Domicilio digitale (PEC) - variazione

In caso di variazione del proprio domicilio digitale la società deve richiedere l'iscrizione del nuovo indirizzo nel Registro delle imprese.

Riferimenti normativi: art. 16, commi 6 e 6-bis, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, modificato dall'art. 37, comma 2, D.L. 16 luglio 2020, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla L. 11 settembre 2020, n. 120.

Termine: nessuno.

Soggetti obbligati: legale rappresentante.

Soggetti legittimati a presentare la domanda in luogo dei soggetti obbligati:

  • procuratore
  • professionista incaricato.

Per informazioni sulle modalità di firma consulta la pagina Sottoscrizione.

Modulistica:

Modello S2 compilato nel riquadro 5/ INDIRIZZO DELLA SEDE LEGALE in corrispondenza dei campi:

  • “indirizzo e-mail certificata (nome)”
  • "indirizzo e-mail certificata (dominio)”.1

Importi:

  • Diritti di segreteria: esente
  • Imposta di bollo: esente.

Avvertenze:

  • Cos'è il domicilio digitale: l'articolo 1, comma 1, lettera n-ter del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (C.A.D.) definisce il domicilio digitale “un indirizzo elettronico eletto presso un servizio di posta elettronica certificata o un servizio elettronico di recapito certificato qualificato, come definito dal regolamento (UE) 23 luglio 2014 n. 910 del Parlamento europeo e del Consiglio (…)”. Il domicilio digitale, pertanto, può essere costituito o da una casella di posta elettronica certificata (che secondo la lettera v-bis del medesimo articolo è il “sistema di comunicazione in grado di attestare l’invio e l’avvenuta consegna di un messaggio di posta elettronica e di fornire ricevute opponibili ai terzi”) oppure da un servizio elettronico di recapito certificato qualificato (disciplinato dall’art. 44 del Regolamento (UE) n. 910/2014).
     
  • Imprese obbligate a pubblicizzare il proprio domicilio digitale (indirizzo PEC) nel Registro delle imprese:
    tutte le imprese costituite in forma societaria: società di persone, società di capitali, società cooperative, società consortili, società in liquidazione e società estere con sede secondaria in Italia;
    le imprese individuali attive e non soggette a procedure concorsuali.
     
  • Soggetti che non devono pubblicizzare il proprio domicilio digitale (indirizzo PEC) nel Registro delle imprese: i consorzi fra imprese con attività esterna, i G.E.I.E., le aziende speciali di enti locali, le reti di imprese con soggettività giuridica, le associazioni iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle imprese, le associazioni, fondazioni, altri enti non societari e le persone fisiche - iscritti solo nel Repertorio Economico Amministrativo. Hanno la facoltà di richiedere l'iscrizione del domicilio digitale nel Registro delle imprese i seguenti soggetti: le società e le imprese individuali che sono soggette a procedure concorsuali, le imprese individuali inattive.
     
  • Modalità di presentazione della domanda: con una pratica telematica di Comunicazione Unica, predisposta tramite:
    Dire (per l'iscrizione del solo domicilio digitale)
    Comunica Starweb (utilizzabile se oltre alla comunicazione del domicilio digitale sono eseguiti ulteriori adempimenti pubblicitari)
    ComunicaFedra (utilizzabile per tutte le società)
    Pratica semplice - Iscrizione PEC, procedura semplificata riservata ai legali rappresentanti muniti di dispositivo di firma digitale.
     
  • Come richiedere un domicilio digitale (indirizzo PEC): per richiedere un domicilio digitale occorre rivolgersi ad un gestore di PEC iscritto nell'elenco pubblicato sul sito dell'Agenzia per l'Italia Digitale.
     
  • Verifica dell'iscrizione del domicilio digitale (indirizzo PEC) nel Registro delle imprese: alla pagina https://www.registroimprese.it/indirizzo-pec è possibile verificare gratuitamente se la società ha già iscritto il proprio domicilio digitale. Per vericarne lo stato (attivo/inattivo, valido/non valido) occorre rivolgersi al gestore di Posta Elettronica Certificata che lo ha rilasciato.
     
  • Domicilio digitale (indirizzo PEC) scaduto: occorre rinnovare l'indirizzo di posta elettronica certificata contattando il gestore che lo ha rilasciato. A seguito del rinnovo di un domicilio digitale già iscritto nel Registro delle imprese, non occorre presentare alcuna domanda al Registro delle imprese.
     
  • Titolarità esclusiva del domicilio digitale (indirizzo PEC): la società deve richiedere l’iscrizione di un domicilio digitale che sia attivo e di cui essa stessa sia l'unico titolare.2
     
  • Domicilio digitale (indirizzo PEC) iscritto nel Registro delle imprese e domicilio elettronico indicato in ComUnica: considerato che, per ciascuna domanda/denuncia presentata al Registro delle imprese/REA, deve essere indicato, nel campo appositamente previsto della distinta ComUnica, il domicilio (PEC) dell'impresa dove sono notificate le comunicazioni, le ricevute e gli atti relativi alla pratica, è opportuno che in tale campo sia indicato il domicilio digitale della società iscritto nel Registro delle imprese.
     

1L'indirizzo PEC deve essere digitato in due campi separati:

  • "nome casella" : sono i caratteri che precedono il simbolo @;
  • "dominio casella" : sono i carattari che seguono il simbolo @ (deve essere un dominio di posta elettronica certificata).

2Per maggiori informazioni vedi la Direttiva del Ministro dello Sviluppo Economico d'intesa con il Ministro della Giustizia del 27 aprile 2015.

 

 

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?
No votes yet

Aggiornato il: 18/11/2020 - 15:20

A chi rivolgersi