Certificati di origine

testata certificati origine

Il Certificato di Origine è un documento che attesta l'origine della merce e accompagna i prodotti esportati in via definitiva.

Attenzione: a seguito alle disposizione ministeriali per il contenimento della diffusione del contagio COVID-19, dal 18 marzo 2020 e fino a data da destinarsi, l'ufficio Documenti Estero è aperto al pubblico solo il lunedì, il mercoledì e il venerdì mattina con orario 9:00 - 12:15.

Il Certificato di Origine è un documento, rilasciato dalla Camera di commercio territorialmente competente, che attesta l'origine (non preferenziale) della merce e che accompagna i prodotti esportati in via definitiva.

Dal 01/05/2016 è entrato in vigore il nuovo Codice Doganale dell'Unione Europea (CDU o UCC), Regolamento UE 952/2013, con gli annessi provvedimenti, tra cui il Regolamento Delegato (RD o DA) 2015/2446, il Regolamento di Esecuzione (RE o IA) 2015/2447 e il Regolamento Delegato Transitorio (RDT o TDA) 2016/341. A fronte della nuova normativa Eurochambres ha emanato le Linee Guida alle Camere di commercio dell’Unione Europea.

Dal 1 giugno 2019 la domanda di rilascio del certificato di origine deve essere presentata in modalità telematica utilizzando l'applicativo InfoCamere CERT'O.

CERT'O è il servizio che la Camera di commercio di Torino mette a disposizione degli utilizzatori di Certificati di Origine per l’invio telematico delle loro richieste.

La compilazione del documento avviene attraverso una procedura informatica, al termine della quale i dati del Certificato e i documenti da allegare per consentire l'istruttoria da parte della Camera vengono trasmessi via internet ad un apposito Sportello Telematico camerale.

Sulla base di quanto ricevuto, la Camera di Commercio effettua l'istruttoria e produce il documento cartaceo (Certificato) da consegnare al richiedente.

N.B.: la modalità telematica può essere usata solo per la presentazione della richiesta dei certificati di origine, perché in genere le autorità doganali estere esigono la produzione della copia cartacea con la firma autografa del funzionario camerale, di conseguenza il certificato richiesto telematicamente deve comunque essere ritirato dall'impresa, preferibilmente incaricando un corriere presso lo sportello dedicato al ritiro pratiche telematiche. In questo caso è possibile inviare all'indirizzo di posta ritiro.documenti.estero@to.camcom.it eventuale lettera di vettura, segnalando al corriere gli orari di apertura dell'ufficio per il ritiro dei documenti presso la sede di Torino (Via San Francesco da Paola 24, 3° piano). Eccezionalmente le pratiche potranno essere consegnate ad un incaricato della ditta.

E' fortemente consigliata l'adesione al servizio di Stampa in azienda (www.to.camcom.it/certificati-di-origine-stampa-azienda). In questo modo il documento richiesto sarà scaricabile direttamente dalla pratica telematica.

Nonostante questo limite, l'utilizzo della modalità telematica offre comunque numerosi vantaggi alle imprese:

  • Permette di evitare code agli sportelli e di ritirare con corsia preferenziale
  • Permette di monitorare le richieste attraverso il pc
  • Permette di ottimizzare la gestione dei documenti
  • Permette di ricevere un controllo preventivo sulla corretta compilazione della domanda da parte dell'ufficio, evitando così il rischio di presentarsi allo sportello e di vedersi respingere la pratica
  • Permette al legale rappresentante di firmare i documenti, anche se fisicamente distante dall'azienda, attraverso l'utilizzo della firma digitale

Per informazioni dettagliate sul Certificato di Origine, le modalità di rilascio e le istruzioni per la compilazione:

Eventuali formulari cartacei inutilizzati in dotazione vanno restituiti alla Camera di commercio completi di tutte le copie.

Come attivare il servizio

  1. Il legale rappresentante (o procuratore con poteri di firma per documenti per l'estero) deve dotarsi, se non già in possesso, di un dispositivo di firma digitale (www.to.camcom.it/cns).
     
  2. L’impresa deve dotarsi di un accesso al sistema telematico, previa registrazione gratuita all’indirizzo www.registroimprese.it e cliccare su "Registrati adesso" (oppure accedendo direttamente a www.registroimprese.it/registra-ri). All’atto della sottoscrizione, occorre scegliere sia consultazione, sia spedizione pratiche telematiche. Il contratto si compila attraverso un form on-line direttamente sul sito e deve essere sottoscritto dal legale rappresentante dell’impresa che a scelta lo firmerà digitalmente e lo invierà all’indirizzo di posta elettronica indicato oppure lo stamperà, lo sottoscriverà e invierà via fax assieme a un documento di identità al numero visualizzato sul contratto.
     
  3. Per i pagamenti dei diritti di segreteria (per esempio per i certificati di origine e visti per l’estero) l’utente ha due possibilità:
    1. Creare all’interno della procedura un borsellino elettronico prepagato utilizzando la carta di credito. Il conto può essere caricato tramite carta di credito sul portale una volta inseriti i dati identificativi (user e password nel sito www.registroimprese.it), accedendo nella "Area utente" (operazione effettuata attraverso il sistema di pagamento online di CartaSi), per questa attività è a disposizione il servizio di assistenza telefonica al 049 20 15 215.
    2. Creare un apposito conto attraverso l’istituto di pagamento InfoCamere sottoscrivendo un contratto attraverso il sito www.iconto.infocamere.it/idpg/home. Per questa opzione è a disposizione un servizio dedicato di assistenza: Contact Center: 800 500 333, assistenza.idp@infocamere.it.
       
  4. Una volta ottenute le chiavi di accesso al portale, l’utente si identifica (http://registroimprese.infocamere.it/login) e può iniziare ad inviare telematicamente le richieste di certificati di origine alla Camera di commercio, nel seguente modo:
    1. Selezionare "Sportello pratiche on-line", poi selezionare l’etichetta "Servizi e-gov". Per accedere agli Sportelli Telematici dei servizi e-gov è necessario completare la propria registrazione effettuata con la sottoscrizione del contratto per l'invio di pratiche telematiche (ottenuta dal sito www.registroimprese.it). Si tratta di un'operazione da effettuare una tantum al momento del primo accesso allo Sportello per l'invio di una pratica. Tale operazione, invece, va eseguita in seguito solo per modificare i dati già registrati.
    2. Per iniziare una richiesta di emissione certificato di origine, selezionare "Certificazioni per l’estero" e seguire le indicazioni proposte a video.
       
  5. Una volta conclusa la preparazione della pratica telematica, questa deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentante e inviata telematicamente alla Camera di commercio di Torino. Il pagamento dei diritti di segreteria avviene tramite uno dei sistemi sopra elencati (si veda il punto 3).
     
  6. Una volta che la pratica risulti approvata dalla Camera di commercio di Torino (pratica chiusa), procedere al ritiro presso la sede di Torino (Via San Francesco da Paola 24, 3° piano).

Ulteriori informazioni e documentazioni a supporto

  1. Manuale CERT'O (utente finale): per ricevere il manuale inviare un'e-mail di richiesta a documenti.estero@to.camcom.it.
     
  2. Corsi on-line: corsi completamente gratuiti su come compilare e inviare le richieste di adempimenti telematici verso le Camere di commercio, previa una registrazione gratuita al seguente sito: http://elearning.infocamere.it/login/index.php. Una volta registrati, accedere al sito e selezionare il corso Pratica telematica "Certificazioni per l'estero". Può essere particolarmente utile, per un primo approccio, visionare i filmati "Creazione modello" e "Invio pratica".
     
  3. Assistenza:
    1. Contact Center telefonico: 199 502 010 (servizio a pagamento, costi indicati alla pagina www.registroimprese.it/contact-center)
    2. Sito internet (utenti non registrati): www.registroimprese.it/contact-center, compilando un modulo
    3. Sito internet (utenti registrati): www.registroimprese.it/contact-center, con assistenza web fornita da un operatore

Tempi e costi del servizio

Il certificato di origine richiesto in via telematica sarà disponibile per il ritiro, se la domanda risulta regolare e completa in tutti in suoi elementi, cinque giorni dopo l'invio telematico della richiesta.

È possibile richiedere l'emissione di un certificato di origine con urgenza per un numero complesivo di volte pari al 20% delle pratiche rilasciate nell'anno precedente nei confronti di una data partita IVA. Le pratiche urgenti vengono evase in massimo due giorni.

L'importo dei diritti di segreteria che si deve pagare on-line è il seguente:

  • Certificati di Origine, ogni originale e copia da vistare: € 5,00
  • Visti su fatture / listini / dichiarazioni per l'esportazione: € 3,00
  • Visto per la legalizzazione della firma (se richiesto da autorità estere): € 3,00

Videocorsi sulla nuova modalità di richiesta del Certificato di Origine

 

 

 

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?
Average: 3 (4 votes)

Aggiornato il: 07/05/2020 - 10:52

A chi rivolgersi