovo delle autorizzazione per gli interventi tecnici su tachigrafi digitali ed a quelli connessi con l’iscrizione e la gestione del registro degli assegnatari dei marchi di identificazione dei metalli preziosi, questi vengono conservati illimitatamente per ragioni di archiviazione storica.

Relativamente, inoltre, ai fascicoli degli iscritti per le autorizzazioni ad operare sui tachigrafi analogici o digitali, la presa d’atto prefettizia per i fabbricanti metrici e l’iscrizione al registro assegnatari dei marchi, la conservazione è parimenti illimitata come previsto dal massimario di scarto dell’ente..

I dati relativi alla gestione delle prenotazioni per il servizio UNICA Desk vengono conservati per un periodo massimo di una settimana dalla consultazione del database delle norme tecniche UNI da parte dell’utente che lo richiede.

Il tempo generale di conservazione degli altri dati gestiti dal settore è pari a 5 anni, a decorrere dalla chiusura del relativo procedimento, oltre ai tempi necessari al Titolare per procedere allo scarto (entro 1 anno a decorrere da quello successivo a quello in cui il fascicolo viene mandato allo scarto). Nel caso di attività ispettive con esito negativo ed emissione di verbale di accertamento di illecito amministrativo, per chiusura del procedimento si intende il superamento dei 5 anni previsti dalla L. 689/1980 per l’emissione dell’ordinanza in caso di mancato pagamento. Relativamente infine ai procedimenti penali per chiusura del procedimento si intendono i termini previsti dall’autorità giudiziaria.

7. DPO (Data Protection Officer)

Al fine di meglio tutelare gli Interessati, nonché in ossequio al dettato normativo, il Titolare ha nominato un proprio DPO, Data Protection Officer (nella traduzione italiana RPD, Responsabile della protezione dei dati personali), trattasi della Unione Regionale delle Camere di commercio del Piemonte (URCC).

È possibile prendere contatto con il DPO della CCIAA di Torino scrivendo all’indirizzo email rpd1@pie.camcom.it

 

7. DPO (Data Protection Officer)

Al fine di meglio tutelare gli Interessati, nonché in ossequio al dettato normativo, il Titolare ha nominato un proprio DPO, Data Protection Officer (nella traduzione italiana RPD, Responsabile della protezione dei dati personali), trattasi della Unione Regionale delle Camere di commercio del Piemonte (URCC).

È possibile prendere contatto con il DPO della CCIAA di Torino scrivendo all’indirizzo email rpd1@pie.camcom.it

8. Diritti degli Interessati

Il Regolamento (UE) 2016/679 ed il D.Lgs. 51/2018 riconoscono a tutti gli Interessati diversi diritti, che possono essere esercitati contattando il Titolare o il DPO ai recapiti di cui ai punti 1 e 7 della presente informativa.

Tra i diritti esercitabili, purché ne ricorrano i presupposti di volta in volta previsti dalla normativa (in particolare, artt. 15 e seguenti del Regolamento; oppure artt. 11 e seguenti del D.Lgs. 51/2018 laddove il personale della CCIAA operi in qualità di ufficiale e agente di Polizia Giudiziaria) vi sono:

-  il diritto di conoscere se la CCIAA di Torino ha in corso trattamenti di dati personali che la riguardano e, in tal caso, di avere accesso ai dati oggetto del trattamento e a tutte le informazioni a questo relative;

-  il diritto alla rettifica dei dati personali inesatti che la riguardano e/o all’integrazione di quelli incompleti;

-  il diritto alla cancellazione dei dati personali che la riguardano;

-  il diritto alla limitazione del trattamento;

-  il diritto di opporsi al trattamento;

-  il diritto alla portabilità dei dati personali che la riguardano.

In ogni caso, lei ha anche il diritto di presentare un formale Reclamo all’Autorità garante per la protezione dei dati personali, secondo le modalità che può reperire al seguente sul sito internet www.garanteprivacy.it

Per ricevere maggiori informazioni sui suoi diritti, può rivolgersi direttamente al Titolare o al DPO.

 

In considerazione degli obblighi previsti dal Nuovo Codice dell'amministrazione digitale CAD (D. Lgs. 82/2005) il richiedente dovrà presentare l’istanza e le dichiarazioni, firmate digitalmente, tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo vigilanza.mercato.metrico@to.legalmail.camcom.it allegando copia digitale del giustificativo di pagamento della tariffa eventualmente dovuta.

Per richiedere la  firma digitale è possibile contattare l'ufficio CNS della Camera di commercio di Torino.

Nel caso in cui la firma digitale non fosse disponibile, è possibile apporre la firma sul modello cartaceo e, dopo averlo scannerizzato, inviarlo all'indirizzo di PEC sopra indicato, corredato di copia del documento di identità in corso di validità.

Maggiori informazioni sulla verificazione periodica e sulle comunicazioni dei titolari degli strumenti si trovano alla pagina relativa.

Modelli da utilizzare

La modulistica utilizzabile per le pratiche da presentare al Servizio Metrico è riportata in fondo alla pagina.

Si raccomanda la massima precisione nell’indicazione di tutti i dati richiesti dal modello.

Si riporta qui di seguito l'elenco dei modelli da utilizzare per la presentazione delle pratiche al Servizio Metrico divisi per argomento

COMUNICAZIONI E DELEGHE dei TITOLARI DEGLI STRUMENTI e dei RIPARATORI

Tipologia pratica

Descrizione

Modello da utilizzare

Dimensione file

Delega svolgimeto pratiche presso il Servizio Metrico Delega per la presentazione delle pratiche al Servizio Metrico Modello DEL_01

1 pagina

16,9 KB

Comunicazione titolari degli strumenti

Comunicazione data inizio/fine utilizzo strumento

(da inviare entro 30 giorni dalla messa in servizio/dismissione)

Modello COM_01

 

2 pagine

74,1 KB

Comunicazione riparatori degli strumenti

Dichiarazione riparazione  strumento con rimozione sigilli legali

(da inviare in caso sia avvenuta antecedemente alla prima verifica periodica e pertanto lo strumento non è corredato da libretto metrologico)

Modello RIP_01

1 pagina

23,6 KB

Modelli per pratiche FABBRICANTI METRICI

FABBRICANTI METRICI

 

Tipologia pratica

Descrizione

Modello da utilizzare

Dimensione file

Scelta marca di fabbrica

Il richiedente sottopone al Servizio metrico il logotipo da utilizzare come marca di fabbrica.

contattare il Servizio Metrico

 

Dichiarazione di fabbricazione alla CCIAA

Il richiedente comunica al Servizio Metrico l’intenzione di iniziare l’attività di Fabbricante Metrico (costruttore e/o riparatore di strumenti metrici.)

contattare il Servizio Metrico

 

 

Dichiarazione di fabbricazione alla Prefettura

Il richiedente comunica alla Prefettura l’intenzione di iniziare l’attività di Fabbricante Metrico (costruttore e/o riparatore di strumenti metrici.)

contattare il Servizio Metrico

 

 

Comunicazione variazione dati alla CCIAA

Comunicazione al Servizio Metrico effettuata dal Fabbricante Metrico riguardante variazioni intervenute successivamente al rilascio della presa d’atto prefettizia.

contattare il Servizio Metrico

 

 

Comunicazione variazione dati alla Prefettura

Comunicazione alla Prefettura effettuata dal Fabbricante Metrico riguardante variazioni intervenute successivamente al rilascio della presa d’atto prefettizia.

contattare il Servizio Metrico

 

 

Modelli per pratiche ASSEGNATARI MARCHIO ORAFO

ORAFI

 

Tipologia pratica

Descrizione

Modello da utilizzare

Dimensione file

Domanda di iscrizione nel registro degli assegnatari di marchio

Gli oggetti in metallo prezioso devono essere a titolo legale ed avere impresso il titolo ed il marchio di identificazione dell’orafo che li ha realizzati.

Il marchio viene concesso a chi esercita prevalentemente almeno una di queste attività:

  • Vendita di metalli preziosi;
  • Fabbricazione di prodotti finiti in metallo prezioso;
  • Importazione di metalli preziosi o prodotti finiti;
  • Commercio prodotti finiti con annesso laboratorio.

Per ottenere l’assegnazione del marchio bisogna iscriversi nel Registro assegnatari.

Modello OR01-A

 

All. 1 - dichiarazione antimafia
 

2 pagine

35,4 KB

Dichiarazione sostitutiva su numero dipendenti impresa industriale

Autocertificazione da allegare alla domanda di iscrizione nel Registro assegnatari marchio se il richiedente è un’impresa industriale.

Modello OR01-B

1 pagina

18,6 KB

Richiesta allestimento punzoni

Richiesta di allestimento dei punzoni riportanti il marchio di identificazione assegnato, da realizzare utilizzando le matrici in possesso del Servizio Metrico.

Modello OR04

2 pagine

35,3 KB

Applicazione del marchio con tecnologia laser

Modulo rilascio di numero 1 TOKEN USB

Modulo associazione tra 1 TOKEN USB e 1 MARCATRICE

Modulo dichiarazione smarrimento TOKEN USB

Modulo dichiarazione restituzione TOKEN USB

Modello OR001UM

Modello OR002UM

Modello OR003UM

Modello OR004UM

 

8 pagine     62,7 KB

2 pagine     38,9 KB

1 pagina     34,7 KB

2 pagine     37,3 KB

 

Restituzione punzoni

Elenco dei punzoni restituiti in quanto:

  • Resi inservibili dall’uso;
  • L’orafo ha cessato l’attività;
  • L’orafo è decaduto dalla concessione.

Modello OR09

5 pagine

44,0 KB

Richiesta riattribuzione marchio

L’orafo che decade dalla concessione del marchio può iscriversi nuovamente nel Registro degli assegnatari di marchio e riavere lo stesso marchio che aveva precedentemente, se ne fa richiesta.

Modello OR13

2 pagine

35,6 KB

Domanda di conservazione marchio a seguito trasferimento di proprietà

L’impresa che subentra per trasferimento di proprietà ad un’impresa orafa assegnataria di marchio di identificazione per metalli preziosi può chiedere di conservare quel marchio.

Modello OR16

2 pagine

28,4 KB

Domanda di autorizzazione apposizione marca tradizionale di fabbrica

L’orafo che ne fa richiesta può apporre, oltre al titolo ed al marchio di identificazione, una marca tradizionale di fabbrica di sua scelta a patto che non si confonda con le altre due impronte obbligatorie.

Modello OR19

1 pagina

19,2 KB

 

Modelli per pratiche TACHIGRAFI ANALOGICI (CRONOTACHIGRAFI CEE)

TACHIGRAFI ANALOGICI (CRONOTACHIGRAFI CEE)

 

Tipologia pratica

Descrizione

Modello da utilizzare

Dimensione file

Richiesta di estensione autorizzazione Centro Tecnico Tachigrafi digitali per attività di riparazione su Tachigrafi analogici (Cronotachigrafi CEE)

Richiesta inoltrata da Centro Tecnico Tachigrafi digitali, già in possesso di autorizzazione ministeriale per svolgere l’attività di primo montaggio, attivazione ed intervento tecnico, per effettuare operazioni di riparazione su Tachigrafi analogici (Cronotachigrafi CEE).

Modello ministeriale N-AN

 

All. 1 - dichiarazione antimafia
All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

2 pagine

254 KB

Richiesta di volturazione/variazione dati officina autorizzata a svolgere le operazioni di montaggio e riparazione di Tachigrafi analogici (Cronotachigrafi CEE)

Richiesta di volturazione (solo in caso di mantenimento di continuità aziendale) o di variazione dei dati (solo per elementi non essenziali) dell’autorizzazione ministeriale per l’effettuazione delle operazioni di montaggio e riparazione di Tachigrafi analogici (Cronotachigrafi CEE).

Modello ministeriale V-AN

All. 1 - dichiarazione antimafia
All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

3 pagine

860 KB

Richiesta di ritiro dell’autorizzazione ministeriale per attività di montaggio e riparazione di Tachigrafi analogici (Cronotachigrafi CEE)

Comunicazione di cessazione attività dell'officina autorizzata

(Da presentare contestualmente al verbale di ritiro dell'originale dell'autorizzazione, registri degli interventi e pinza/punzoni, emesso dal Settore)

Modello CA13

1 pagina

206 KB

Richiesta vidimazione registro Tachigrafi analogici (Cronotachigrafi CEE)

Richiesta dell’officina di vidimazione del registro dove si annotano gli interventi tecnici eseguiti sui Tachigrafi analogici (Cronotachigrafi CEE).

Modello CA16

1 pagina

20,3 KB

Modelli per pratiche TACHIGRAFI DIGITALI

TACHIGRAFI DIGITALI

 

Tipologia pratica

Descrizione

Modello da utilizzare

Dimensione file

FABBRICANTI:

Richiesta autorizzazione per attività di primo montaggio ed attivazione tachigrafi intelligenti

Richiesta di autorizzazione ministeriale per svolgere l’attività di installazione ed attivazione.

(Si raccomanda di compilare ed inviare domanda ed allegati relativi).

Presentata da:

  1. Fabbricanti e rappresentanti legali di fabbricanti extracomunitari di veicoli con impianti di produzione in Italia sui cui veicoli vengono montati tachigrafi digitali;
  2. Fabbricanti di carrozzerie per autobus e autocarri, nelle cui carrozzerie vengono montati tachigrafi digitali;
  3. Fabbricanti e rappresentanti legali di fabbricanti extracomunitari di tachigrafi digitali nonché le officine concessionarie;
  4. Officine di riparazione di veicoli nel settore meccanico o elettrico.

Modello ministeriale N-FA

 

All. 1 - dichiarazione antimafia

All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

2 pagine

29 KB

OFFICINE:

Richiesta autorizzazione per attività completa tachigrafi

Richiesta di autorizzazione ministeriale per svolgere l’attività di installazione, attivazione, calibratura, controllo periodico e riparazione dei tachigrafi digitali.

(Si raccomanda di compilare ed inviare domanda ed allegati relativi).

Presentata da:

  1. Fabbricanti e rappresentanti legali di fabbricanti extracomunitari di veicoli con impianti di produzione in Italia sui cui veicoli vengono montati tachigrafi digitali;
  2. Fabbricanti di carrozzerie per autobus e autocarri, nelle cui carrozzerie vengono montati tachigrafi digitali;
  3. Fabbricanti e rappresentanti legali di fabbricanti extracomunitari di tachigrafi digitali nonché le officine concessionarie;
  4. Officine di riparazione di veicoli nel settore meccanico o elettrico.

Modello ministeriale N-DI

 

All. 1 - dichiarazione antimafia

All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

All. 3 - dichiarazione riservatezza

All. 5 - dichiarazione PIN

All. 7 - Dichiarazione partecipazione attività trasporto

 

3 pagine

260 KB

OFFICINE:

Richiesta di estensione ai tachigrafi intelligenti autorizzazione per attività completa

Richiesta si estensione dell'autorizzazione Tachigrafi digitali per potere effettuare operazioni di installazione, attivazione, calibratura, controllo periodico e riparazione dei tachigrafi intelligenti, di cui allegato I C dei Regolamenti (UE) n. 165/2014 e 2016/799.

(Si raccomanda di compilare ed inviare domanda ed allegati relativi).

Modello ministeriale E-DI

All. 1 - dichiarazione antimafia
All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

All. 5 - dichiarazione PIN

3 pagine

180 KB

FABBRICANTI:

Richiesta rinnovo per attività di primo montaggio ed attivazione

Richiesta del Centro Tecnico di rinnovo dell’autorizzazione ministeriale per svolgere l’attività di installazione ed attivazione dei tachigrafi intelligenti.

(Si raccomanda di compilare ed inviare domanda ed allegati relativi).

Modello ministeriale R-FA

All. 1 - dichiarazione antimafia
All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

2 pagine

169 KB

OFFICINE:

Richiesta rinnovo per attività completa

Richiesta del Centro Tecnico di rinnovo dell’autorizzazione ministeriale per svolgere l’attività di installazione, attivazione, calibratura, controllo periodico e riparazione dei tachigrafi.

(Si raccomanda di compilare ed inviare domanda ed allegati relativi).

Modello ministeriale R-DI

All. 1 - dichiarazione antimafia
All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

All. 3 - dichiarazione riservatezza

All. 4 - dichiarazione variazioni

All. 5 - dichiarazione PIN

All. 6 - denuncia smarrimento

All. 7 - Dichiarazione partecipazione attività trasporto

2 pagine

178 KB

Richiesta autorizzazione variazioni dati

Richiesta del Centro Tecnico ad apportare variazioni all’autorizzazione quali:

  • Modifica denominazione sociale;
  • Modifica assetto societario
  • Cessione ramo d’azienda;
  • Modifica sede.

(Si raccomanda di compilare ed inviare domanda ed allegati relativi).

 

Modello ministeriale V-DI

All. 1 - dichiarazione antimafia
All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

All. 3 - dichiarazione riservatezza

All. 4 - dichiarazione variazioni

All. 5 - dichiarazione PIN

All. 6 - denuncia smarrimento

All. 7 - Dichiarazione partecipazione attività trasporto

 

3 pagine

184 KB

Richiesta autorizzazione variazione Organigramma

Richiesta del Centro Tecnico di variazione del personale tecnico che opera sui tachigrafi digitali

Modello TD31

All. 1 - dichiarazione antimafia
All. 2- dichiarazione casellario giudiziale

All. 7 - Dichiarazione partecipazione attività trasporto

2 pagine

277 KB

Richiesta autorizzazione variazione strumentazione

Richiesta del Centro tecnico di variazione della trumentazione utilizzata per gli interventi sui tachigrafi digitali

Modello TD38

1 pagina

205 KB

Richiesta ritiro autorizzazione per cessazione

Comunicazione di cessazione attività del Centro Tecnico

(Da presentare contestualmente al verbale di ritiro dell'originale dell'autorizzazione e delle carte officina, emesso dal Settore)

Modello TD51

1 pagina

276 KB

Modelli per CONTROLLI IN CONTRADDITTORIO

CONTROLLI IN CONTRADDITTORIO

Tipologia pratica

Descrizione

Modello da utilizzare

Dimensione file

Richiesta di rimozione strumento

Richiesta di rimozione strumento metrico per successivo invio all'Organismo/Laboratorio che effettuerà le prove relative al controllo in contraddittorio

Modello CON01

2 pagine

38,4 KB

Richiesta di controllo in contraddittorio

Richiesta di controllo in contraddittorio alla Camera di Commercio di Torino

Modello CON05

2 pagine

38,4 KB

Modelli per VERIFICA PRIMA/COLLAUDO DI POSA IN OPERA

VERIFICA PRIMA/COLLAUDO DI POSA IN OPERA

Tipologia pratica

Descrizione

Modello da utilizzare

Dimensione file

Richiesta verifica prima/collaudo di posa in opera

Richiesta di verifica prima/collaudo metano per alcune tipologie di strumenti (metano, sonde di livello)

 

Modello COL01

 

2 pagine

321 KB

Richiesta verifica prima masse campione

 

Richiesta di verifica prima masse campione

 

VP01_Prima_Masse

2 pagine

122 KB

Pagamento

A seguito dell'introduzione di PagoPA come canale di pagamento dei privati a favore delle Pubbliche Amministrazioni il Servizio Metrico ha adottato il versamento tramite SIPA, il servizio online che consente di effettuare una transazione attraverso la piattaforma PagoPA.

Per conoscere le modalità e le tariffe vai alla pagina relativa (IN FASE DI ALLESTIMENTO)

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?
Average: 2.8 (12 votes)

Aggiornato il: 17/05/2021 - 18:28

A chi rivolgersi