Gabetti: il ricordo della Camera di commercio di Torino

Comunicato stampa del 14 maggio 2019

La Camera di commercio di Torino, nella persona del suo Presidente Vincenzo Ilotte, del Segretario Generale Guido Bolatto e dei componenti di Consiglio, esprime il più vivo cordoglio per la scomparsa di Gianluigi Gabetti.

Un uomo che ha portato innovazione in tutti gli ambiti nei quali ha operato: dalla musica all’industria, dall’arte moderna alla finanza. Grazie alla sua tenace e sabauda operosità ha rappresentato per molti di noi una guida di valore inestimabile - ha sottolineato Vincenzo Ilotte, Presidente della Camera di commercio torinese. - Ricordo in particolare le sue parole espresse nel 2015 in occasione della Premiazione a Torinese dell’Anno: «Il futuro sarà caratterizzato da rischi maggiori rispetto al passato. A volte si tende a scappare dal rischio, ma non sempre funziona. Il rischio si affronta con il coraggio. Il pericolo si affronta con senso di responsabilità». Parole di grande visione, assolutamente attuali in tutti i tempi”.

Nel dicembre del 2015 Gianluigi Gabetti era stato insignito del Premio Torinese dell’Anno 2014, il riconoscimento della Camera di commercio di Torino dedicato a chi, torinese di nascita o di adozione, ha offerto un contributo speciale nel proprio settore di attività, economia, arte, scienza, sociale.

Alla base della scelta di allora, una motivazione legata ai sentimenti di gratitudine e riconoscenza che Torino esprimeva nei confronti di chi aveva gestito quegli anni di trasformazione: “Per aver rappresentato nella sua lunga carriera manageriale i più alti valori della torinesità, mettendo a disposizione della maggiore realtà industriale italiana le proprie straordinarie competenze imprenditoriali e finanziarie con impegno e lealtà e contribuendo, con lungimirante visione, alla continuità dell’azienda e alla creazione di occupazione e innovazione”.

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?
No votes yet

Aggiornato il: 14/05/2019 - 11:38

A chi rivolgersi