Atto costitutivo di spa

La società per azioni può essere costituita per contratto o per atto unilaterale. L'atto costitutivo deve essere redatto per atto pubblico.

Riferimenti normativi: artt. 2328, 2329, 2330, 2454, 2615 ter c.c., 223 quater norme di att. c.c.

Termine: entro 10 giorni dalla data atto o dalla data in cui l’autorizzazione è stata consegnata al notaio (quando le autorizzazioni previste dall’art. 2329 c.c. sono rilasciate successivamente alla stipulazione dell’atto costitutivo)

Sanzioni: consultare la Tabella Sanzioni R.I. società per azioni - società in accomandita per azioni - società consortili per azioni

Soggetti obbligati: notaio o amministratore

Soggetti legittimati a presentare la domanda in luogo dei soggetti obbligati:

  • ciascun socio, se il notaio o gli amministratori non provvedono all’iscrizione entro il termine di 10 giorni dalla data atto o dalla data di consegna al notaio dell’autorizzazione
  • procuratore

Firme

Firma digitale del:

  • soggetto che  presenta la domanda (Notaio, amministratore, socio o procuratore)
     
  • amministratore/i che iscrive/iscrivono la propria nomina1
     
  • sindaco/i nominato/i2

Nel caso in cui l’amministratore o il sindaco o il socio siano privi del dispositivo di firma digitale, gli stessi possono:

  • conferire procura ad altro soggetto ai sensi dell’art. 38 del D.P.R. n. 445/2000. In tal caso deve essere allegata la procura portante il numero identificativo della pratica, firmata autografamente dal soggetto obbligato; a perfezionamento di questa modalità di firma occorre allegare, in un file separato, codificato con il codice E20, copia semplice del documento di identità del soggetto obbligato.
     

1Ciascun amministratore nominato, dovendo iscrivere la propria nomina ai sensi dell’art. 2383 c.c., deve firmare la domanda. La sua  firma non è necessaria nel caso in cui la domanda d’iscrizione sia presentata dal Notaio e nell’atto risulti, in alternativa, una delle seguenti condizioni:

  1.  l’accettazione espressa della carica da parte dell’amministratore;
  2.  la delega al Notaio a presentare la domanda per l’iscrizione della propria nomina;
  3.  la sottoscrizione dell’atto da parte dell’amministratore.

La firma di un amministratore è comunque richiesta nel caso in cui venga presentata contestuale denuncia di inizio attività, dichiarazione della soggezione all’altrui attività di direzione e coordinamento art. 2497 bis c.c. (gruppo societario), domanda di iscrizione delega poteri ai componenti dell’organo amministrativo (se la delibera è oggetto di atto separato) e nel caso in cui l'ammontare del capitale sociale versato indicato nella modulistica sia diverso da quello indicato in atto, non essendo il Notaio soggetto obbligato, né legittimato alla presentazione di tali domande/denunce, se non in forza del conferimento di specifica procura. Per contro, la firma di un amministratore non è richiesta per la comunicazione della Pec e per la presentazione dell’elenco soci in quanto, in assenza di un soggetto obbligato previsto dalle norme, si ritiene che laddove il Notaio sia obbligato al deposito dell’atto, sia anche legittimato alla presentazione di tali comunicazioni.
2La firma del sindaco viene richiesta come prova del consenso alla designazione alla carica. La sua  firma non è necessaria nel caso in cui la domanda d’iscrizione sia presentata dal Notaio e nell’atto risulti, in alternativa, una delle seguenti condizioni:

  1. l’accettazione espressa della carica da parte del sindaco;
  2. la delega al Notaio da parte del sindaco ad esprimere il consenso alla designazione alla carica;
  3. la sottoscrizione dell’atto da parte del sindaco.

Modulistica

  • Modello S1 con codici atto:
    • A01 per l’iscrizione dell’atto costitutivo
       
    • A06 per l’iscrizione della nomina degli amministratori
       
    • A08 per la nomina dei sindaci e dell'eventuale soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti
       
    • A11 (eventuale) nel caso in cui sia presentata anche la domanda di iscrizione della delega dei poteri deliberata dall’assemblea dei soci o, in pari data, dall’organo amministrativo
       
    • A03 (eventuale) per l’iscrizione di una sede secondaria1
       
    • A99 (eventuale) per la dichiarazione resa dall’amministratore in merito alla sussistenza della soggezione all’altrui attività di direzione e coordinamento ai sensi dell’art. 2497-bis c.c. (gruppi societari)
       
  • Modello S contenente l’elenco dei soci e degli altri titolari di diritti sulle partecipazioni sociali e l’eventuale indicazione della soggezione all’altrui attività di direzione e coordinamento (art. 2497 bis c.c.)
     
  • Un modello modello intercalare P per ogni amministratore che iscrive la propria nomina
     
  • Un modello modello intercalare P (eventuale) per ogni persona fisica legale rappresentante della persona giuridica nominata amministratore con legale rappresentanza
     
  • Un modello modello intercalare P per ogni sindaco nominato2
     
  • Un modello modello intercalare P(eventuale) per il soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti, se nominato
     
  • Un modello modello intercalare P (eventuale) per il socio unico
     
  • Un modello modello intercalare P (eventuale) per il preposto alla sede secondaria
     
  • Modello S5(eventuale) per la contestuale denuncia dell’attività economica dell’impresa
     
  • Modello UL(eventuale) per la contestuale apertura di unità locale o per l’istituzione di sede secondaria (operative e non operative)3
     

Esempio Distinta R.I. risultante dalla compilazione della modulistica
 


1L’istituzione della sede secondaria deve essere prevista nell’atto costitutivo.
2Se non diversamente disposto, le norme del codice civile che fanno riferimento agli amministratori e ai sindaci trovano applicazione, in quanto compatibili, anche ai componenti del consiglio di gestione e del consiglio di sorveglianza, per le società che abbiano adottato il sistema dualistico, e ai componenti del consiglio di amministrazione e ai componenti del comitato per il controllo sulla gestione, per le società che abbiano adottato il sistema monistico…(art. 223 septies disp. trans. c.c.).
3Se la localizzazione è operativa, deve risultare compilato anche il modello S5.

Allegati

  • Copia informatica dell’originale cartaceo dell’atto costitutivo, contenente anche le norme sul funzionamento della società, in formato .pdf/A-1, sottoscritta digitalmente dal Notaio1 ai sensi dell’art. 22, comma 1 del D.Lgs. n. 82/2005.
     
  • Copia informatica dell’originale cartaceo dello statuto2, in formato .pdf/A-1, sottoscritta digitalmente dal Notaio3 ai sensi dell’art. 22, comma 1 del D.Lgs. n. 82/2005.
     
  • Copia per immagine (acquisita tramite scansione ottica) dell’originale cartaceo (eventuale) del/degli allegato/i richiamato/i o meno nell’atto, a completamento della domanda, in formato .pdf/A-1, sottoscritta digitalmente dal Notaio4 e dallo stesso dichiarata conforme ai sensi dell’art. 22, comma 2 del D.Lgs. n. 82/2005.


Devono essere sempre allegati all’atto costitutivo:

  • la relazione di stima, in caso di conferimenti di beni in natura o di crediti ai sensi dell’art. 2465 c.c.
     
  • le autorizzazioni e/o i documenti, richiesti dalle leggi speciali in relazione al particolare oggetto della società, comprovanti  la sussistenza delle condizioni richieste  per la costituzione della società, ai sensi dell’art. 2329 c.c. 
     

1Oppure copia per immagine (acquisita tramite scansione ottica) dell’originale cartaceo dell’atto costitutivo, in formato .pdf/A-1, sottoscritta digitalmente dal Notaio e dallo stesso dichiarata conforme, ai sensi art. 22, comma 2 del D.Lgs. n. 82/2005, secondo la seguente formula apposta in calce all’atto: “Il sottoscritto…(nome e cognome), in qualità di Notaio, dichiara, ai sensi dell’articolo 22, comma 2 del D.Lgs. n. 82/05, che la copia dell’atto ..(indicare il tipo di atto)  è conforme all’originale. Lì,…(indicare luogo e data)”.
2Qualora le norme di funzionamento della società siano contenute in un documento redatto separatamente (statuto) ma considerato parte integrante dell’atto costitutivo.
3Oppure copia per immagine (acquisita tramite scansione ottica) dell’originale cartaceo dello statuto, in formato .pdf/A-1, sottoscritta digitalmente dal Notaio e dallo stesso dichiarata conforme, ai sensi art. 22, comma 2 del D.Lgs. n. 82/2005, secondo la seguente formula apposta in calce all’atto: “Il sottoscritto…(nome e cognome), in qualità di Notaio, dichiara, ai sensi dell’articolo 22, comma 2 del D.Lgs. n. 82/05, che la copia dello statuto/allegato… è conforme all’originale. Lì,…(indicare luogo e data)”.
4Oppure copia informatica (non scansionata) dell'originale cartaceo del/degli allegato/i, in formato .pdf/A-1, sottoscritta digitalmente dal Notaio ai sensi dell'art. 22, comma 1 del D.lgs n. 82/2005.

Registrazione dell'atto

Obbligatoria. E’ consentito il deposito dell’atto anteriormente alla registrazione ai sensi dell’art. 66 D.P.R. 131/86.

Importi

  • Diritti di segreteria: € 90,001

  • Imposta di bollo: € 65,002
    Se sussistono i presupposti è possibile assolvere l’imposta di bollo tramite il Modello Unico Informatico (M.U.I.).

  • Diritto annuale: € 120,001 (vedi la pagina Diritto Annuale) ed € 24,00 per ogni unità locale aperta e/o sede secondaria istituita

1Esente se start-up innovativa o incubatore certificato, per i primi cinque anni dall'iscrizione nella sezione speciale del registro delle imprese.

2Esente se start-up innovativa, incubatore certificato o PMI innovativa, per i primi cinque anni dall'iscrizione nella sezione speciale del registro delle imprese.

Avvertenze

  • Atto soggetto a termine futuro1: evidenziare il termine futuro nel riquadro 20/ALTRI ATTI E FATTI SOGGETTI A ISCRIZIONE E A DEPOSITO e nel campo corrispondente ai poteri di ciascun componente dell’organo amministrativo, dei sindaci e, se nominato, del soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti.
  • Atto soggetto a condizione sospensiva2: evidenziare la condizione sospensiva degli effetti dell’atto nel riquadro 20/ALTRI ATTI E FATTI SOGGETTI A ISCRIZIONE E A DEPOSITO e nel campo corrispondente ai poteri di ciascun componente dell’organo amministrativo, dei sindaci e, se nominato, del soggetto incaricato di effettuare la revisione legale dei conti.
  • Amministratore che non iscrive la propria nomina: se l’amministratore nominato, alla data di presentazione della domanda non ha accettato la carica (in quanto si riserva di accettare o meno in un secondo momento oppure manifesta la volontà di non accettare), non allegare il relativo modello intercalare P e indicare tale informazione nel modello Note. Se l’amministratore nominato dovesse accettare in un secondo momento, dovrà essere presentata un’ulteriore domanda per l’iscrizione della sua nomina.
  • Delibera in pari data dell’organo amministrativo per la delega cariche e/o poteri3: sia che la verbalizzazione della delibera sia contenuta all’interno dell’atto costitutivo, sia che la stessa sia oggetto di atto separato4, presentare un’unica domanda. Nel modello S1, in caso di delega poteri, deve risultare indicato l’ulteriore codice atto A11; nei modelli intercalari P dei componenti l’organo amministrativo interessati devono risultare anche le cariche5 e/o i poteri delegati.
  • Nomina di una persona giuridica italiana alla carica di amministratore: deve risultare compilato un modello intercalare P a nome della persona giuridica “amministratore”. Qualora la persona giuridica sia dotata di legale rappresentanza all’interno del modello deve risultare compilato anche il riquadro 5/POTERI DI RAPPRESENTANZA in cui deve risultare l’indicazione “In persona del legale rappresentante pro-tempore”.
  • Nomina di una persona giuridica estera alla carica di amministratore:  deve risultare compilato un modello intercalare P a nome della persona giuridica “amministratore”. Qualora la persona giuridica sia dotata di legale rappresentanza all’interno del modello deve risultare compilato anche il riquadro 5/POTERI DI RAPPRESENTANZA in cui deve risultare l’indicazione “In persona del legale rappresentante…(nome e cognome del legale rappresentante della persona giuridica)”.
  • Contestuale denuncia attività economica esercitata dall’impresa nella sede legale: occorre allegare il modello S5 per l’inizio attività (agricola6 e non agricola), per l’indicazione della data inizio attività e per la  denuncia dell’attività prevalente dell’impresa; allegare l’eventuale documentazione necessaria per il legittimo esercizio dell’attività denunciata. Si ricorda che per tale denuncia occorre sempre la firma di un amministratore.
  • Contestuale denuncia attività economica esercitata dall’impresa presso una localizzazione (unità locale o sede secondaria) nella provincia: occorre allegare il modello UL per l’apertura della localizzazione e per la denuncia dell’attività ivi esercitata e il modello S5 per l’indicazione della data inizio attività e per la denuncia dell’attività prevalente dell’impresa; allegare l’eventuale documentazione necessaria a comprovare il legittimo esercizio dell’attività denunciata. Si ricorda che per tale denuncia occorre sempre la firma di un amministratore.
  • Dichiarazione della soggezione all’altrui attività di direzione e coordinamento ai sensi art. 2497 bis c.c. (gruppi societari)7: è possibile  presentare contestualmente alla domanda di iscrizione dell’atto costitutivo anche la dichiarazione di cui all’art. 2497 bis c.c.. Nel modello S1 deve risultare anche il codice atto A99, come data atto la data di presentazione della domanda e deve risultare compilato anche il modello Note con l’indicazione dell’inizio del controllo. Si ricorda che per tale denuncia il modello S deve risultare compilato anche nella sezione corrispondente ai gruppi societari e che occorre sempre la firma di un amministratore (per informazioni consultare la pagina Soggezione all'altrui attività di direzione e coordinamento: inizio controllo).   

    1Occorre presentare un’unica domanda a prescindere che il termine futuro si sia verificato o meno rispetto alla data di invio della domanda.
    2Occorre presentare un’unica domanda a prescindere che la condizione sospensiva si sia avverata o meno rispetto alla data di invio della domanda.
    3In tal caso, la domanda di iscrizione della delega carica/che e/o poteri, non avendo per oggetto l’iscrizione dell’atto, ma la sola delega dei poteri, per la quale l’atto costituisce mero documento probatorio, finalizzato a dimostrare la veridicità della delega stessa, sconta sempre l’imposta di bollo di euro 65,00 (la stessa non può essere assolta tramite il Modello Unico Informatico (M.U.I.)).
    4In tal caso è richiesta la firma di un amministratore e occorre allegare copia semplice informatica della deliberazione dell’organo amministrativo.
    5Tali cariche si aggiungono a quelle conferite dai soci nell’atto costitutivo (es. si aggiunge alla carica di consigliere, conferita nell’atto costitutivo, quella di amministratore delegato, conferita con la delibera dell’organo amministrativo).
    6In tal caso occorre richiedere l’iscrizione nella sezione speciale del R.I. quale Impresa Agricola.
    7In tal caso, la domanda di iscrizione della dichiarazione della soggezione all'altrui attività di direzione e coordinamento ai sensi dell'art. 2497 bis c.c., essendo indipendente dall'atto costitutivo, sconta sempre l'imposta di bollo di euro 65,00 (la stessa non può essere assolta tramite il Modello Unico Informatico (M.U.I.)). 

    Approfondimento

    La società per azioni, siglabile s.p.a., é costituita generalmente con contratto da due o più persone, ma può anche essere costituita con atto unilaterale da un solo socio (s.p.a. uni personale).

    L’atto costitutivo deve essere redatto per atto pubblico e deve avere il contenuto minimo obbligatorio indicato dalla legge, con esso i soci esprimono la volontà di costituire la società. Le regole di funzionamento della società sono contenute, invece, nello statuto che se forma oggetto di atto separato, costituisce comunque parte integrante dell’atto costitutivo. In caso di contrasto tra le clausole dell’atto costitutivo e quelle dello statuto è previsto che debbano prevalere le seconde.
    L’atto costitutivo e lo statuto possono anche contenere una serie di clausole volontarie e particolari, non richieste come necessarie dalla legge, ma importanti per adattare meglio le regole di funzionamento della società alle sue concrete necessità.

    Essendo una società di capitali, i soci rispondono delle obbligazioni sociali soltanto limitatamente alla somma o al valore dei beni conferiti.

    La società per azioni deve costituirsi con un capitale sociale pari ad almeno 50.000 euro.

    La partecipazione sociale è rappresentata da azioni. L’azione costituisce la frazione minima e indivisibile in cui può essere suddiviso il capitale sociale, ogni azione costituisce un’unità distinta, autonoma e sempre di identico valore.
    Se determinato dallo statuto, il valore nominale di ciascuna azione corrisponde ad una frazione del capitale sociale. Salvo diversa disposizione statutaria, a ciascun socio è assegnato un numero di azioni proporzionale alla parte di capitale sottoscritta, di conseguenza, potendo i soci essere titolari di più azioni, il numero delle azioni non è quasi mai uguale al numero dei soci della società.

    Il legislatore ha previsto per la società per azioni ben tre distinti sistemi di amministrazione e controllo. Ciascun sistema di amministrazione e controllo è caratterizzato da organi denominati in modo diverso, con funzioni e relazioni reciproche differenti:

    1. sistema tradizionale (amministratore unico/consiglio di amministrazione, collegio sindacale e revisore legale dei conti o società di revisione legale dei conti)
    2. sistema monistico (consiglio di amministrazione, comitato per il controllo della gestione e revisore legale dei conti o società di revisione legale dei conti);
    3. sistema dualistico (consiglio di gestione, consiglio di sorveglianza e revisore legale dei conti o società di revisione legale dei conti).


    In mancanza di una specifica disposizione statutaria, l’amministrazione ed il controllo della società sono disciplinati dalle norme che prevedono e regolano il sistema tradizionale.

    Il sistema monistico e il sistema dualistico possono essere adottati solo se ciò sia previsto dallo statuto, sia in sede di costituzione sia di una successiva modificazione dell’atto costitutivo. Se la società decide di modificare il sistema di amministrazione e controllo successivamente alla sua costituzione, la relativa deliberazione assume efficacia a decorrere dalla data dell’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo all’esercizio successivo, salvo che la deliberazione stessa disponga diversamente.

    L’assemblea dei soci è l’organo sovrano della società per azioni, in essa si esprime sempre la volontà sociale che viene poi attuata dall’organo amministrativo. L’assemblea si distingue in ordinaria e straordinaria a seconda dell’oggetto su cui essa è chiamata a deliberare.

    La società per azioni può assumere come oggetto sociale anche gli scopi propri dei consorzi fra più imprenditori, costituendo di conseguenza una società consortile per azioni.

     

    UTILITÀ

    Condividi questa pagina:
    Stampa questa pagina:
    Ti è stata utile questa pagina?
    No votes yet

    Aggiornato il: 15/03/2019 - 13:27

    A chi rivolgersi