Sei in Aggiornato il: 19 Settembre 2017

Fabbricazione degli strumenti metrici

Condividi questa pagina

La metrologia legale in Italia ha di fatto vissuto due momenti di normazione fondamentali.
 

Un primo momento a fine ‘800 inizio ‘900, quando, pochi anni dopo al’unificazione italiana, i Savoia decidettero di aderire alla convenzione del metro (1875) e successivamente adottarono il testo unico della metrologia legale (1890); detti strumenti normativi, sebbene integrati e modernizzati nel corso degli anni, sono rimasti sostanzialmente immutati per circa un secolo; tutto questo gruppo di normative rientra in quello che gli addetti ai lavori definiscono “normativa metrologica nazionale”.

Fino al 1992 non si sono avute modifiche sostanziali nel sistema metrologico italiano, in questa data però, con il D.Lgs. 517/1992, è stata recepita la direttiva 90/384/CEE (oggi sostituita dalla 2014/32/UE), relativa agli strumenti per pesare a funzionamento non automatico, prima direttiva europea di nuovo approccio in campo metrologico.

Si è dovuto attendere però fino al 2004 quando si è realizzata una piccola-grande rivoluzione nella metrologia legale. Già negli anni ottanta si erano registrati i primi tentativi a livello europeo di uniformare detto argomento tra gli stati membri, in direzione di uno sviluppo condiviso ed uniforme degli strumenti di misura in un contesto di mercato unico europeo, alcuni passi erano stati fatti anche in direzione di concessione di deleghe ai fabbricanti in fase produttiva; tutti questi concetti sono stati ripresi e rafforzati nella direttiva sugli strumenti di misura MID (Measuring Instruments Directive), la 22/2004/CE, recepita in Italia con D.Lgs. 22/2007 e ss. mm.. Questa direttiva, affiancandosi a quella succitata e relativa agli strumenti per pesare a funzionamento non automatico, ha di fatto portato la metrologia verso direttive di nuovo approccio per la quasi totalità degli strumenti presenti sul mercato.

Per poter operare in qualità di fabbricante metrico, per la realizzazione o anche la sola riparazione degli strumenti omologati secondo le normative metrologico-legali, è necessario seguire le procedure definite dalle norme metrologiche nazionali.


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: