Certificati di origine - novità per gli esportatori comunitari verso l'Egitto

Certificati di origine - novità per gli esportatori comunitari verso l'Egitto

Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari
Implementato un nuovo sistema di preregistrazione delle importazioni, denominato  “ACI – Advance Cargo Information System”

Il sistema ACI prevede che l'importatore fornisca una pre-dichiarazione relativa alla spedizione (ACID - Advanced Cargo Information Declaration) ed entrerà in vigore in due fasi:
  • la fase pilota (solo per porti navali) avviata il 1 aprile 2021;
  • la fase operativa obbligatoria a partire dal 1 luglio 2021.

Tutti i dati e i documenti relativi all'operazione di esportazione, incluse la fattura commerciale e la polizza di carico, devono essere trasmessi almeno 48 ore prima della partenza del carico dal Paese di provenienza. La trasmissione avviene elettronicamente tramite la piattaforma Cargo X.

L'importatore dovrà inserire le informazioni ricevute nel sito dello "sportello unico nazionale per l'agevolazione del commercio estero egiziano - nafeza" https://www.nafeza.gov.eg/en

Una volta caricati tutti i dati richiesti, l'importatore riceverà un numero ACID che dovrà comunicare al suo corrispondente affinché possa riportarlo nei vari documenti di esportazione. I documenti così compilati devono accompagnare il carico ed essere presentati alle autorità doganali dal vettore. In caso contrario, la merce non può essere sdoganata e sarà respinta al mittente.

Se richiesto, il numero ACID può essere inserito nel certificato di origine nella casella 5 "osservazioni".

Per ulteriori informazioni consultare la pagina https://www.nafeza.gov.eg/en/site/aci-details .  "

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina: