Sei in

Corso

I sottoprodotti dall'identificazione alla valorizzazione

Temi trattati

  • Cosa si intende per prodotto, residuo di produzione e sottoprodotto
  • Le condizioni e i requisiti necessari perché il residuo di un processo produttivo possa essere considerato sottoprodotto
  • Il deposito in vista dell’utilizzo. Tempistiche e condizioni perché il materiale possa essere considerato sottoprodotto
  • La scheda tecnica proposta dal DM 13/10/2016 n. 264, le sue caratteristiche, modalità di vidimazione e compilazione
  • La dichiarazione di conformità proposta dal DM 264/2016 in caso di cessione del sottoprodotto

I sottoprodotti dall'identificazione alla valorizzazione

Obiettivi e destinatari

Con il DM n. 264 del 13 ottobre 2016 sono stati dettati criteri indicativi volti ad agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti anziché come rifiuti.
Restano confermate le disposizioni di cui all’art. 184 bis  del D. lgs. 152/2006 circa i requisiti che i residui dei processi produttivi devono possedere per poter essere considerati sottoprodotti. Il Regolamento di cui al DM 264/2016 è finalizzato ad agevolare la dimostrazione di detti requisiti.

Registri e formulari. Dalla normativa alla compilazione (23-24/05/2017)

Obiettivi e destinatari

Gli adempimenti di base per la gestione amministrativa dei rifiuti restano registri di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti. Documenti che, peraltro, continueranno a essere fondamentali ai fini del controllo anche per chi è obbligato a SISTRI, fino a che tale Sistema per la tracciabilità dei rifiuti non sarà pienamente operativo.

MUD 2017. Indicazioni per una facile compilazione. Per produttori e trasportatori. Pomeriggio.

Obiettivi e destinatari

Il termine per la presentazione della comunicazione annuale ambientale relativa ai rifiuti prodotti, trasportati e gestiti nell’anno 2016 è il 30 aprile 2017. Trattandosi di un giorno festivo, detta scadenza slitta al primo giorno successivo non festivo, che è martedì 2 maggio 2017.

In assenza di diverse disposizioni, la norma di riferimento, sia per la modulistica che per le istruzioni, resta il DPCM 17/12/2014, come era stato stabilito dal DPCM 21/12/2015 per l’anno 2016. 

MUD 2017. Indicazioni per una facile compilazione. Per produttori e trasportatori. Mattino

Obiettivi e destinatari

Il termine per la presentazione della comunicazione annuale ambientale relativa ai rifiuti prodotti, trasportati e gestiti nell’anno 2016 è il 30 aprile 2017. Trattandosi di un giorno festivo, detta scadenza slitta al primo giorno successivo non festivo, che è martedì 2 maggio 2017.

In assenza di diverse disposizioni, la norma di riferimento, sia per la modulistica che per le istruzioni, resta il DPCM 17/12/2014, come era stato stabilito dal DPCM 21/12/2015 per l’anno 2016. 

Pagine

Abbonamento a RSS - Corso