Casi aziendali di successo

Testata Alps EEN

In questa pagina vengono pubblicate alcune delle storie di successo nate grazie ai servizi di supporto offerti dagli uffici camerali appartenenti alla rete Enterprise Europe Network

Nel corso degli anni la rete Enterprise Europe Network, ha promosso la collaborazione transnazionale tra imprese incentivando lo scambio di tecnologie e dei risultati di ricerche scientifiche, stimolando la collaborazione commerciale tra soggetti italiani e stranieri, e fornendo assistenza e supporto alle imprese su tutte le tematiche comunitarie. L’obiettivo della rete è quello di rendere visibili le potenzialità delle imprese locali nell’ambito dei network tecnologici e commerciali europei (vedi in particolare la pagina Ricerca Partner).
Un servizio di punta della rete è quello relativo all'Innovation Management, che fornisce alle PMI un'analisi dell’impatto dell’innovazione sui principali processi aziendali.

I casi di successo dimostrano i vantaggi concreti raggiunti da alcune delle imprese locali che hanno usufruito del supporto gratuito fornito dalla rete.
Qui di seguito alcuni esempi.

Finanziata dalla Commissione europea con il supporto della rete Enterprise Europe Network una start up innovativa per la mobilità sostenibile

OLTRE  è una piccola azienda dedicata all'automazione industriale fondata da Michele Di Chio, un tecnico appassionato di mobilità sostenibile, che ha sviluppato un parcheggio automatizzato per biciclette volto a prevenire danni e furti e con lo scopo ultimo di incrementare l’uso delle due ruote nelle città.

La Camera di commercio di Torino che, attraverso i servizi EEN, supporta OLTRE da diversi anni ha aiutato l’azienda a scrivere una proposta di successo finanziata attraverso lo Strumento PMI – Fase 1. Il progetto vincitore ha favorito la creazione di Bikeinside, una Start Up Innovativa a Valore Sociale Srl-SIAVS

Impresa innovativa specializzata in realtà virtuale, grazie alla rete Enterprise Europe Network e alla Camera di commercio di Torino, ha potenziato una sua sede specializzata in intelligenza artificiale

La PMI innovativa ILLOGIC, con sede a Torino, dal 2010 si è affermata come protagonista nel mondo della realtà virtuale dagli USA alla Russia. Grazie alla piattaforma tecnologica Vr Star, ILLOGIC ha collaborato ad un progetto di ricerca negli USA per simulare le situazioni di lavoro in un impianto di cogenerazione. E ancora in Russia, presso la raffineria di Rosneft, l'azienda è riuscita a ricostruire perfettamente le condizioni di lavoro attraverso un "digital twin", ovvero un gemello digitale. In questo modo è stato possibile riprodurre l'ambiente della raffineria per consentire agli operatori di imparare a lavorare in quella situazione, di sperimentare le procedure di accensione e quelle di spegnimento, eseguire i test ed i controlli degli impianti, esattamente come in un videogioco. Nel progetto "A4Blue", l'azienda torinese ha poi collaborato nell'ambito di Horizon 2020, il programma quadro europeo di innovazione e ricerca, con partner del calibro di Airbus e portato la realtà aumentata nelle linee di lavoro degli operai. L'applicazione permette di fornire a chi lavora indicazioni ulteriori e in tempo reale su un oggetto o un'azione specifici attraverso degli occhiali o caschetti smart. Si parla di "realtà assistita" in quanto un operatore sarà in contatto costante con chi lo indossa per guidarlo nelle operazioni che compie e vedendo tramite una telecamera l'ambiente in cui si muove.
ILLOGIC, grazie alla consulenza della rete EEN è ora riuscita a potenziare la sede di Palermo per sviluppare temi di intelligenza artificiale, avvalendosi di professionalità  formate presso l'Università di quella città.

Successo di una start-up innovativa torinese grazie al servizio di valorizzazione delle competenze di Innovation Management offerto dalla rete EEN

Grazie al supporto della rete EEN NTEK Srl, una start up innovativa torinese nata nel 2013 che progetta e sviluppa soluzioni, prodotti e servizi per la generazione e il controllo del rumore e dei disturbi da esso derivati in tutti i settori dell'acustica, ha avviato una due diligence (ovvero una verifica dei dati di bilancio) di successo che ha permesso l'acquisizione del 40% dell'impresa da parte di un importante imprenditore locale.
L'azienda si è avvalsa del servizio di assistenza sulla gestione dell'innovazione offerto gratuitamente dalla rete Enterprise Europe Network presso la Camera di commercio di Torino. Il servizio, offerto attraverso il tool sviluppato dalla European Innovation Academy - Imp3rove, offre numerosi vantaggi tra cui la possibilità di ottenere il posizionamento competitivo dell’azienda in maniera trasparente. Il report che è emerso dall'analisi effettuata ha messo in luce i numerosi punti di forza dell'azienda (l'outlook economico era molto positivo rapportato alle circa 150 realtà operanti nello stesso settore e con la medesima classe di addetti e provenienti da tutta Europa) , NTEK ha quindi potuto utilizzare il report per dimostrare la propria solidità finanziaria ed economica di fronte a un potenziale investitore . Dopo una due diligence (in cui il report Imp3rove è stato fondamentale per mostrare lo stato di salute della società ), nel 2016 un importante imprenditore automotive della zona di Torino è divenuto socio di minoranza della società . Tale impulso ha portato nel 2017 anche all’inaugurazione della nuova sede. Nel 2018, l’azienda si è avvalsa nuovamente del medesimo servizio per rafforzare il mercato nazionale.

Start-up torinese vincitrice di un finanziamento europeo per l'innovazione  a seguito del servizio di prevalutazione progettuale della rete EEN

MORECOGNITION  è una start up nata nel 2017 dall’Istituto Italiano di Tecnologia e ha sviluppato un sistema che mira a facilitare e migliorare il processo riabilitativo in pazienti con deficit motorio, ad esempio a seguito di ictus. "Remo" è un sistema dotato di intelligenza artificiale che assiste il paziente con funzioni motorie ridotte nell’attività riabilitativa domiciliare grazie a sensori indossabili e attraverso il semplice uso di uno smartphone. Il fisioterapista può controllare l’avanzamento da remoto, il paziente è sicuro di svolgere correttamente gli esercizi ed è più motivato grazie anche al supporto di una serie di giochi interattivi.
Grazie a questo progetto la start up ha ottenuto un finanziamento europeo nel bando SME Instrument di Horizon2020, traguardo raggiunto anche grazie all’assistenza  della punto Enterprise Europe Network della  Camera di commercio di Torino. E’ stata inoltre selezionata per usufruire del programma di Mentoring che la Camera di commercio di Torino mette a disposizione di aziende innovative e ambiziose per aiutarle ad affrontare l’espansione sui mercati esteri.

 

 

 

 

 

 

 

UTILITÀ

Condividi questa pagina:
Stampa questa pagina:
Ti è stata utile questa pagina?
No votes yet

Aggiornato il: 29/11/2019 - 13:28

A chi rivolgersi