Albo Gestori Ambientali

Normativa e procedure per attività di trasporto rifiuti, bonifica siti,  bonifica di beni contenenti amianto, intermediazione e commercio di rifiuti senza detenzione.

Presso la Camera di commercio di Torino ha sede la Sezione regionale del Piemonte dell´Albo Nazionale Gestori Ambientali. L’Albo, nato come Albo smaltitori, ha oggi assunto la denominazione di Albo nazionale gestori ambientali. Attualmente riguarda le imprese che si occupano delle attività di trasporto rifiuti, bonifica siti, bonifica di beni contenenti amianto, intermediazione e commercio di rifiuti senza detenzione.

La domanda  di iscrizione all'Albo deve essere presentata alla Sezione Regionale o Provinciale nel cui territorio è stabilita la sede legale dell'impresa. Le imprese con sede legale all'estero, devono presentare la domanda di iscrizione alla Sezione regionale o provinciale nel cui territorio è istituita la sede secondaria con rappresentanza stabile.

 

Avviso: delibera n. 1 del 31 gennaio 2022: proroga aggiornamento veicoli scarrabili

La delibera n. 1 del 31 gennaio 2022, in vigore dal 1 febbraio 2022, ha prorogato al 29 giugno 2022 il termine per l'aggiornamento dei veicoli scarrabili.

La delibera n. 1 del 31 gennaio 2022 ha modificato l'art. 4 della delibera n. 3 del 24 giugno 2020 "iscrizione all'Albo delle carrozzerie mobili".

Avviso: delibera n. 1 del 10 marzo 2021 "Regime transitorio Responsabili tecnici"

 La delibera n. 1 del 10 marzo 2021 fornisce chiarimenti in merito ai requisiti dei Responsabili tecnici ammessi al regime transitorio.

Avviso: 1 settembre 2019 veicoli in locazione o comodato in scadenza

In ordine ai veicoli in disponibiltà dell'impresa iscritti all'Albo gestori mediante locazione o comodato, il Comitato nazionale con la circolare n. 7 e la  circolare n. 8 del 24 luglio 2019, in vigore dal 1° settembre 2019, ha stabilito la procedura che deve essere osservata per effettuare la proroga dei suddetti titoli di disponibiltà in scadenza.

L'impresa, prima della scadenza del titolo di disponibilità del veicolo, riceverà un avviso di scadenza a mezzo Pec.

L'impresa, prima della scadenza del titolo di disponibilità, deve comunicare la proroga mediante il sistema telematico allegando il nuovo titolo di disponibilità del veicolo (nuovo contratto o appendice) e la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà generata dal sistema telematico (è la stessa dichiarazione generata per l’inserimento/reimmatricolazione veicoli).

La Sezione regionale ricevuta la comunicazione e accertata la completezza della documentazione allegata, rilascia l’accettazione della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà contenente la proroga del titolo di disponibilità. Nella prima seduta utile la Sezione regionale adotta il relativo provvedimento di variazione con l’indicazione della nuova data di scadenza.

Se l’ impresa non invia la comunicazione nei termini previsti, il veicolo è cancellato dall’Albo con decorrenza dal giorno successivo a quello di scadenza del titolo di disponibilità.

Avviso: dal 15 giugno 2018 entra in vigore la sottocategoria 4bis

Dal 15 giugno 2018 è operativa la sottocategoria 4bis relativa all'attività di "raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi costituiti da metalli ferrosi e non ferrosi" ai sensi dell'art. 1, comma 124, della legge 4 agosto 2017, n. 124.

Con la delibera n. 2 del 24/04/2018 il Comitato nazionale ha stabilito i criteri e i requisiti per l'iscrizione nella sottocategoria 4bis.

L'iscrizione deve essere presentata con modalità telematica collegandosi al sito dell'Albo Nazionae Gestori Ambientali alla voce "Login" http://www.albonazionalegestoriambientali.it/Impresa/Login.aspx

Per maggiori informazioni

 

Avviso: nuovi requisiti delle categorie di trasporto

Con efficacia dal 18 settembre 2017, data di pubblicazione sul sito nazionale dell’Albo, è entrata in vigore la nuova delibera del Comitato nazionale n. 8 del 12 settembre 2017 che modifica la delibera n. 5 del 3 novembre 2016 riguardante i requisiti delle categorie del trasporto.

 

Avviso: nuovi requisiti del responsabile tecnico e criteri e modalità di svolgimento delle verifiche

Con la delibera n. 6 del 30 maggio 2017 il Comitato nazionale ha definito i nuovi requisiti del responsabile tecnico di cui agli articoli 12 e 13 del D.M. 3 giugno 2014, n. 120. La delibera entrerà in vigore il 16 ottobre 2017.

Con la delibera n. 7 del 30 maggio 2017 il Comitato nazionale ha stabilito i criteri e le modalità di svolgimento delle verifiche per i responsabili tecnici di cui all’articolo 13 del D.M. 3 giugno 2014, n. 120.

 

Avviso: Nuovi requisiti categorie di trasporto dal 1.2.2017

Si ricorda che dal 1° febbraio 2017 entra in vigore la deliberazione n. 5 del 3 novembre 2016 del Comitato Nazionale che ha stabilito i nuovi criteri e i requisiti per l’iscrizione all’Albo, con procedura ordinaria, nelle categorie 1, 4, 5. 
 

Avviso: nuova procedura di download dei provvedimenti dell'Albo da aprile 2016

Dalla prossima Commissione della Sezione regionale del Piemonte di aprile 2016 le imprese dovranno scaricare dalla propria area riservata sul sito dell'Albo Nazionale Gestori Ambientali i provvedimenti deliberati dalla Sezione, a seguito della delibera n. 1 del 10 febbraio 2016 del Comitato nazionale dell’Albo.

La disponibilità del provvedimento sarà vincolata al preventivo pagamento di quanto dovuto, ovvero marca da bollo € 16,00, tassa di concessione governativa (eventuale), diritto annuale (eventuale).

I provvedimenti riportano la dicitura relativa alla firma omessa oltre ai richiami sul pagamento virtuale del bollo.

L’importanza della posta elettronica certificata PEC
Per la procedura telematica è necessario che le imprese abbiano una PEC valida come previsto dalla legge e dichiarata al registro imprese.

Come si scarica un provvedimento
Successivamente alla riunione della Commissione la Sezione invia la PEC di  notifica all’impresa con la quale la si invita ad effettuare i pagamenti dovuti.
Nel momento in cui la Sezione ha incassato i pagamenti  l’impresa riceve una seconda PEC  per il download del provvedimento.
Procedura operativa: segui le istruzioni

Provvedimenti deliberati dalla Sezione antecedentemente al mese di aprile 2016
Il ritiro dei provvedimenti deliberati antecedentemente al mese di aprile 2016 è soggetto alla vecchia procedura: ritiro presso lo sportello o invio per posta con raccomandata a/r previo pagamento da parte dell’impresa di quanto richiesto.

Per maggiori informazioni
 

Avviso: nuova normativa antimafia

A seguito dell’entrata in vigore, 13/2/13, del D.lgs. 218/2012  che ha modificato il D.lgs. 159/2011 “Codice delle leggi Antimafia”, la Sezione regionale, per poter procedere all’istruttoria delle istanze presentate, deve acquisire direttamente dalla Prefettura la documentazione antimafia prevista.

La documentazione antimafia è richiesta dalla Sezione regionale alla Prefettura competente in sede di ricezione delle singole istanze. In assenza della documentazione antimafia, la Sezione non può deliberare sulle istanze presentate.

L'attesa del rilascio di tale documentazione da parte della Prefettura potrà causare ritardi per alcune delibere, in particolare:

  • iscrizione all'Albo o integrazione di categoria
  • rinnovo dell'iscrizione
  • variazioni di legali rappresentanti
  • variazione/nomina di nuovo responsabile tecnico

Sarà cura dell’ufficio comunicare tempestivamente all’impresa l’avvenuta emissione del provvedimento richiesto.


Condividi su:
Stampa:

Aggiornato il: 05/05/2022 - 10:11

A chi rivolgersi