Per gli alberghi torinesi un ponte pasquale positivo con soggiorni turistici e calcio

Comunicato del 06/04/2018

Dall’Osservatorio alberghiero buone performance dell’accoglienza turistica nel weekend di Pasqua: crescono tasso di occupazione e ricavi medi per le camere vendute. Dati positivi anche rispetto alla Pasqua vissuta a Milano. Dalle interviste di Turismo Torino e Provincia il turista è con famiglia, per il 38% straniero, e preferisce gli hotel 3 stelle e gli affitti turistici.

Un lungo positivo weekend pasquale emerge dai dati pervenuti dall’Osservatorio alberghiero, strumento di analisi strategica del comparto ricettivo, messo a disposizione dalla Camera di commercio di Torino e da Turismo Torino e Provincia in collaborazione con le associazioni di categoria rappresentative del settore.

Tra venerdì 30 marzo a domenica 1° aprile i dati delle performance degli alberghi dell’Osservatorio danno complessivamente un’occupazione media dell’81% delle 3.702 camere, l’1,1% in più rispetto alla Pasqua 2017 e con un +19,4% rispetto al 2013.

La tariffa media di vendita è di euro 96,51 (+ 8,6% rispetto a Pasqua dell’anno scorso), mentre il ricavo medio per camera è di 78,64 euro, il 9,8% in più rispetto ai tre giorni pasquali del 2017 e il 70,4% in più rispetto al 2013.

Le performance degli alberghi torinesi risultano migliori rispetto a quelle di Milano, dove quest’anno nel weekend ci sono stati anche alcuni dati negativi, dopo una Pasqua 2017 sostanzialmente simile alla torinese.

Tutti i dati provengono dall’Osservatorio alberghiero, strumento messo in campo dalla Camera di commercio di Torino, insieme a Turismo Torino e Provincia e alle associazioni di categoria più rappresentative del settore turistico ricettivo.

L’Osservatorio raccoglie giornalmente i dati di diverse strutture alberghiere e li aggrega in report mensili e settimanali, assolutamente tempestivi. Ad oggi lo strumento, avviato nel 2010, raccoglie le informazioni di numerose strutture, per un totale di 3.702 camere, che rappresentano circa il 53% della capacità del comparto alberghiero disponibile in città (6.984, dato 2016). Tra le variabili analizzate, il tasso di occupazione delle camere, la tariffa media di vendita, il ricavo medio per camera disponibile (RevPAR). 

Lo strumento è offerto gratuitamente dalla Camera di commercio di Torino a tutti gli alberghi torinesi che ne fanno richiesta. Aderendo al progetto, gli hotel trasmettono regolarmente i propri dati aggiornati e hanno l’opportunità di monitorare i propri competitor diretti. In questo modo, oltre all’ampliamento della base dati, ogni singolo operatore può valutare quasi in tempo reale le conseguenze di ogni propria scelta tariffaria in rapporto al mercato e ai competitor, scegliendo in modo flessibile eventuali correttivi.

 

Il turista di Torino

Tra il 29 e il 31 marzo, l’Osservatorio di Turismo Torino e Provincia ha somministrato oltre 300 questionari qualitativi presso gli Uffici del Turismo di Torino di Piazza Castello e Porta Nuova.

Dall'analisi emerge che il 71% dei turisti sono venuti per la prima volta a Torino, il 27% dichiara di esserci stato già altre volte, l'1% conosce già la città. Per ciò che riguarda il mezzo di trasporto preferito, emergono ai primi due posti l’auto (38%) e l’aereo (28%). Segue il treno (24%) e con un grande distacco il camper (6%) e il bus privato (4%).

Il turista che ha soggiornato a Torino in occasione del weekend pasquale ha un’età compresa tra i 36 e 65 anni (50%). Dall’analisi emerge inoltre che il campione intervistato è caratterizzato da turisti che viaggiano con la famiglia (47%) oppure in coppia (28%).

La motivazione principale che li ha spinti a venire è il soggiorno turistico con la visita della città, ma anche la partita Juventus – Milan che si è svolta la sera di sabato 31 marzo.

A livello di prenotazione del soggiorno, Internet è il canale prediletto (58%), mentre la durata media di permanenza si attesta a 3 notti o più (54%). Le strutture ricettive preferite sono gli hotel 3 stelle (25%) e gli affitti turistici (24%).

Per ciò che riguarda la provenienza, abbiamo principalmente turisti italiani (62%) che arrivano da Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Toscana. Gli stranieri (38%) provengono in modo particolare dalla Spagna che diventa il primo mercato straniero a grande sorpresa superando, Francia, Gran Bretagna, Svizzera.

Da segnalare inoltre rispetto alle festività pasquali del 2017 un incremento del +2% dei passeggeri sul CitySightseeing Torino, mentre risulta un pareggio per quanto riguarda i passaggi agli Uffici del Turismo in piazza Carlo Felice e in piazza Castello (oltre 5.600).

Scarica il comunicato stampa in PDF

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?: 
No votes yet

Aggiornato il: 06/04/2018 - 11:56

A chi rivolgersi