Sei in Aggiornato il: 28 Ottobre 2015

Storia

Condividi questa pagina

La Camera di commercio di Torino ha origini molto lontane, che risalgono addirittura alle corporazioni medievali delle arti e dei mestieri. Occorre però aspettare fino al 1670 circa per la nascita di un'istituzione organica con la precisa funzione di sovrintendere al commercio, alle arti e alle manifatture. Dopo l'unificazione d'Italia si ridefiniscono a livello nazionale i compiti delle Camere di commercio, individuati nell'osservazione della realtà economica, nell'informazione e in servizi di natura amministrativa.
Nel secondo dopoguerra si rinnova l'impegno di dare all'ente la fisionomia di vero e proprio propulsore economico.
In particolare a Torino si intraprendono numerose iniziative finalizzate ad aprire la regione all'Europa attraverso la costruzione di trafori e autostrade. Parallelamente si dà il via ad un processo di meccanizzazione dei servizi amministrativi poi completato dall'informatizzazione dell'intero sistema.
Siamo ormai alla storia attuale.
L'ampliamento delle funzioni ha avuto come conseguenza la nascita di nuove sedi decentrate, per consentire anche agli utenti residenti in provincia un comodo accesso ai servizi e la possibilità di svolgere le principali procedure.

Recenti ed importanti strutture hanno inoltre esteso l'attività dell'ente:

Nel 1993 la legge 580 riordina il sistema delle Camere di commercio introducendo il Registro delle Imprese e affidando agli enti nuove competenze. Nel 2010 il D.Lgs. 23 riforma l'ordinamento delle Camere di commercio ridefinendole natura, sede, compiti e funzioni. La Camera di commercio di Torino si riconferma così protagonista e promotrice dello sviluppo economico, non solo locale.


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: