Sei in Aggiornato il: 16 Ottobre 2017

Categoria 10: bonifica siti e beni contenenti amianto

Condividi questa pagina

La categoria 10 – attività dibonifica di beni contenenti amianto è diventata operativa il 14.4.2004, a seguito della pubblicazione del D.M. Ambiente 5.2.2004 inerente alle relative garanzie finanziarie da versare a favore dello Stato. 
I requisiti e i criteri per l’iscrizione sono stati stabiliti con la delibera n. 1 del 30.3.2004 del Comitato Nazionale.
Con la delibera n. 2 del 30.3.2004 sono stati approvati lo schema di domanda di iscrizione e il relativo foglio notizie. 

Il Comitato Nazionale, con la delibera n. 1 del 30.3.2004, ha ripartito le attività della categoria 10 in due “sottocategorie” 10A e 10B in relazione al diverso grado di pericolosità per ambiente e salute dell’uomo dei vari tipi di materiali contenenti amianto e alla diversa complessità dei relativi interventi di bonifica.
In particolare: 
10A -  attività di bonifica di beni contenenti amianto effettuata sui seguenti materiali: materiali edili contenenti amianto legato in matrici cementizie o resinoidi (si tratta per lo più del cemento amianto, meglio conosciuto come Eternit, es. le lastre di coperture dei tetti, tubature dell’acquedotto)

10B  - attività di bonifica di beni contenenti amianto effettuata sui seguenti materiali: materiali d’attrito, materiali isolanti (pannelli, coppelle, carte e cartoni, tessili, materiali spruzzati, stucchi, smalti, bitumi, colle, guarnizioni, altri materiali isolanti), contenitori a pressione, apparecchiature fuori uso, altri materiali incoerenti contenenti amianto.

L’iscrizione nella sottocategoria 10B è valida anche ai fini dello svolgimento delle attività previste dalla sottocategoria 10A. 

La categoria 10 è suddivisa in  classi in funzione dell’importo complessivo dei lavori di bonifica cantierabili.
 

REQUISITI

Le imprese che intendono iscriversi nella categoria 10 devono dimostrare di essere in possesso dei seguenti requisiti:
· soggettivi, comprensivi dei requisiti morali
· idoneità tecnica: responsabile tecnico, dotazione minima e valore delle attrezzature
· capacità finanziaria

ISCRIZIONE: documentazione da presentare

L’iscrizione deve essere inviata telematicamente allegando i seguenti documenti:

1. Modello di domanda generato in automatico dal sistema telematico, firmato da titolare/legale rappresentante dell'impresa

2. Fotocopia di un documento di identità del titolare/legale rappresentante

3. Foglio riepilogativo dell'istanza, generato in automatico dal sistema, riportante lo stesso codice identificativo del modello di domanda di cui sopra

4. Foglio notizie categoria richiesta (foglio notizie 10A, 2 pag. 20Kb; foglio notizie 10B, 4 pag. 24Kb),
sono disponibili due differenti fogli notizie a seconda del tipo di attività di bonifica per cui l’impresa chiede di essere autorizzata

5. Intercalare RT (2 pagine, 146Kb) a cura del responsabile tecnico per l’accettazione dell’incarico, con allegato un documento di riconoscimento in corso di validità

6. Requisiti del responsabile tecnico (delibera n. 6 del 30.05.2017 del Comitato nazionale, circolare n. 3413 del 1.6.2004 e circolare n. 2182 del 17.11.2009 del Comitato Nazionale)

dichiarazione sostitutiva di certificazione (1 pagina, 8 Kb) resa dall’interessato, relativa al titolo di studio/corso di formazione (nel caso del corso di formazione alla dichiarazione deve essere allegata la fotocopia dell’attestato)

dichiarazione di compatibilità d’incarico per più imprese (2 pagine, 32Kb)
la dichiarazione deve essere compilata, dal responsabile tecnico e dal legale rappresentante, nel caso in cui il responsabile tecnico svolga analogo incarico presso altre imprese iscritte all’Albo

dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (1 pagina, 8Kb) resa dal legale rappresentante delle imprese presso le quali il responsabile tecnico ha maturato l'esperienza professionale richiesta: deve essere riportato espressamente lo specifico tipo di esperienza maturata, la qualifica ed il numero di anni

7. Dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa dall'impresa  (1 pagina, 39Kb) in merito alla conformità della stessa alle norme dettate dal D. lgs. 9 aprile 2008 n. 81 (Testo Unico sulla sicurezza del lavoro)

8. Requisito delle attrezzature minime (allegato “A” – deliberazione del 30.3.2004 del Comitato nazionale, integrato dalla deliberazione 11.5.2006). Le tipologie, valore, stato di conservazione delle attrezzature minime sono attestate, dal legale rappresentante e dal responsabile tecnico, utilizzando la dichiarazione sostitutiva di atto notorio (dichiarazione 10A, 5 pagine, 60Kb; dichiarazione 10B, 12 pagine, 69Kb)

9. Requisito della capacità finanziaria ( da non confondere con le garanzie finanziarie)
il requisito della capacità finanziaria si intende soddisfatto con gli importi previsti all' allegato D” deliberazione 30/3/2004 (documenti da presentare)

10. Autocertificazione antimafia a cura del legale rappresentante dell'impresa che presenta domanda di iscrizione o rinnovo dell'iscrizione (formato pdf, 2 pagine, 91 KB)

11. Diritti di segreteria (vedi modalità e importi)

GARANZIE FINANZIARIE

L’iscrizione è subordinata alla presentazione di idonee garanzie finanziarie a favore dello Stato secondo quanto disposto dal D.M. Ambiente 5 febbraio 2004.
 

DURATA DELL'ISCRIZIONE

L’iscrizione ha validità cinque anni a decorrere dalla data di efficacia dell’iscrizione (art. 212 c. 6 – D.lgs 152/2006).
 

RINNOVO DELL'ISCRIZIONE

Le imprese e gli enti, sono tenuti a rinnovare l’iscrizione cinque mesi prima della scadenza (art. 22, comma 2 - D.M. 120/2014).
La domanda di rinnovo deve essere inviata telematicamente.

Il modello di domanda è generato in automatico dal sistema telematico. E' necessario compilare su tale modello le dichiarazioni previste per la/le categoria/e oggetto del rinnovo.

Allegare inoltre:

1) l'autocertificazione antimafia a cura del legale rappresentante dell'impresa che presenta domanda di rinnovo dell'iscrizione (formato pdf, 2 pagine, 91 KB)

N.B. Con la domanda di rinnovo non è possibile richiedere variazioni, che dovranno pertanto essere presentata con istanze separate.
 

MODIFICHE

Le imprese sono tenute a comunicare alla Sezione Regionale, entro 30 giorni dal loro verificarsi, ogni fatto che implichi il mutamento dei requisiti per l’iscrizione all’Albo (es. responsabile tecnico, classe dimensionale).
Gli approfondimenti sono alla pagina Variazioni

 


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: