Sei in Aggiornato il: 9 Maggio 2016

Iscrizione di associazione, fondazione, altro ente non societario - Soggetto collettivo only - R.E.A.

Si iscrivono nel R.E.A. le associazioni, le fondazioni e gli altri enti non societari che, pur esercitando un'attività economica commerciale e/o agricola, non abbiano per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di un'impresa.

Condividi questa pagina

Ufficio competente

Registro imprese della provincia nella quale è ubicata la sede del soggetto only R.E.A.1


1Per sede si intende il luogo in cui il soggetto collettivo esercita l'attività amministrativa e direzionale e che, frequentemente, coincide con la sede di esercizio dell'attività economica. Il modulo R va presentato all'ufficio del Registro delle imprese competente per la sede anche nel caso in cui l'esercizio dell’attività economica sia svolta esclusivamente in una provincia diversa rispetto a quella della sede principale; la sede statutaria costituisce sempre e comunque il centro direzionale, gestionale ed amministrativo del soggetto collettivo. In questa ipotesi, tuttavia, occorre anche presentare al Registro delle imprese della provincia nella quale il soggetto collettivo esercita l’attività economica il modello UL per denunciare l’apertura della localizzazione presso la quale è esercitata l’attività.

 

Regime pubblicitario - Tipo adempimento

  • Regime pubblicitario: pubblicità notizia
     
  • Tipo adempimento: denuncia di iscrizione nel R.E.A.

Termini di presentazione della denuncia - Sanzioni

  • Termine di presentazione della denuncia: entro 30 giorni dalla data di inizio dell’attività economica oppure lo stesso giorno dell’avvio dell’attività in caso di SCIA1 presentata contestualmente alla Comunicazione Unica2
  • Sanzioni: (per ulteriori informazioni vai alla pagina Sanzioni amministrative)
    • 10,00 euro (dal 31° al 60° giorno di ritardo dalla data di inizio dell'attività)
       
    • 51,33 euro (dal 61° giorno di ritardo dalla data di inizio dell’attività)

 


1Sia quando la SCIA sia stata inviata al SUAP competente per territorio (per esempio, nell’ipotesi dell’avvio contestuale dell’attività di commercio al dettaglio), sia quando la SCIA sia stata inviata allo stesso Registro delle imprese quale Ufficio competente del relativo procedimento.
2Con la quale è stata presentata la domanda di iscrizione del soggetto collettivo only R.E.A..

 

Soggetti legittimati a presentare la denuncia in luogo dei soggetti obbligati

  • Procuratore
     
  • Professionista incaricato: commercialista, ragioniere, perito commerciale regolarmente iscritto nella sezione A o B dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (ex art. 31, legge n. 340/2000, commi 2-quater e quinquies ed ex art. 1, D.Lgs. n. 139/2005, comma 3, lettera q), e comma 4, lettera f)).

Firme: chi deve firmare la denuncia

Firma digitale del soggetto che presenta la domanda (legale rappresentante, procuratore o professionista incaricato)

Nel caso in cui il legale rappresentante sia privo del dispositivo di firma digitale, lo stesso può:

  • conferire procura ad altro soggetto ai sensi dell’art. 38 del D.P.R. n. 445/2000. In tal caso, deve essere allegata la procura portante il numero identificativo della pratica, firmata autografamente dal legale rappresentante; a perfezionamento di questa modalità di firma occorre allegare, in un file separato, codificato con il codice E20, copia semplice del documento di identità del legale rappresentante;

oppure

  • conferire l’incarico alla presentazione della denuncia ad un professionista incaricato, commercialista, ragioniere, perito commerciale regolarmente iscritto nella sezione A o B dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (ex art. 31, legge n. 340/2000, commi 2-quater e quinquies ed ex art. 1, D.Lgs. n. 139/2005, comma 3, lettera q), e comma 4, lettera f)), mentre il professionista deve indicare, nel Modello Note della denuncia, di essere stato incaricato alla presentazione dal legale rappresentante dell’associazione, fondazione o ente non societario.
    La dichiarazione d’incarico da rendere nel Modello Note, nel caso di professionista che firma con dispositivo contenente il “certificato di ruolo”, è la seguente: “Il sottoscritto…dottore commercialista/ragioniere, consapevole delle responsabilità penali previste in caso di falsa dichiarazione, ai sensi degli artt. 46 e 47 D.P.R. n. 445/2000, dichiara di presentare la denuncia su incarico di… (nome e cognome del legale rappresentante)”.
    La dichiarazione d’incarico da rendere nel Modello Note, nel caso di dispositivo di firma privo del “certificato di ruolo”, è la seguente: “Il sottoscritto…dottore commercialista/ragioniere, consapevole delle responsabilità penali previste in caso di falsa dichiarazione, ai sensi degli artt. 46 e 47 D.P.R. n. 445/2000, dichiara di essere iscritto nella sezione…(A o B) dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di…, al n…. Dichiara, inoltre, di non avere a proprio carico provvedimenti disciplinari ostativi all’esercizio della professione e di presentare la denuncia su incarico di …(nome e cognome del legale rappresentante)”.

 

Modulistica obbligatoria ed eventuale

  • Modello R per l’iscrizione nel R.E.A. del soggetto collettivo
  • Un modello intercalare P per ogni legale rappresentante
  • Modello S5 per denunciare l’avvio dell’attività economica
  • Modello UL1 (eventuale) per l’apertura di unità locali operative e/o non operative2
     
  • Modello Note (eventuale) in cui deve risultare:
    la dichiarazione d’incarico resa da un professionista nel caso in cui  il legale rappresentante del soggetto collettivo only-REA, privo del dispositivo di firma digitale, conferisca allo stesso l’incarico alla presentazione della denuncia.
    e/o
    la dichiarazione, qualora la costituzione del soggetto collettivo non risulti da atto scritto, resa dal soggetto che presenta la denuncia,  rispettando il seguente testo:
    “L’associazione/la fondazione/l’ente… (specificare il tipo di ente collettivo) non è stata/o costituita/o per atto scritto”

Esempio Distinta R.I. risultante dalla compilazione della modulistica


1Obbligatorio se l’attività economica è esercitata presso un’unità locale.
2A titolo di esempio, per unità locale operativa si intende: sede operativa, negozio, esercizio pubblico, ecc.; per unità locale non operativa: ufficio, sede amministrativa, ecc..

 

Allegati della denuncia

Nella sola ipotesi in cui le vicende costitutive o modificative del soggetto collettivo only R.E.A. siano documentate da atto scritto1 (atto pubblico o scrittura privata):

  • Copia informatica2 semplice3 dell’atto costitutivo del soggetto collettivo only R.E.A.
     
  • Copia informatica semplice degli eventuali atti modificativi che successivamente hanno modificato l’atto costitutivo relativamente ai dati essenziali del soggetto collettivo only R.E.A. che devono essere riportati sul modello R
     
  • Copia informatica semplice4 (eventuale) dell’atto comprovante la legale rappresentanza dei soggetti per i quali è stato compilato l’intercalare P.
     

Per il legittimo avvio dell’attività economica:

  • Copia semplice (eventuale) della documentazione comprovante il legittimo avvio dell’attività economica dichiarata5 (per esempio SCIA6, comunicazione preventiva, autorizzazione, notifica sanitaria, iscrizione ecc.), laddove prevista
     
  • SCIA7 (eventuale) sottoscritta secondo le regole previste dall’Ente destinatario8, quando presentata contestualmente alla Comunicazione Unica
 

1Nel caso in cui la costituzione del soggetto collettivo non risulti da atto scritto vedi la sezione Modulistica.
2Copia per immagine su supporto informatico (acquisita tramite scansione ottica) dell’atto cartaceo (costitutivo) riportante le firme autografe dei soggetti che lo hanno redatto.
3Trattandosi di atto non soggetto ad iscrizione nel Registro delle imprese, da allegare alla denuncia a scopo meramente probatorio, non occorre che lo stesso sia allegato in formato pdf/A-1 e che sia sottoscritto digitalmente.
4Qualora, ai fini probatori, non sia sufficiente la copia allegata dell’atto costitutivo o modificativo del soggetto collettivo only R.E.A..
5Tale documentazione è richiesta al solo scopo di accelerare l’iter del procedimento, dovendo il Registro delle imprese, in mancanza, procedere all’accertamento d’ufficio delle condizioni per il legittimo esercizio dell’attività dichiarata presso le Pubbliche Amministrazioni competenti. Le attività economiche interessate sono tutte le attività regolamentate, di competenza di altre Pubbliche Amministrazione o Enti, che non siano state avviate mediante l’invio della SCIA al SUAP competente per territorio, contestualmente alla Comunicazione Unica.
6Presentata all’Amministrazione competente al fine di avviare legittimamente l’attività dichiarata, prima della presentazione della domanda di iscrizione dell’impresa al Registro delle imprese (SCIA non contestuale alla presentazione della Comunicazione Unica).
7Nel caso in cui la Scia venga inviata contestualmente alla Comunicazione Unica, al SUAP competente per territorio o al Registro delle imprese al quale è stata inviata la ComUnica, secondo le rispettive competenze.
8Qualora l’Ente destinatario sia il Registro delle imprese, la SCIA deve essere sottoscritta dal legale rappresentante dell’associazione, fondazione, ente non societario, digitalmente o con firma autografa. In questo secondo caso, a perfezionamento di questa modalità di firma, deve essere allegata copia semplice del documento di identità del legale rappresentante (vale quello eventualmente già allegato per la presentazione e sottoscrizione della denuncia di iscrizione nel R.E.A.).

 

Registrazione

Non prevista ai fini dell'iscrizione del soggetto collettivo nel R.E.A.

Importi

  • Diritti di segreteria:
    € 18,00 per la denuncia presentata per via telematica
    € 23,00 per la denuncia presentata su supporto informatico o cartaceo
     
  • Imposta di bollo: non dovuta
     
  • Diritto annuale: € 18,00 (N.B.: non è dovuto alcun diritto per l'apertura di unità locali)

 

Avvertenze

  • Modalità di presentazione della denuncia di iscrizione di soggetto collettivo only R.E.A.: tutte le denunce relative ai soggetti collettivi only R.E.A. (non solo quella di prima iscrizione) possono essere presentate al Registro delle imprese competente, alternativamente, secondo una delle seguenti modalità1:
    • per via telematica, tramite la Comunicazione Unica (modalità preferibile);
    • allo sportello, su supporto cartaceo o informatico;
    • per posta, tramite raccomandata A/R, su supporto cartaceo o informatico.
       
  • Cariche iscrivibili (compilazione intercalari P): per il soggetto collettivo only R.E.A., sono iscrivibili, per cui deve essere compilato il relativo intercalare P, soltanto le persone alle quali spetta, per la carica rivestita, la legale rappresentanza dell’associazione, fondazione, ente non societario2. Se nell’intercalare P non è presente il codice della carica corrispondente a quella effettivamente rivestita, utilizzare il codice generico “LER” (che sta per legale rappresentante).
     
  • Cariche non iscrivibili3: per il soggetto collettivo only R.E.A., non sono iscrivibili, per cui non deve essere compilato il relativo intercalare P, tutte le persone che, pur rivestendo una carica all’interno dell’organizzazione dell’associazione, fondazione, ente non societario, non hanno la legale rappresentanza (amministratori, sindaci, revisori ecc…).
     
  • Contestuale denuncia di avvio dell’attività economica: presupposto imprescindibile per iscrivere le associazioni, fondazioni e gli enti non societari nel R.E.A. è l’esercizio, da parte degli stessi, di un’attività economica, sebbene soltanto in via sussidiaria e strumentale. Per questo, la relativa denuncia di iscrizione (distinta) deve sempre risultare composta, oltre che dal modello R, necessario per pubblicizzare i dati identificativi essenziali del soggetto, anche dal modello finalizzato a denunciare l’avvio dell’attività economica. Questo modello è il modello S54, quando l’attività è esercitata presso la sede, il modello UL quando l’attività è esercitata solo  presso una ulteriore localizzazione, il modello S54 e il modello UL quando l’attività è esercitata sia presso la sede sia presso altra localizzazione, ubicata nella stessa provincia oppure in una provincia diversa da quella della sede.
     
  • Attività regolamentate: le attività economiche si distinguono in due grandi categorie, le attività libere e quelle regolamentate (per esempio, il commercio, l’attività di estetica, ecc.). Le prime possono essere avviate ed esercitate liberamente, senza dover eseguire preventivamente alcun adempimento amministrativo; le seconde, invece, sono quelle attività in ordine alle quali, le norme di legge  obbligano chi vuole avviarle ad eseguire prima o contestualmente all’avvio uno o più specifici adempimenti amministrativi, finalizzati ad attivare davanti all’Ente competente il procedimento necessario a legittimare l’avvio e l’esercizio dell’attività economica di impresa prescelta (autorizzazioni, licenze, SCIA, iscrizioni, comunicazioni). Le attività regolamentate possono essere iscritte nel Registro delle imprese e nel R.E.A. soltanto se avviate regolarmente, cioè nel rispetto delle norme di legge che ne hanno stabilito condizioni, requisiti e adempimenti amministrativi necessari. Per tale ragione, prima di presentare una denuncia di iscrizione di un soggetto collettivo only R.E.A. che eserciti un’attività economica regolamentata, affinché l’Ufficio del Registro delle imprese possa procedere alla sua regolare iscrizione, si suggerisce di consultare l’elenco delle schede delle attività economiche; qualora l’attività non sia presente nell’elenco, si raccomanda di consultare il sito internet dell’Amministrazione o dell’Ente competente.
     
  • Compilazione del modello R: il modello deve risultare compilato nei riquadri CODICE FISCALE, PARTITA IVA, DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE, FORMA GIURIDICA, SEDE, SCOPO O OGGETTO, POTERI DI AMMINISTRAZIONE E DI RAPPRESENTANZA. Il modello R non può essere utilizzato per denunciare l’avvio dell’attività economica5. Allo stesso deve pertanto essere sempre allegato il modello S5 e, in caso di esercizio dell’attività presso una localizzazione diversa dalla sede, anche il modello UL.
     
  • Avvio dell’attività solo presso la sede: la denuncia (distinta) deve risultare composta oltre che dal modello R, anche dal modello S5 per denunciare l'inizio dell’attività esercitata nella sede che, a seconda del tipo di attività esercitata, deve risultare compilato nel riquadro ATTIVITA’ ESERCITATE NELLA SEDE, nel caso diattività commerciale, con l’indicazione della data di inizio attività e della descrizione dell'attività6 primaria e dell'eventuale attività secondaria, oppure, nel riquadro ATTIVITA’ AGRICOLA DELL’IMPRESA7, con l’indicazione delle province ove viene effettivamente svolta l'attività agricola che fa capo all'impresa, della data inizio e della descrizione delle attività agricole esercitate e delle eventuali attività connesse8. Il modello S5 deve risultare compilato anche nei riquadri ATTIVITÀ PREVALENTE DELL'IMPRESA9 e DATA INIZIO ATTIVITÀ IMPRESA, nel quale deve essere indicata la data di inizio della prima attività10 del soggetto only R.E.A.. Allegare l’eventuale documentazione necessaria a comprovare il legittimo esercizio dell’attività denunciata.
     
  • Avvio dell’attività solo presso un’unità locale ubicata nella stessa provincia della sede: la denuncia (distinta) deve risultare composta oltre che dal modello R e dal modello S54, che deve risultare compilato solo nei riquadri ATTIVITÀ PREVALENTE DELL'IMPRESA9 e DATA INIZIO ATTIVITÀ IMPRESA, nel quale deve essere indicata la data di inizio della prima attività10 del soggetto only R.E.A., anche dal modello UL. Il modello UL deve risultare compilato nella sezione A/Apertura nuova localizzazione, nei riquadri A1/TIPO DI LOCALIZZAZIONE per indicarne la tipologia, A2/INDIRIZZO DELLA LOCALIZZAZIONE e A4/ATTIVITA’ ESERCITATE NELLA LOCALIZZAZIONE11, nel quale deve essere riportata la data inizio, la descrizione dell’attività primaria e dell’eventuale attività secondaria.  Allegare l’eventuale documentazione necessaria a comprovare il legittimo esercizio dell’attività denunciata.
     
  • Avvio dell’attività sia presso la sede sia presso un’unità locale ubicata nella stessa provincia della sede: la denuncia (distinta) deve essere composta oltre che dal modello R, anche dal modello S54 e dal modello UL che devono risultare compilati come indicato in Avvio dell’attività solo presso la sede e Avvio dell’attività solo presso un’unità locale ubicata nella stessa provincia della sede. Allegare l’eventuale documentazione necessaria a comprovare il legittimo esercizio dell’attività denunciata.
     
  • Avvio dell’attività solo presso unità locale ubicata in altra provincia: in questo caso occorre presentare due denunce:
    • la prima deve essere presentata all’Ufficio del Registro delle imprese della provincia della sede principale del soggetto only R.E.A.. La denuncia (distinta) deve essere composta dal modello R, per pubblicizzare i dati identificativi essenziali relativi all’associazione, fondazione, ente (denominazione, forma giuridica, scopo…) e dal modello S5, compilato nel riquadro BC/ATTIVITA’ PREVALENTE    DELL’IMPRESA, per pubblicizzare la data inizio attività e l’attività prevalente12;
    • la seconda deve essere presentata all’Ufficio del Registro delle imprese della provincia nella quale il soggetto esercita l’attività economica. La denuncia (distinta) deve essere composta soltanto dal modello UL, per aprire l’unità locale presso la provincia e denunciare presso la stessa l’avvio dell’attività economica. Il modello UL deve risultare compilato come indicato in Avvio dell’attività solo presso un’unità locale ubicata nella stessa provincia della sede. Allegare l’eventuale documentazione necessaria a comprovare il legittimo esercizio dell’attività denunciata.

L’ordine di presentazione delle due denunce deve essere tassativamente rispettato al fine di consentire di generare prima il numero di iscrizione dell’associazione, fondazione, ente non societario nel R.E.A. del registro imprese della sede principale, al quale deve poi agganciarsi quello che verrà attribuito all’unità locale aperta in altra provincia. Conseguentemente, quando il Registro imprese della camera di commercio dell’unità locale iscriverà i dati dell’unità locale nel R.E.A., gli stessi dati saranno automaticamente versati sulla posizione R.E.A. relativa alla sede principale del soggetto, che sarà pertanto aggiornata con l’apertura dell’unità locale e l’avvio dell’attività. Fino a quel momento, presso il R.E.A. del Registro delle imprese della sede, il soggetto collettivo risulterà inattivo. Allegare l’eventuale documentazione necessaria a comprovare il legittimo esercizio dell’attività denunciata.

  • PEC: l’indirizzo PEC delle associazioni, fondazioni, enti non societari non è iscrivibile, non deve pertanto essere riportato nel riquadro 4/Sede del modello R13.

1Non essendo imprenditori, per questi soggetti non vale l’obbligo di presentare le denunce al R.E.A. esclusivamente per via telematica, tramite la Comunicazione Unica.
2Determinando, con la propria firma, l’assunzione di diritti e di obblighi direttamente in capo al soggetto collettivo only R.E.A..
3Come evidenziato nella Circolare del Ministero delle Attività Produttive n. 3575 del 20/04/2004, l’intercalare P deve essere utilizzato, rispettivamente, per l’iscrizione nel R.E.A. delle sole persone che rivestono particolari cariche o ruoli nell’impresa o nel soggetto collettivo only- REA, oppure nuovi dati relativi alle medesime persone, soltanto quando ciò sia espressamente previsto da norme di legge.
4Il modello S5 non deve essere allegato qualora la denuncia sia presentata su supporto cartaceo.
5Qualora la denuncia sia presentata su supporto cartaceo l’avvio dell’attività economica presso la sede deve essere denunciato tramite il modello R che, pertanto, deve risultare compilato anche nel riquadro ATTIVITA’ ESERCITATE NELLA SEDE LEGALE.
6Deve essere indicata l’attività economica effettivamente esercitata dall’associazione, dalla fondazione o dall’ente non societario e non quella che tali soggetti intendono esercitare.
7Se l'attività agricola viene svolta in località diverse da quelle della sede, ma non sono presenti strutture tali da individuare un'azienda agricola a sé stante (esempio magazzini, stalle, silos, ecc.), non deve essere aperta un'unità locale, ma l'attività va indicata esclusivamente nel presente riquadro.
8Qualora si esercitino più attività agricole, va indicata come primaria la principale attività, tenendo conto del criterio del volume d'affari generato dalle sole attività agricole svolte dall’associazione, fondazione, ente non societario. Tale attività deve essere la prima riportata nel testo descrittivo.
9Deve essere indicata l'attività economica esclusiva ovvero, nel caso in cui si svolgano due o più attività, quella ritenuta prevalente tra tutte le attività effettivamente iniziate sia presso la sede che presso eventuali localizzazioni, specificando la data di inizio di detta attività. Per l'individuazione dell'attività prevalente si deve avere riguardo al criterio del volume d'affari.
10In questo riquadro deve essere riportata la data di inizio della prima attività in assoluto per l’associazione, fondazione o ente non societario,  indipendentemente da dove la stessa sia esercitata, presso la sede o presso una diversa localizzazione.
11Quando occorre e in funzione del tipo di attività esercitata, deve inoltre risultare compilato uno dei seguenti riquadri: A7/Iscrizioni in albi, ruoli, elenchi, registri ed iscrizioni abilitanti, A8/Licenze o autorizzazioni, A9/Segnalazione certificata di inizio attività, A10/Commercio al dettaglio in sede fissa.
12Deve essere indicata l'attività economica esclusiva ovvero, nel caso in cui si svolgano due o più attività, quella ritenuta prevalente tra tutte le attività effettivamente iniziate sia presso la sede che presso eventuali localizzazioni, specificando la data di inizio di detta attività. Per l'individuazione dell'attività prevalente si deve avere riguardo al criterio del volume d'affari. L’attività e la data inizio, indicate in questo riquadro, devono corrispondere a quelle indicate nel riquadro relativo alla descrizione dell’attività del modello UL.
13Vedi la Nota del Ministero dello Sviluppo Economico del 18 ottobre 2013, prot. n. 0171282

 

Approfondimento

Le associazioni, le fondazioni, i comitati, gli organismi religiosi e tutti gli altri enti non societari sono iscrivibili, a seconda del caso, nel R.E.A. o nel Registro delle imprese, ma non per il semplice fatto di essersi costituiti.

Questi soggetti si iscrivono nel R.E.A. o nel Registro delle imprese nella sola ipotesi in cui esercitino anche un’attività economica, commerciale e/o agricola, in forma di impresa oppure no.

Nel  R.E.A. si iscrivono  le associazioni(riconosciute e non riconosciute), le fondazioni, i comitati, gli organismi religiosi e tutti gli altri enti non societari che, pur esercitando un’attività economica commerciale e/o agricola, non abbiano per oggetto principale o esclusivo l’esercizio di un’impresa. E proprio perché iscrivibili soltanto nel Repertorio delle notizie economiche amministrative1, questi soggetti sono denominati “soggetti collettivi only R.E.A.”2.

L’iscrizione di questi soggetti nel R.E.A. presuppone, dunque, due condizioni fondamentali:

  • l’esercizio di un’attività economica, commerciale e/o agricola
  • la sussidiarietà e la strumentalità dell’attività economica rispetto allo scopo di natura ideale per il quale si sono costituiti.

In mancanza anche di una soltanto di queste condizioni, l’associazione, la fondazione, l’ente non è iscrivibile nel R.E.A..

Per poter richiedere l’iscrizione nel R.E.A. non è dunque sufficiente la mera costituzione, è necessario che l’associazione, la fondazione o l’ente non societario eserciti un’attività economica, sempre che la stessa si collochi in una dimensione di sussidiarietà e/o strumentalità rispetto all’oggetto principale di natura ideale, culturale che ne costituisce lo scopo comune non economico. Per contro e conseguentemente, la cessazione dell’esercizio dell’attività comporta la cancellazione dal R.E.A. dell’associazione, fondazione o ente non societario.

Nel Registro delle imprese, invece, si iscrivono le associazioni, le fondazioni, i comitati, gli organismi religiosi e tutti gli altri enti non societari che esercitano anche un'attività economica, ma in via esclusiva e principale, in forma di impresa. Per questo, in quanto soggetti imprenditori, si iscrivono nella sezione ordinaria del Registro delle imprese.
 

Pubblicità nel R.E.A.

La denuncia di iscrizione nel R.E.A. del soggetto collettivo “only R.E.A." deve essere presentata entro trenta giorni dell’avvio dell’attività, oppure, lo stesso giorno dell’avvio dell’attività, quando, per il legittimo avvio della stessa il soggetto presenti alla Pubblica Amministrazione competente la SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività) contestualmente alla presentazione della denuncia di iscrizione nel R.E.A., tramite la Comunicazione Unica.

La denuncia deve essere presentata da un legale rappresentante dell’associazione, fondazione, ente.

Alla denuncia deve essere allegata copia semplice dell’atto costitutivo e degli eventuali atti modificativi con i quali lo stesso è stato successivamente aggiornato e ciò, al solo scopo di comprovare la veridicità della costituzione del soggetto oltre che la legale rappresentanza dei soggetti che lo rappresentano. In mancanza, nella denuncia di iscrizione, deve essere dichiarato che il soggetto di cui si richiede l’iscrizione non è stato costituito per atto scritto.

Soltanto indirettamente, dalle indicazioni contenute nella Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico 3668/C del 27 febbraio 2014 sulla compilazione della modulistica, è possibile individuare quali dati devono essere pubblicizzati nel R.E.A. relativamente a questi soggetti: codice fiscale, partita I.V.A., denominazione, forma giuridica, sede, scopo o oggetto, soggetti aventi la legale rappresentanza, poteri dei soggetti dotati di legale rappresentanza, attività esercitata.

Gli effetti della pubblicità dell’iscrizione dell’associazione, fondazione o ente nel R.E.A. sono quelli propri della mera pubblicità notizia. Il soggetto è reso conoscibile ai terzi senza che, dal momento della sua iscrizione nel R.E.A., conseguano particolari effetti giuridici.

 

1Nel quale, secondo quanto previsto dall’art. 8, comma 8, lettera d) della legge n. 580/93 e dall’art. 9 del D.P.R. n. 581/95, nel R.E.A. trovano collocazione tutti quei dati e quelle notizie che non possono trovare collocazione nel Registro delle imprese. Come specificato, però, nella Circolare n. 3407/C del 9 gennaio 1997, resta fermo che, non tutti dati non iscrivibili nel registro delle imprese trovano collocazione nel R.E.A. Vi trovano collocazione soltanto quei dati e quelle notizie che venivano già denunciati alle Camere di Commercio o comunque la cui iscrizione nel R.E.A. sia prevista da norme di legge.
2La categoria dei soggetti “only R.E.A.”, infatti, è ben più ampia e comprende anche soggetti individuali:

  • le IMPRESE ESTERE, sia individuali che societarie, con sede principale all’estero che aprono, modificano o cessano in Italia, un ufficio di rappresentanza o una qualsiasi altra tipologia di unità locale ad esclusione della sede secondaria;
  • i soggetti, “persone fisiche”, iscritti nei soppressi Ruoli degli agenti e rappresentanti di commercio e degli agenti di affari in mediazione che, alla data del 12 maggio 2012, non svolgono l’attività presso alcuna impresa (entro il 30 settembre 2013);
  • i soggetti che, all’interno di un’impresa, cessano di svolgere l’attività di agente di affari in mediazione, agente o rappresentante di commercio e mediatore marittimo, entro il termine di 90 giorni dalla cessazione dell’attività, pena la decadenza. Sono esclusi gli spedizionieri.                                                                                                                                                                                                                                                                        

 


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: