Compensazioni e rimborsi

Se hai pagato il diritto annuale ma non eri tenuto, o hai pagato più del dovuto, puoi chiedere la compensazione o il rimborso.

La compensazione

Se hai versato il diritto:

  • a cui non eri tenuto
  • per un importo superiore al dovuto per lo stesso anno

puoi chiedere di compensare gli importi a credito, con altri importi a debito, sia per lo stesso diritto annuale sia per qualunque altro tributo, ma non puoi utilizzare l’importo per pagare cartelle ricevute per violazioni del diritto annuale.

A tal fine dovrai:

  1. una mail a diritto.annuale@to.legalmail.camcom.it, oppure
  2. un fax al numero 011 5716516, o ancora
  3. una lettera all’indirizzo: Camera di commercio  Via Carlo Alberto 16 10123 TORINO

Il Settore, verificata l’esistenza del credito, ne autorizza la compensazione indicandone le modalità.

E' esclusa la compensazione per le somme  versate con i codici:

  • 3851 - Interessi per omesso o tardivo versamento del diritto camerale annuale
  • 3852 - Sanzioni per omesso o tardivo versamento del diritto camerale annuale

ATTENZIONE: se hai versato errando il codice ENTE,  puoi inviare una mail all'indirizzo diritto.annuale@to.legalmail.camcom.it:, il Settore provvederà a rimborsare d'ufficio alla Camera di commercio competente.

Il rimborso

Se hai versato il diritto:

  • a cui non eri tenuto
  • per un importo superiore al dovuto per lo stesso anno

e non puoi utilizzare il credito in compensazione, ne potrai chiedere il rimborso entro 24 mesi dal versamento. La procedura del rimborso è più complessa e richiede tempi più lunghi rispetto alla compensazione.

Secondo quanto previsto dall'art. 48-bis, D.P.R. n. 602/1973 e s.m., anche la Camera di commercio prima di rimborsare importi superiori a euro 5.000,00 deve verificare eventuali inadempienze tributarie presso l'Agente della riscossione.

A tal fine dovrai:

  1. una mail a diritto.annuale@to.legalmail.camcom.it oppure
  2. un fax al numero 011 5716516 o ancora
  3. una lettera all’indirizzo: Camera di commercio  Via Carlo Alberto 16 10123 TORINO
  • e  allegando
  1. la quietanza del modello F24 o la ricevuta dei versamenti di cui si chiede il rimborso
  2. la fotocopia del documento di identità del richiedente
  3. l’autocertificazione dell’erede
  4. l'autorizzazione da parte di ciascuno dei soci non beneficiari del rimborso, con copia del documento di identità dei firmatari, in caso di società di persone cancellate.

NOTA BENE: è necessario allegare copia del/i modello/i F24 quietanzato e non il modello scaricato dal cassetto fiscale in quanto quest’ultimo rappresenta un servizio telematico approntato dall’Agenzia delle Entrate per consentire, ai singoli contribuenti, la consultazione delle proprie informazioni fiscali dando seguito ad un principio di trasparenza sancito dallo “Statuto del contribuente”, ma che non può assumere valenza probatoria nei confronti delle altre Pubbliche Amministrazioni.

Il credito verrà rimborsato come segue:

  • Impresa individuale
  1. al titolare
  2. in caso di decesso, ai legittimati: coniuge, figli legittimi, figli naturali, ascendenti legittimi (a tal fine è necessario che venga presentata un’autocertificazione dell’erede).
  • Società di persone
  1. alla società stessa, se iscritta
  2. in caso di società cancellata, ad un socio amministratore purché la domanda sia integrata da autorizzazioni al rimborso da parte degli altri soci (dichiarazione firmata e completata di documento di riconoscimento)
  3. al  socio amministratore in caso di pagamento di un atto notificatogli personalmente.
  • Società di capitali
  1. alla società stessa, se iscritta
  2. in caso di società cancellata, al socio al quale da piano di riparto risulta attribuito il credito, diversamente non si può più procedere con il rimborso a meno che non venga riaperta la liquidazione
  3. al liquidatore, in caso di pagamento di un atto notificatogli personalmente.

Informativa ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Si informa che il trattamento dei dati personali forniti dall’interessato o acquisiti d’ufficio dalla Camera di commercio di Torino per lo svolgimento dei procedimenti amministrativi/processi di competenza del Settore Diritto annuale è finalizzato unicamente all’espletamento delle attività istruttorie e amministrative necessarie in relazione a ciascun procedimento/processo.

In relazione a tali finalità il conferimento dei dati è obbligatorio.

Il trattamento potrà avvenire sia su supporto cartaceo che con l’utilizzo di procedure informatizzate.

I procedimenti/processi di competenza del settore sono i seguenti:

  • Gestione del diritto annuale ai sensi del D.M. n. 359/2001
  • Accertamento e contestazione delle violazioni nel pagamento del diritto annuale ai sensi del D.M. n. 54/2005 e del D.Lgs n. 472/1997

Periodo di conservazione: i dati saranno trattati dal Settore fino alla conclusione del procedimento amministrativo o al conseguimento delle finalità del processo per le quali i dati sono stati raccolti. Successivamente i dati saranno archiviati secondo la normativa pubblicistica in materia di archiviazione per interesse pubblico o in base alle normative fiscali e contabili.

I dati non saranno oggetto di comunicazione o diffusione.

Titolare del trattamento è la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Torino, via Carlo Alberto 16, Torino.

Responsabile Protezione Dati (RPD) è l’Unione Regionale delle Camere di commercio del Piemonte (URCC) contattabile all’indirizzo rpd1@pie.camcom.it

All’interessato sono riconosciuti i diritti previsti dagli artt. 15 e ss. del citato Regolamento UE.

 

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?
Average: 2.3 (6 votes)

Aggiornato il: 15/10/2018 - 12:44

A chi rivolgersi

Diritto annuale

Via San Francesco da Paola 24, 10123 Torino - Primo piano
Il Contact Center è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00
Utilizzare gli indirizzi mail ordinari per richiedere informazioni e l'indirizzo PEC per presentare domande/istanze

Contact Center: 011 571 6011
Settore Diritto Annuale: 011 571 6241 / 6242 / 6243 / 6244 / 6248 / 6249