Certificati di origine

NOVITÀ

Visti consolari ambasciata IRAQ

L’Ambasciata dell’Iraq ha segnalato una nuova disposizione circa la legalizzazione dei certificati di origine: sui certificati dovranno essere compilati tutti i campi, in particolare è obbligatoria la compilazione della casella numero 4. Quest’ultima deve essere compilata in modo dettagliato specificando soprattutto l’itinerario e i diversi mezzi di trasporto.

Prefettura di Torino, visti di legalizzazione su documenti per l’estero destinati a paesi NON aderenti alla Convenzione Aja

La Prefettura di Torino ha comunicato che non effettuerà più la legalizzazione sui documenti per l’estero destinati a paesi NON aderenti alla Convenzione Aja, in quanto con Decreto del Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato del 12/07/2000 (diramato con circolare n. 651623 del 13/07/2000) questa competenza è stata demandata alle Camere di commercio, che appongono il visto di legalizzazione (ex UPICA).

Il Certificato di Origine è un documento, rilasciato dalla Camera di commercio territorialmente competente, che attesta l´origine (non preferenziale) della merce e che accompagna i prodotti esportati in via definitiva.

Dal 01/05/2016 è entrato in vigore il nuovo Codice Doganale dell’Unione Europea (CDU o UCC), Regolamento UE 952/2013, con gli annessi provvedimenti, tra cui il Regolamento Delegato (RD o DA) 2015/2446, il Regolamento di Esecuzione (RE o IA) 2015/2447 e il Regolamento Delegato Transitorio (RDT o TDA) 2016/341. A fronte della nuova normativa Eurochambres ha emanato le Linee Guida alle Camere di commercio dell’Unione Europea.

Il Certificato di Origine può essere richiesto telematicamente attraverso il servizio CERT'O, vedi pagina www.to.camcom.it/certo, e ritirato senza code allo sportello personalmente o inviando un corriere, oppure in forma cartacea allo sportello documenti estero della Camera di commercio di Torino.

Al fine di ottimizzare il servizio di rilascio dei Certificati di Origine, anche in termini di riduzione dell'affluenza e dei dempi di attesa dell'utenza agli sportelli, si consiglia di utilizzare la procedura di invio telematico CERT'O per la prenotazione dei "certificati" tenendo presente che a partire dal 1° ottobre 2017, l'ufficio continuerà ad accogliere richieste in forma cartacea allo sportello limitatamente a 3 pratiche al giorno.

Per informazioni dettagliate sul Certificato di Origine, le modalità di rilascio e le istruzioni per la compilazione:

In breve, per richiedere un Certificato di Origine occorre procedere nel seguente modo (NB: tutti i moduli sono disponibili nella pagina Modulistica - Estero www.to.camcom.it/modulistica-estero ) :

1) compilare, firmare e presentare allo sportello il Modulo di richiesta formulari per certificati di origine;

2) compilare ogni singolo foglio del formulario (compreso il fronte della copia rosa) esclusivamente al computer utilizzando il file "Modello per la compilazione C.O. al computer";

3) compilare il retro della copia rosa (anche a mano) e firmare sia nel fronte che nel retro;

4) presentarsi allo sportello allegando ad ogni formulario:

  • la dichiarazione da allegare al Certificato di Origine compilata e firmata;
  • copia della fattura export;
  • eventuali fatture export in originale, dichiarazioni o packing list che si vogliono vidimati;
  • eventuale documentazione di origine delle merci se non si è produttori;
  • fotocopia documento di identità del firmatario.

Eventuali formulari erroneamente compilati, dovranno essere restituiti alla Camera di commercio completi di tutte le copie.

NB: le fasi di cui sopra possono in alternativa anche essere effettuate per via telematica, grazie al servizio www.to.camcom.it/certo

Tempi

Il rilascio del certificato allo sportello è immediato (per i tempi di rilascio dei certificati richiesti per via telematica, v. pagina www.to.camcom.it/certo )

Costi e modalità di pagamento

È possibile pagare allo sportello in contanti oppure con bancomat o carta di credito sia on-line (con carta di credito), l'importo dei diritti di segreteria è il seguente:

  • Certificati di Origine, ogni originale e copia da vistare: € 5.00
  • Visti su fatture/listini/dichiarazioni per l´esportazione: € 3.00
  • Visto per la legalizzazione della firma (se richiesto da autorità estere): € 3.00

Le pratiche richieste telematicamente vengono invece pagate on-line, per informazioni v. www.to.camcom.it/certo

 

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?: 
Average: 3 (3 votes)

Aggiornato il: 04/06/2018 - 11:15

A chi rivolgersi

Sviluppo competitività e internazionalizzazione

Via San Francesco da Paola 24, 10123 Torino - Terzo piano
Il Settore riceve solo su appuntamento

Documenti per l'estero: 011 571 6375 / 6373 / 6378
Gare di appalto internazionali: 011 571 6366
Progetto Assist In: 011 571 6362
Sportello Worldpass: 011 571 6363