Sei in Aggiornato il: 18 Maggio 2017

Tachigrafo digitale

Condividi questa pagina

COS'E' IL TACHIGRAFO DIGITALE

Il tachigrafo digitale è un sistema elettronico, installato sui veicoli commerciali, che registra i tempi di guida e riposo dei conducenti, andrà gradualmente a sostituire i tachigrafi di tipo analogico.

E' obbligatorio per i veicoli commerciali immatricolati dal 1 gennaio 2006. La registrazione avviene sia sulla memoria interna del dispositivo che su una apposita smart card in possesso del conducente. Inoltre, il cronotachigrafo, traccia dati di dettaglio relativi a velocità e distanze percorse

 

COME FUNZIONA

E' collegato ai sensori del veicolo e registra i dati relativi all'uso del veicolo su memoria elettronica.
Le sue componenti sono:

  • una unità elettronica di bordo: identifica l'apparecchio di controllo vero e proprio
  • una carta di memorizzazione dei dati: memorizza i dati di identificazione e quelli relativi all'attività del conducente
  • un trasmettitore: invia il segnale, rilevato all'uscita dell'albero motore
  • due lettori per Smart Card, una stampante, uno schermo per la visualizzazione dei dati , un avvisatore acustico-visivo, un selettore d'entrata manuale.

Le principali funzioni:

  • Controllo dell'inserimento e dell'estrazione delle Carte
  • Lettura dei dati del conducente dalla relativa Carta
  • Registrazione e memorizzazione dei dati sulle Carte
  • Visualizzazione e stampa dei dati

Avviso per installatori, officine e costruttori di veicoli

Si informano gli installatori, le officine e i costruttori di veicoli che effettuano controlli e interventi su tachigrafi digitali e analogici che dal 02/03/2015, in seguito a istanze di rilascio, rinnovo e variazione delle autorizzazioni o in occasione di controlli periodici d’ufficio, viene verificato il requisito di buona reputazione, anche tramite acquisizione del Certificato antimafia presso la Prefettura e del Certificato del Casellario giudiziale presso la Procura.

Tale novità consegue all’entrata in vigore dell’art. 24 del Regolamento (UE) n. 165/2014 e alla nota interpretativa del Ministero dello Sviluppo Economico del 09/03/2015, in attesa dell’aggiornamento del D.M. 10/08/2007.

 

 

Il nuovo tachigrafo digitale presenta una serie di specifiche di sicurezza per evitare manipolazioni ed alterazione dei dati registrati, pertanto le officine tecniche abilitate al montaggio ed alla manutenzione del tachigrafo digitale dovranno presentare particolari competenze tecniche e professionali.

Differenti fornitori hanno realizzato tachigrafi digitali omologati alle specifiche tecniche previste dalla Comunità Europea, tra questi ad esempio:
- ACTIA
- SIEMENS
- STONERIDGE

I requisiti dei soggetti abilitati ad eseguire operazione di prima installazione e/o taratura dei tachigrafi digitali sono stati fissati con il D. M. 10/08/2007. Il panorama completo dell'evoluzione normativa è disponibile sl sito di Unioncamere.

In Italia l'autorizzazione per l’installazione ed i successivi interventi di taratura sul tachigrafo digitale è rilasciata dal Ministero dello Sviluppo Economico. Le domande vanno presentate presso il servizo Metrico della Camera di Commercio di competenza per la predisposizione dell'istruttoria ed il successivo inoltro al Ministero stesso.
Il decreto ha previsto la seguente distinzione tra:

  1. Centri tecnici che eseguono la sola operazione di montaggio e attivazione del tachigrafo digitale durante il processo di fabbricazione dei veicoli (soggetti previsti dall’art. 4 comma a, b del D.M. 10/08/2007);
  2. Centri tecnici che eseguono le operazioni di montaggio, attivazione, calibrazione, riparazione e sostituzione del tachigrafo digitale (soggetti previsti dall’art. 4 commi a, b, c, d del D.M. 10/08/2007).
    In merito ai requisiti delle imprese interessate a richiedere detta autorizzazione, si consiglia di valutareattentamente quanto riportato nell'articolo 6 del D.M. 10/08/2007 in termini di incompatibilità.

Per espletare le attività sul tachigrafo digitale, ottenuto il codice identificativo, sarà necessario richiedere, per la provincia di Torino all’Ufficio C.N.S. (Carta Nazionale Servizi) della CCIAA, l'assegnazione delle carte tachigrafiche officina, corredate di P.I.N., che consentono di intervenire sull'apparato elettronico.

L’autorizzazione ha durata di un anno ed è rinnovabile, secondo una procedura definita dal medesimo decreto.

Per ulteriori approfondimenti è consigliabile visitare il sito di Unioncamere dove è disponibile una sezione dedicata al tachigrafo digitale.
 

 


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: