Sei in Aggiornato il: 5 Giugno 2017

Accesso al credito: più facile grazie alla formazione

Condividi questa pagina

Comunicato del 05/06/2017

Il Comitato Torino Finanza presso la Camera di commercio di Torino presenta un intenso calendario di appuntamenti gratuiti sui temi della gestione di impresa. Si parte il 29 giugno a Torino Incontra con un incontro sul tema della pianificazione finanziaria

Di quanta liquidità ha bisogno la mia impresa? Come posso sostenere gli investimenti necessari per la crescita? Come devo presentare la mia azienda in banca per ottenere finanziamenti? Che servizi posso ottenere da confidi, fondi di investimento o venture capitalist?

Nel percorso di un’impresa il rapporto con il mondo del credito richiede competenze adeguate: lo dimostrano i dati della Banca d’Italia che evidenziano tra le imprese torinesi un raddoppio delle sofferenze negli ultimi 6 anni e una flessione del 5% degli impieghi nello stesso periodo. A fronte di questi segnali, tuttavia, si evidenziano dati in parziale controtendenza, qualora si analizzino gli impieghi medi per impresa: crescono, infatti, sia nell’ultimo anno (+2,3%) sia nell’ultimo quinquennio (+2,4%).

Se dunque a livello complessivo gli impieghi nel territorio sono in calo, per le imprese meritevoli risulta in aumento l’importo medio finanziato: questo significa che un’adeguata preparazione dell’imprenditore e una corretta analisi delle necessità finanziarie dell’azienda possono effettivamente comportare un più agevole accesso al credito e una riduzione del temuto credit chrunch.

Proprio per diffondere una maggiore cultura imprenditoriale su questi temi il Comitato Torino Finanza presso la Camera di commercio lancia oggi un intenso programma di iniziative gratuite volte alle aziende torinesi, in particolare pmi.

Il controllo finanziario dell’impresa - spiega Vincenzo Ilotte, Presidente della Camera di commercio di Torino - è un tema a cui in Italia e in Piemonte si presta ancora troppo poca attenzione. Spesso è sufficiente un ritardo, prima ancora di un’insolvenza, per far sì che piccoli e medi imprenditori in difficoltà vengano segnalati nella Centrale Rischi della Banca d’Italia. A volte una maggiore analisi dei flussi finanziari presenti e attesi potrebbe invece evitare conseguenze così dannose per l’impresa. È per questo che come Comitato Torino Finanza abbiamo deciso innanzitutto di identificare le priorità di intervento e quindi di proporre sui temi più cruciali specifici incontri formativi aperti a tutti ”.

Aggiunge Vladimiro Rambaldi, Presidente del Comitato Torino Finanza: “Se fare impresa richiede genialità nell’individuare l’idea di impresa, la soluzione tecnica del problema, l’innovazione del prodotto, la sua gestione richiede metodo. Gli appuntamenti proposti dal Comitato consentono al’imprenditore e al suo staff di aumentare le proprie competenze su tutti gli aspetti della gestione aziendale. Si fanno via via più forti i segnali di ripresa dopo la lunga crisi che ha colpito il Paese. È proprio in questo momento che chi ha resistito ed è sopravvissuto può fare il salto di qualità facendo propri gli strumenti che andremo ad illustrare per diventare grande”.

Il programma formativo del Comitato Torino Finanza

Strumenti di analisi facilmente utilizzabili, nozioni pratiche, analisi delle soluzioni finanziarie alternative e innovative, incontri con esponenti del mondo bancario, venture capitalist, rappresentati di fondi di investimento mobiliare e immobiliare: queste le principali caratteristiche dell’intenso programma proposto quest’anno gratuitamente a tutte le pmi torinesi dal Comitato Torino Finanza, per far conoscere le opportunità offerte dal mercato dei capitali.

Gli appuntamenti si rivolgono alle imprese di tutti i settori (commercio, industria, artigianato e agricoltura), approfondendo in particolare la fase di analisi che precede la richiesta e l’attivazione delle risorse finanziarie. Questo per permettere agli imprenditori di poter disporre della qualità e quantità di credito coerenti rispetto alle proprie caratteristiche.

Tutti gli incontri, che si terranno presso il Centro Congressi Torino Incontra, via Nino Costa 8, sono a partecipazione libera previa iscrizione su: www.to.camcom.it/comitato-torino-finanza

Giovedì 29 giugno ore 17.30-  TO Make Cash King
Spesso il controllo di gestione si concentra sulle performance dell’impresa dal punto di vista economico e industriale. Ma in alcuni casi le criticità aziendali nascono dal processo di trasformazione di queste performance in cassa. Disporre di un processo di pianificazione finanziaria è dunque necessario per verificare se la traiettoria di sviluppo aziendale è coerente con il requisito di equilibrio finanziario, sia nel breve termine sia nel medio lungo termine. Il convegno si concentrerà dunque su questi temi, evidenziando rischi e indicatori utili per l’imprenditore.

Giovedì 21 settembre ore 17.30 - RiskiaTO
La gestione del rischio aziendale è una delle priorità di ciascun imprenditore, dal momento che un approccio strutturato di governo dei rischi può incidere notevolmente sulle condizioni per la creazione di valore. L’incontro affronterà dunque le varie fasi della metodologia “enterprise risk management”, ovvero:

  • identificazione e misurazione del rischio: la risk map
  • definizione della strategia di gestione del rischio
  • monitoraggio e reporting.

A gennaio 2018 - Banca, mi presenTO
Nell’incontro tra la domanda e l’offerta di credito, una politica di comunicazione ampia, trasparente e tempestiva porta indubbi vantaggi alle aziende, perché consente una migliore comprensione della situazione aziendale. L’incontro offrirà suggerimenti su come costruire la propria equity story, valorizzare il proprio modello di sviluppo sostenibile, far apprezzare la competitività e gli intangibiles aziendali, perché l’imprenditore possa disporre del credito alle giuste condizioni.

Ad aprile 2018 - FinanziaTO & FidanzaTO
Quali sono le opportunità, i rischi e i vincoli che derivano dall’ingresso nella compagine societaria di un socio finanziario? Esponenti del mondo bancario, venture capitale, fondi di investimento mobiliare e immobiliare lo spiegheranno, anche attraverso la rappresentazione di una operazione significativa realizzata nel corso del 2017.

Data da definirsi - Premio Finanza diecicenTO e Convention annuale
Prima edizione del premio 10100, dedicato alla migliore operazione finanziaria che ha permesso a una start up (10) un notevole salto dimensionale (100).

I Piani Individuali di Risparmio (PIR) 
Incontro dedicato all’approfondimento di questo nuovo strumento finanziario trait d’union fra PMI con potenziali di crescita e risparmiatore con un occhio di riguardo allo sviluppo locale.

Gli impieghi bancari delle imprese torinesi

Sulla base delle statistiche creditizie elaborate dalla Banca d’Italia, nel 2016 gli impieghi delle imprese torinesi sono ammontati a 24,4 miliardi di euro, in flessione dell’1,5 rispetto al 2015. La provincia di Torino si colloca al quarto posto nella graduatoria nazionale degli impieghi delle imprese (il 3,2% del totale), preceduta da Milano (il 14,3% degli impieghi complessivi delle imprese), Roma (il 10,3%) e Brescia (il 3,7%). A seguito della crisi economica e della stretta creditizia operata dal sistema bancario, nel periodo 2011 – 2016 gli impieghi complessivi delle imprese torinesi hanno accusato una riduzione del 5%, variazione negativa comunque inferiore a quella registrata da Roma (-20% rispetto al 2011), Brescia (-18%) e Milano (-15%).

Gli impieghi medi per impresa

Nel 2016 gli impieghi medi per impresa nell’area torinese sono stati pari a 127mila euro, in crescita del 2,3% nei confronti dell’anno precedente, grazie all’avvio di un nuovo ciclo di investimenti nell’ultimo anno. Se si considera l’anno più lontano (il 2011), Torino è l’unica, fra le prime quattro province, per ammontare degli impieghi delle imprese, a evidenziare un incremento degli investimenti medi per impresa rispetto al 2011 (+2,4%); Roma (-25,7%), Milano (-18,6%) e Brescia (-13%) manifestano, per contro, un calo.

Sofferenze bancarie

Nell’arco temporale 2011–2016, le sofferenze bancarie delle imprese torinesi sono quasi raddoppiate (da 1,62 miliardi di euro nel 2011 a 3,2 miliardi di euro nel 2016). In maggiore difficoltà sono apparse le imprese delle costruzioni con un incremento pari a (+164%) rispetto al 2011 e dei servizi (+112%); le sofferenze delle imprese manifatturiere sono aumentate solo del 41% rispetto al 2011, variazione molto al di sotto a quella complessiva delle imprese (+98%).

Comitato Torino Finanza

Il Comitato Torino Finanza, evoluzione dell'omonima associazione nata nel 1990, opera presso la Camera di commercio di Torino per favorire la crescita delle competenze finanziarie del territorio, permettendo alle imprese, pmi in particolare, un più agevole accesso ai mercati finanziari. Il Comitato, che può contare su una solida base associativa, con 15 rappresentanti dell'economia e della finanza piemontese, si pone come interfaccia tra il mondo finanziario e quello delle imprese  e opera al servizio di una nuova cultura finanziaria d'impresa attraverso numerose azioni: l’analisi di strumenti finanziari innovativi, anche attraverso l’istituzione di borse di studio per tesi sull’argomento, incontri e dibattiti, corsi di formazione, iniziative istituzionali.

 

Scarica qui le slide della presentazione

 


Ti è stata utile questa pagina?: 
Contatto: