Sei in Aggiornato il: 28 Ottobre 2015

Mostra fotografica "Play Fair" (4-8/03/2014)

Condividi questa pagina
Testata Play Fair

 

Dal 4 all’8 marzo la sede istituzionale della Camera di commercio di Torino - Palazzo Birago in via Carlo Alberto 16 -, ospiterà la mostra fotografica "Play Fair", che documenta le iniziative di diffusione dell'attività sportiva nelle strutture carcerarie svolta dall'Associazione "Ovale oltre le sbarre".
La mostra è dedicata a "La Drola", la squadra di rugby del carcere Lorusso e Cutugno di Torino, che è stata la prima in Italia a disputare un regolare campionato federale.

Nelle immagini scattate da Roberto Quagli il rugby viene raccontato come una delle strade da percorrere alla ricerca del proprio equilibrio in un contesto particolarmente difficile come quello detentivo, al quale si è arrivati a causa di scelte non equilibrate.

PLAY FAIR fa parte del progetto Everlast “Strike Your Balance” - ideato dal direttore creativo di Aria ADV,Michele Pecchioli – e finalizzato a sensibilizzare al valore dell’equilibrio interiore, con gli altri e con l’ambiente  attraverso il coinvolgimento di artisti, intellettuali, imprenditori, studiosi, sportivi. In questo caso ha scelto di condividere l’impegno dell’Associazione "Ovale oltre le sbarre" Onlus a  favore della diffusione dello sport nelle carceri italiane, pratica che contribuisce fattivamente al recupero fisico e sociale dei detenuti, documentando le attività dei giocatori de "La Drola Rugby".

Lo sport è uno degli strumenti più validi per aiutare i detenuti a recuperare ruolo sociale e dignità personale. La possibilità di mettersi in gioco e di competere lealmente all’interno di iniziative sane favorisce il rilascio di energie positive e rappresenta l’occasione per scoprire una nuova identità e una nuova consapevolezza del futuro. Tutto questo attiva dinamiche di prevenzione della recidiva, a vantaggio non solo del singolo individuo, ma di un’intera collettività. Sappiamo bene come elevati tassi di recidiva comportano costi significativi per la società, tanto in termini economici quanto di sicurezza sociale; intervenire in tal senso è doveroso, nella consapevolezza che il percorso verso il reinserimento non inizia il giorno della scarcerazione, quanto dell’arresto”.

A parlare è Walter Rista, nazionale di rugby degli anni Settanta e oggi Presidente dell’Associazione Ovale oltre le sbarre, piccola realtà espressione del mondo del volontariato che – sostenuto dalla Compagnia di San Paolo - ha realizzato nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino un progetto capace di rendere il binomio sport-carcere massimamente funzionale alle attività di recupero e prevenzione. A partire dal 2010, ha realizzato laboratori propedeutici al gioco del rugby capaci di coinvolgere circa 40 detenuti, coadiuvati dai tecnici abilitati FIR e dal personale medico, che ha potuto rilevare importanti miglioramenti della condizione psico - fisica dei partecipanti. Per dare continuità all’iniziativa, nel 2011 è stata costituita La Drola Rugby, la squadra del carcere che dalla scorsa stagione milita nel campionato regionale di serie C piemontese. Dal 2103 le attività propedeutiche alle attività agonistiche sono state avviate anche nelle carceri di Alessandria e Asti.  “Questo tipo di percorso” spiega Rista – “consente da un lato di migliorare le relazioni tra i detenuti, favorendo la socializzazione e la condivisione; dall’altro, di avvicinare il carcere al mondo esterno per attivare o rafforzare meccanismi di cooperazione formale o informale, necessari soprattutto nel periodo del reinserimento sociale, che in molti casi è decisamente più problematico di quello della detenzione perché spesso manca il supporto nella ricerca di un alloggio e di un lavoro, i pilastri sui quali costruire nuove relazioni sociali”.

Orari mostra 
4-7 marzo: h 11/16
8 marzo: h 11/13 - 15/18
Inaugurazione: 3 marzo - h18/21
INGRESSO LIBERO

 

Scarica il comunicato stampa dell' Associazione Ovale oltre le sbarre (2 pagine, 3,30 Mb)

 

 


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: