Sei in Aggiornato il: 8 Marzo 2017

Denunce vigneti e uve

A partire dall'11 maggio 2010, l'Albo dei vigneti è soppresso.

Condividi questa pagina

A partire dall'11 maggio 2010, a seguito dell'entrata in vigore del D. Lgs. 8 aprile 2010 n. 61, recante "Tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini", l'Albo dei vigneti è soppresso.

In tale albo erano obbligatoriamente iscritti tutti i terreni vitati le cui uve sono destinate alla produzione dei vini DOC e DOCG.

L'Albo è ora sostituito dal Fascicolo Aziendale inserito nell'Anagrafe Agricola unica del Piemonte.

Per essere iscritta in Anagrafe un'azienda agricola è tenuta a costituire il proprio fascicolo aziendale presso uno dei Centri autorizzati di Assistenza in Agricoltura (CAA), a cui il titolare dell'azienda dovrà conferire il proprio mandato ad operare.

Richieste nuove idoneità terreni vitati o variazioni

La gestione delle richieste di idoneità, o delle variazioni delle superfici vitate, ai fini della rivendicazione delle uve destinate alla produzione di vini a denominazione d’origine riguardano uno dei seguenti casi:

  1. superfici vitate già esistenti e iscritte allo schedario senza una idoneità a produrre una denominazione di origine, quindi esclusivamente destinate alla produzione di “vino”;
  2. variazione di idoneità da una DO ad un’altra DO;
  3. superfici oggetto di reimpianto.

Per maggiori dettagli si fa riferimento alla determinazione 188 del 19/03/2013 della Regione Piemonte, consultabile nella sezione “Normativa per vini a DO“.

Denuncia delle uve

La rivendicazione delle produzioni vinicole DOC e DOCG deve essere effettuata, a cura dei produttori interessati, con la Dichiarazione di Produzione annuale attraverso i C.A.A. competenti per il tramite del SIAP - Sistema Informativo Agricolo Piemontese.


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: